Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Giochiamo a … costruire una nave dei pirati

Che cosa fate se il vostro cucciolo, dopo aver gioito per il costume da pirata che sognava da mesi, sgrana gli occhi e, allarmato, vi dice ma manca la benda, il binocolo, l’uncino e … la NAVE?
Passi per la benda, che si può fare facilmente o disegnare con i trucchi ad acqua.
Passi anche per il binocolo: basta un rotolo di cartone (tipo l’interno dello Scottex), la tempera marrone e un po’ di stagnola per le decorazioni.
Passi pure per l’uncino, facilmente realizzabile con una bicchiere di carta e un po’ di carta stagnola.

tremate pure! non avrò pietà di nessuno …

Ma … LA NAVE???

Bella domanda, eh?!?!
Penso che le soluzioni possibili siano tre:
1. vi girate dall’altra parte, facendo finta di non aver sentito e iniziate a fischiettare indifferenti
2. proponete di disegnarne una su un bel cartellone o, se non è ancora ora di cena, di costruirne una con le costruzioni
3. vi asciugate la fronte, iniziate a strizzare le meningi e a pensare dove trovare un cartone abbastanza grande

che bello scatolone: ne facciamo un castello o una nave dei pirati?

Magari a voi viene in mente qualche altra ipotesi. Io, nel giro di un nanosecondo, ho pensato queste tre soluzioni esattamente nell’ordine in cui le ho elencate.
Poi, con un bel sorriso, ho annunciato … domani ne costruiamo una grandissima, in cui puoi entrarci anche tu.
Non vi dico i salti di gioia. E nemmeno quanto ci siamo divertiti a realizzare insieme questo progetto.

la nave dei pirati prende forma

La cosa più difficile è stata
 arginare la mente euforica del mio piccolo ingegnere navale, piena di idee, di facciamo …, di perchè qui non costruiamo …, di ci manca solo … e avanti di questo passo.
Alla fine io avrei voluto anche dipingerla. Ma per lui è stato sufficiente disegnare a matita dei rettangoli con i puntini alle estremità per rappresentare le assi in legno e i chiodi.
E così è stato …
In fin dei conti, in questi momenti di gioco creativo l’importante non è il risultato estetico finale. Sono esperienze che servono a lui per sviluppare nuove idee, cercare soluzioni adatte a risolvere esigenze specifiche e poter realizzare qualcosa con le proprie mani.

alta scuola di ingegneria navale!

Ed ecco qui il risultato finale …

ecco qui la nostra nave dei pirati

In caso di attacco si possono aprire le bocche e far uscire i cannoni.

Nei momenti di pace la ciurma può godersi la vita all’interno dello scafo e aprire le finestre per ammirare la vastità dei Sette Mari e la bellezza delle terre che vi si affacciano.

osservate bene i dettagli: non manca (quasi) nulla

E poi, ovviamente, è possibile alzare o ammainare la vela a seconda della forza del vento

ciurmaaaaa … alzare la vela!

Il bello di questi giochi è che servono più giorni per essere realizzati.
Prima bisogna capire come sviluppare il progetto, poi reperire il materiale di riciclo (immaginate la fatica per trovare in pochi giorni l’interno di otto rotoli dicarta igienica!) e infine assemblare i vari pezzi, avendo pazienza che colla e colore si asciughino bene.
E’ quindi un bel modo per spiegare indirettamene ai nostri figli che gli oggetti che usiamo ogni giorno hanno alle spalle una storia ben più lunga dei pochi minuti che passano da quando li vediamo in un negozio a quando apriamo il portafoglio per portarceli a casa.

Ma state sicuri che loro sapranno godersi l’invenzione anche quando i lavori sono ancora in corso.
E spesso in un modo che noi adulti non avremmo nemmeno mai osato immaginare …

Ecco dove si è addormentato Samir per ben tre sere …

Come costruire una nave dei pirati:
Penso che guardando le foto non vi sarà difficile capire come siamo arrivati al risultato finale, ma se ci sono dei dubbi, chiedete pure e vi aiuteremo con piacere.
Buon divertimento!

Annunci

8 commenti su “Giochiamo a … costruire una nave dei pirati

  1. Jennifer
    12 febbraio 2014

    Che idea spettacolare!!!! sono una tata a tempo pieno in inghilterra e sto organizzando la festa del quarto compleanno di uno dei bambini di cui mi occupo… il tema e’ proprio i pirati e con questa tua idea hai dato una mega idea per intrattenere i bambini in questa occasione…. 2 navi e una battaglia… Grande!!! 😉
    Jennifer

  2. Norma Ricaldone
    18 dicembre 2013

    Ma che bella idea.
    Anch’io quando mio figlio era piccolo giocavamo con gli scatoloni, io ero il cavallo che tirava la carrozza (lo scatolone) con dentro lui, adesso mi viene un po’ difficile farlo ancora pesa più di 80 kg, quasi il doppio di me e poi dubito che ne abbia voglia.
    Ciao
    Norma

  3. Pingback: Bambini in vacanza: 7 idee NO-cost | Viaggi e Baci

  4. Pingback: Idee fai-da-te per decorare l’albero di Natale con i bambini « Viaggi e Baci

  5. Agnese e Alessandro
    17 giugno 2012

    Buongiorno a tutti… L’idea di costruire una nave dei pirati mi ha accompagnato per tanto tempo da bambino e devo dire che l’ingrgno dimostrato e visto in queste foto mi lascia senza parole. Tuttavia cercando una nave da pirati mi sono imbattuto in quella che alla fine e’ diventata la mia nuova attivita’. Adesso distribuisco in tutt’Italia casette in cartone, case per le bambole, navi da pirati, lego in cartone. Perché? Credo che i giocattoli realizzati in cartone siano un ritorno alle origini, ma un trampolino verso il futuro. Spieghiamo ai nostri figli che per realizzare questo giocattolo non sono stati abbattuti alberi. Mostriamo al nostro bambino che giocare insieme e’ più divertente. Facciamo crescere la loro fantasia e creatività a partire dalle fase si assemblaggio del giocattolo (impareranno che e’ più bello veder nascere un giocattolo che sceglierlo dagli scaffali di un negozio). Fa bene al portafoglio e fa bene al pianeta. I miei giocattoli li trovate su http://www.viveregreen.com cercate negozio on line e tutto bimbi.

    • viaggiebaci
      17 giugno 2012

      Condivido in pieno il tuo concetto di gioco e ti ringrazio per la riflessione che hai lasciato. Ho dato un’occhiata al vostro sito e le nostre navi si assomigliano … solo che noi siamo andati in giro per i negozi a recuperare tutto il materiale: al supermercato per il cartone, dal fiorista per il rotolo da usare come albero maestro e la carta per la vela, in vivaio per la canna che sorregge la vela, mentre i cannoni li abbiamo ottenuti con i rotoli di carta igienica colarata. Insomma, un lavoro molto più lungo (e più economico), svolto in più giornate, che dà modo al bambino di capire che “costruire un oggetto” comporta tempo e fatica e anche per questo va rispettato. Ovviamente il costruire per loro è già una parte del gioco e dà modo di sviluppare diverse abilità …
      Mi rendo conto che non tutti i genitori hanno tempo e fantasia, e quindi ben vengano le vostre proposte …
      Ma tante volet basta davvero poco e i nostri bimbi sono felici ugualmente: perchè vedono mamma e papà al lavoro con loro, a condividere piccoli grandi sogni.

  6. MaestraLaura
    24 febbraio 2012

    con gli scatoloni si possono fare cose eccezionali e anche i bambini imparano a sviluppare la loro fantasia! come dici tu, è anche un grande insegnamento che diamo…sapere quanto lavoro c'è in un progetto di questo tipo, quanto tempo ci vuole per realizzarlo e di conseguenza averne cura vien da sè! Brava Monica, vedo che Samir ne ha fatto una bella "cuccetta"!!

  7. Mammadesign
    24 febbraio 2012

    Funzionalissima la tua nave! E vedo che il tuo cucciolo l'ha apprezzata molto! 😀

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: