Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

I laghi di Plitvice

Quel suono, ora soave, ora tumultuoso, non me lo tolgo più dalla testa.
Mi accompagna ad ogni passo, copre la voce, esalta i pensieri, rimbomba a lungo nella mente.

Laghi di Plitvice

Sovrasta il vociare dei turisti che ogni giorno, dalle coste assolate, si dirigono qui a migliaia per ammirare il più antico e più importante parco nazionale della Croazia.

piccole cascate ai Laghi di Plitvice

E’ un suono che rilassa, che ti penetra dentro lentamente, che travolge ogni pensiero e lascia la mente libera di vagare tra il turchese delle acque, il verde dei boschi e l’azzurro del cielo.

I Laghi di Plitvice dall’alto

E’ una melodia che ti culla la sera, quando esausta ti corichi e non riesci a pensare a nient’altro che non siano le meraviglie della natura in cui ti sei letteralmente immersaper una giornata intera.

E’ una canzone nostalgica che porti a lungo dentro e riaffiora, nota per nota, ogni qualvolta vedi una foto dei Plitivice Jezera o li senti anche semplicemente nominare.

uno dei miei luoghi preferiti ai Plitvice Jezera

Non so se ci possa essere un qualche legame tra la magia di quest’acqua che scorre per chilometri e incanta, e il senso di pace e protezione che tutti noi abbiamo provato nell’utero materno. So solo che passeggiare  sulle passerelle a filo d’acqua, camminare lungo i sentieri che incorniciano queste pozze d’immensità, perdersi ad osservare una goccia che scivola solitaria da una rupe sospesa nel vuoto e un ruscello che precipità da altezze vertiginose, dona una pace e una serenità difficili da descrivere a parole.

Passerelle a filo d’acqua attraversano i Laghi di Plitvice

Alcuni la chiamano chimica, altri la spiegano in termini geomorfologici, altri ancora con complicati discorsi scientifici. Io, che di tutto ciò non ci capisco nulla, la chiamo semplicemente la magia della natura.

So che è un fenomeno carsico, che ci sono voluti millenni per creare questi terrazzamenti naturali che contengono l’acqua formando 16 laghi lungo un percorso di 8 chilometri, che la formazione del tufo è strettamente legata alla presenza in queste acque di calcare, alghe e muschi. Eppure, davanti a tanta bellezza, preferisco seguire la lirica del creato.

Visitare questo luogo insieme ad un bambino è una di quelle esperienze che non si dimenticano più.

I suoi occhi si incantano davanti ai ruscelli che saltellano tra le rocce, all’acqua che zampilla o riemerge misteriosamente dal terreno carsico, alle cascate che possono arrivare a 78 metri di altezza.

cascata di 78 metri ai Plitivice Jezera

Le sue orecchie seguono il ritmo cadenzato dell’acqua che supera gli ostacoli, cercano l’eco nelle cavità delle pareti che si ergono tutt’intorno, impazziscono al frastuono assordante di enormi masse d’acqua che precipitano nel vuoto, si stupiscono del cinguettio di uccelli mai sentiti, temono l’avvicinarsi di lupi e orsi che da secoli popolano questi boschi.

Le sue mani raccolgono foglie, lanciano sassi che colano a picco, accarezzano cortecce più o meno rugose e muschi morbidi e vellutati.

E tu stai lì, davanti allo splendore di questa natura ancora selvaggia, ad imparare da lui a goderla con tutto il tuo corpo.
L’anima, per fortuna, è ancora capace di farlo da sola …

Informazioni pratiche:
D’estate i laghi sono aperti dalle ore 7 alle 20 e il biglietto giornaliero costa 110 kune per gli adulti ed è gratuito per i bambini fino ai 7 anni. Esistono anche biglietti per più giornate. Per maggiori informazioni, clicca qui
Ci sono due ingressi al parco, ma uno è chiuso durante il periodo invernale.
Esistono diversi tipi di percorsi, più o meno lunghi e difficoltosi. Considerate comunque di trascorrerci dentro almeno mezza giornata.
E’ possibile attraversare il lago maggiore con un battello elettrico e utilizzare dei trenini per muoversi tra i principali punti di interesse.
Consiglio di iniziare la visita alla mattina presto: dopo le 11 la folla aumenta notevolmente e, a quanto pare, in agosto si arriva anche alle 12.000 presenze giornaliere! Uomo avvisato …

Alloggio: 
A 12 km dall’ingresso ai Plitvice Jezera, sperduto in mezzo al nulla, si trova un piccolo maneggio che offre ospitalità in due piccole casette in legno. Un luogo da favola immerso nel silenzio e sorvegliato da un cielo pieno zeppo di stelle. Si chiama Jelov Klanac e nel loro sito internettrovate tutte le informazioni necessarie

Annunci

13 commenti su “I laghi di Plitvice

  1. Pingback: Gli strani ponti dei miei viaggi | Viaggi e Baci

  2. Pingback: Caccia al Tesoro, arrivano i Rospi! | I Viaggi Dei Rospi

  3. Pingback: I “miei” suoni dei miei viaggi | Viaggi e Baci

  4. Chiara
    21 giugno 2013

    I miei genitori ci sono stati negli anni ’70 e me li avevano sempre raccontati come il posto più magico dov’erano stati… Io sulle tracce dei loro racconti ci sono andata con amici e fidanzato nel 2003 e tornata nel 2009 con marito e altri amici…la prossima volta ci voglio portare Stella!! Aspetto che sia un po’ più grandicella per apprezzarli e poi viaaaaaaa! Non vedo l’ora di vedere la meraviglia nei suoi occhi davanti a quei laghi spettacolari!!! Nessuna foto mai gli renderà giustizia!

    • viaggiebaci
      24 giugno 2013

      hai perfettamente ragione, sono una meraviglia cheva vista di persona. Non ci sono foto o parole che possono rendergli giustizia …
      Pensami quando ci andrai, sarà come essere lì con voi

  5. acasadiclara
    17 giugno 2013

    sarà la nostra ultima tappa del giro in croazia. non abbiamo trovato posto nel vostro ranch, ma abbimao trovato una casetta in mezzo ai prati spero altrettanto carina. poi vi raccontiamo!! ciao!!

    • viaggiebaci
      17 giugno 2013

      aspetto di sapere tutto clara, perchè sono sicura che vi piaceranno. Unica raccomandazione: andate quando aprono così siete tra i primi della lunga coda che inevitabilmente si forma sulle passerelle. Dopo un’ora dall’apertura arrivano pullman su pullman

  6. ideamamma
    17 giugno 2013

    ci sono stata moltissimi anni fa e mi piacerebbe tornarci con i bambini… vedo che sono rimasti un posto fantastico!

  7. Annalisa
    17 giugno 2013

    Bellissimi! Anch’io li ho visti da bambina e non li ho più dimenticati…

    • viaggiebaci
      17 giugno 2013

      lo dico sempre che le cose che si fanno da bimbi restano incise nel cuore per l’eternità

  8. Pingback: I “miei” elementi dei miei viaggi « Viaggi e Baci

  9. Pingback: Terrazze: gli angoli che amo di più nelle case del mondo « Viaggi e Baci

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 luglio 2011 da in al lago, Croazia, meraviglie della natura con tag , , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: