Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Il Sentiero del Silenzio. Porta della Memoria

Quassù, dove l’orizzonte spesso non ha confini e la quiete delle foreste beneficia ed accomuna chiunque si accosti ad esse, ci si può sentire fruitori di un patrimonio che è svelato a ciascuno, di una “mostra” vivente tutta da leggere e da godere.
E’ quindi il caso di gustare questo patrimonio il più intensamente possibile con tutti e cinque i sensi, attenti ai suoni, agli odori, alle luci e alle ombre, al vento e alle piccole cose come ai grandi scenari e agli innumerevoli segni della presenza umana nel tempo …

“piccole cose e grandi scenari …”

Sono queste parole di Patrizio Rigoni, Maestro di Scuola e di Vita, a darci il benvenuto all’inizio del Sentiero del Silenzio – Porta della Memoria. Una serie di grandi installazioni in legno e acciaio disseminate tra i boschi, i prati e le radure dell’Altopiano d’Asiago, alcuni chilometri a nord di Gallio. Opere che si fondono e integrano intimamente con la bellezza di questi luoghi, a perenne ricordo di quanto vi accadde nel corso della Grande Guerra.

So che vi potrà sembrare un po’ strano trovare questo itinerario in un blog dedicato ai viaggi con bambini, ma chi meglio di loro può gustare questo patrimonio il più intensamente possibile, con tutti e cinque i sensi?
Chi più di un bambino sa inebriarsi del profumo del muschio, ascoltare lo scricchiolio delle foglie sotto i piedi, incantarsi davanti alla resina che gocciola da un tronco, esultare davanti alle cime imbiancate dalla prima neve?

profumo di muschio

Certo, con loro sarà un po’ difficile rispettare quel Silenzioche “menti benpensanti” esigerebbero in un luogo creato per commemorare lo spargimento di tanto sangue sacro alla patria.

Ma non sono loro il nostro futuro e i portatori di quella Memoria che, solo se coltivata, continuerà a dare un senso alla tragedia consumatasi quasù più di 90 anni or sono?
Testimoni
Personalmente sono convinta che le emozioni vissute nell’infanzia, anche sotto forma di gioco e di allegra scampagnata, lascino una traccia profonda in ognuno di noi e possano poi acquisire nuovi significati una volta raggiunta l’età adulta.
Ed è con l’idea di aprire un piccolo spiraglio nella Porta della Memoria che seguo i passi di mio figlio e dei suoi amichetti, intenti a cercare nel sottobosco paletti dipinti d’azzurro per seguire il sentiero che li porterà a scovare tesori il cui significato, al momento, ancora gli sfugge.

Sentiero del Silen
Come quello di quel grande uccello, sarà colomba o aquila?, scolpito nel marmo e imprigionato in una grande gabbia in legno, la cui sommità è aperta verso l’azzurro di un cielo incredibilmente terso.
 
O come quello delle dodici grandi braccia che escono misteriosamente dal terreno indicando punti diversi dell’universo, stringendo talvolta fiori e cartigli arrotolati.
Speranza
Subito chiaro, invece, è il senso di quelle grandi lastre arruginite disseminate nel sottobosco.
Lettere
Sono alcune delle lettere scritte alle famiglie dal fronte.
Parole che il tempo cancellerà sulla carta, ma che difficilmente se ne andranno dal cuore di chi si è fermato a leggerle qui, scostando le foglie trasportate dal vento.
Foglie che riportano alla mente la poesia di Ungaretti, mai così profondamente sentita come in questo luogo visitato in questa stagione.
Si sta come d’autunno
sugli alberi le foglie
Sono parole che noi mamme non ci sentiamo di leggere fino in fondo ai nostri figli, forse per scacciare scaramanticamente il timore di doverle ricevere un giorno, a nostra volta.
Ma il problema non si pone, perchè loro, con la loro allegria e vitalità di bambini, sono già corsi avanti.
Si siedono sugli elmetti dei due eserciti schierati, indicandosi a vicenda i quattro teschi minacciosamente posizionati al centro della composizione.
Eserciti
Girano intorno a grandi fiori arruginiti, chiedendosi perchè solo uno è giallo.
Vorrebbero arrampicarsi e intrufolarsi tra le quattro croci unite e sormontate dell’installazione dedicata alla Pietà.
Pietà
Si rincorrono, si nascondono, saltano tra i grandi massi bianchi disposti a formare il Labirinto Nero
Labirinto Nero
descritto da queste bellissime parole di Bertold Brecht
Al suo centro si trova un monolite che inneggia alla Pace in tutte le lingue.
E loro si divertono ad ascoltare e cercare di ripetere le nostre improbabili pronuce.
Si aggirano stupiti tra grandi sagome che stentano a riconoscere come figure umane a cui mancano dei pezzi.
Pezzi smembrati dalle atrocità della guerra, che ora giacciono al centro di questo strano cerchio e che loro cercano di riassemblare come in un grande puzzle tridimensionale.
Testimoni
Cercano di riconoscere letterine misteriosamente incollate su delle pietre, inconsci che la G non appartiene solo al compagno di scuola Giovanni, ma è qui per commemorare quei Giovanni che si sacrificarono per la nostra libertà.
Gli Immortali
Restano a bocca aperta quando li informiamo che il grande buco ai nostri piedi è stato formato dall’esplosione di una bomba vera.
Ora ospita l’ultima installazione di questo suggestivo percorso: dei tronchi spogli che sorreggono gigantesche piastrine di riconoscimento.
Frutti Gloriosi
Non vi sembra anche questo un bel modo per vivere la storia e tenere viva la Memoria?

Informazioni utili: il Sentiero del Silenzioha una lunghezza di 1,5 km su terreno per lo più pianneggiante e con i bambini può essere percorso comodamente in 1 ora e mezza o due. Il percorso, non  adatto a passeggini, disegna un anello intorno al Rifugio Campomuletto (1.602 metri s.l.m.), aperto nei week-end durante l’estate e la stagione sciistica.

Circa 300 metri prima del rifugio, sulla destra, c’è un tabellone esplicativo del progetto e delle installazioni, che potete trovare descritte anche sul loro sito.
Il sentiero parte proprio alle sue spalle ed è segnalato da paletti azzurri.
Rifugio Campomuletto a Gallio
Per raggiungere il Rifugio, attraversare il centro di Gallio e proseguire per circa 8 km verso la località Campomulo. Al bivio che conduce al Centro di Fondo, tenere la destra. La strada finisce proprio davanti al Rifugio Campomuletto.
Noi ci torneremo anche quest’inverno, perchè siamo curiosi di conoscere Caio, Brunetta e Adry …
Giardino delle Renne a Gallio
Annunci

9 commenti su “Il Sentiero del Silenzio. Porta della Memoria

  1. Pingback: Filastrocche sulle strade del mondo | Viaggi e Baci

  2. Pingback: Viaggiare è camminare … anche con i bambini! | Viaggi e Baci

  3. Pingback: In montagna con i bambini: c’è sempre una prima volta | Viaggi e Baci

  4. Chiara
    26 luglio 2013

    Non conoscevo questo percorso, mi piacerebbe davvero percorrerlo.
    Non c’entra, ma le lettere su quelle lastre mi hanno ricordato le lettere originali conservate nel museo della Risiera di San Sabba a Trieste tristemente nota come l’unico (o forse no?) campo di ptrigionia dotato di forno crematorio durante la Seconda Guera Mondiale…Lettere scritte dai prigionieri alle loro mamme, mogli, sorelle… Toccano nel profondo… Grazie Monica!

    • viaggiebaci
      26 luglio 2013

      Sai che proprio la scorsa settimana un’amica mi ha consigliato di andare a visitare la Risiera?!?!?
      Solo che non me la sento di farlo con un bimbo di 7 anni: è meglio che certe atrocità le venga a conoscere quando avrà gli strumenti per capirle nel modo giusto

  5. Pingback: La mappa dei tesori di pietra « Viaggi e Baci

  6. Pingback: Coraggio … si va al parco avventura di Roana! « Viaggi e Baci

  7. Pingback: Viaggiare è imparare. A vivere « Viaggi e Baci

  8. simona
    15 novembre 2011

    Che bello questo percorso, mi piacerebbe andarci.E hai ragione, con i bambini prima si inizia a far loro conoscere la storia e meglio è: le impressioni che si ricevono da piccoli sono le più indelebili, le più durature.

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: