Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Brrrrrr … che week-end!

E’ arrivata! E’ arrivata! – un grido fortissimo squarcia le prime luci dell’alba
Evviva! Evviva! – con tanto di salti sul divano …
Mamma, papà, venite a vedere … non crederete ai vostri occhi! – una manina, con la forza di un energumeno, cerca di farci uscire da sotto il piumone
E’ bianco dappertutto …– occhi sgranati che sprizzano gioia, come solo quelli di un bambino sanno fare
euforia per la neve …

Domenica mattina, ore 8.38.
Io e Coccinello Pazzerello siamo al calduccio, ancora mezzi addormentati sotto al piumone. Oggi la sveglia non suona, ma il nostro cucciolo si è già alzato per preparare la colazione (n.d.r. ottima scusa per mangiare di nascosto un po’ di Nutella!).
Alza la tapparella del salotto e …

MAGIA! E’ TUTTO BIANCO.
Sono giorni che aspetta questo momento, invidiosissimo dello zio Fabietto che se ne sta a Roma a giocare a palle di neve. Immaginate quindi le grida e i salti non appena scopre che nella notte ha nevicato anche qui …
Per noi non c’è verso di rimanere a letto un minuto di più …
sigh!!!

L’entusiasmo di un bambino è spesso contaggioso e quello per la neve è uno dei casi più ecclatanti.
Perchè, ammettiamolo pure senza vergogna, ci spiace vedere certe immagini alla TV, sapere tutti i disagi che ci sono in giro per l’Italia e immaginare i problemi che avremo lunedì per recarci al lavoro, ma ora è domenica, abbiamo tutta la giornata davanti e l’idea di quello che ci aspetta ci riempie di gioia e ci fa sentire di nuovo bambini.
Tornare bambini: ecco qual è la magia di quei grandi fiocchi bianchi che volteggiano leggeri nel cielo e in poche ore trasformano tutto ciò che ci circonda in un mondo surreale e fatato.

A dire il vero qui ne è caduta davvero poca.
Talmente poca che per fare un misero pupazzo dobbiamo faticare a raccatarla ovunque.

all’opera con la neve

La fatica è notevole, ma il risultato poi ci riempie di orgoglio.

ecco il nostro “gran” bel pupazzo di neve

Anche se costruire il castello di ghiaccio che sogna Samir si rivela ben presto un’impresa assurda, le ore passano veloci lo stesso.
Siamo i primi ad arrivare al parco giochi vicino a casa e lo troviamo ancora immacolato

Cosa c’è di più bello di poterlo avere tutto per noi per un po’, liberi di scoprire come la neve trasforma i soliti giochi in oggetti insolitamente divertenti e scivolosi???

E poi poter lasciare misteriose impronte sulla neve, immaginando le facce dei futuri esploratori intenti a scoprire a quale razza di strano animale appartengono …

di chi saranno queste strane impronte???

E ancora le palle di neve, le stalattiti di ghiaccio da leccare come ghiaccioli, gli assaggi di neve fresca, una grande lavagna naturale su cui scrivere. Risate, corse e capitomboli insieme all’amichetto Giovanni che nel frattempo ci ha raggiunto.

Nel pomeriggio la temperatura è davvero troppo bassa per uscire nuovamente. Così, armati di un bel sacchetto di pop-corn ancora tiepidi, andiamo nel piccolissimo cinema di Crosara a vedere Il figlio di Babbo Natale. Un cartoon che non avrei mai scoperto se non fosse stato per queste giornate polari, ma che consiglio di vedere perchè è davvero spassoso e divertente, nonostane il titolo non prometta nulla di speciale.
Se durante il periodo natalizio siete stati in visita alla Casa di Babbo Natale, non potrete resistere alla curiosità di conoscere tutta la sua famiglia; di vedere migliaia di elfi al lavoro con carta, forbici, fiocchi e nastro adesivo; di scoprire le novità tecnologiche che rischiano di far andare in soffitta la cara vecchia slitta. Ma soprattutto seguirete con il fiato sospeso le peripezie di Arthur e Nonno Natale per consegnare il regalo sbadatamente dimenticato al Polo Nord a quella piccola, deliziosa bambina che lo sta sognando nel calduccio del suo letto.
La storia è originale, l’atmosfera natalizia abbondantemente innevata, le risate assicurate.
Se vi ho incuriosito, godetevi questo piccolo trailer da YouTube.

E per finire la giornata alla grande … una tisana fumante alla liquirizia e un bagno caldo con bagnoschiuma alla cannella e schiuma strabordante dalla vasca!
Era questo l’inverno che volevo tanto

E voi come ve la siete spassata???

Advertisements

Un commento su “Brrrrrr … che week-end!

  1. MaestraLaura
    12 febbraio 2012

    qui da noi ha nevicato davvero poco-poco…nemmeno il tempo per poter portare in giardino i bimbi della scuola…peccato! due anni fa ha nevicato un pochino di piu':non eravamo attrazzati con gli stivaletti e quindi abbiamo portato noi dentro la neve…l'abbiamo messa nei lavandini e ci abbiamo giocato!!! ma il giorno dopo, attrezzatissimi, abbiamo giocato a palle di neve!!

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 febbraio 2012 da in around Marostica con tag , , , , , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: