Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Danimarca low-cost

Bella, ma … costa troppo!
Questo il commento con cui molti amici hanno accolto i miei entusiastici commenti dopo la vacanza in Danimarca.
In effetti, non posso dire che sia un paese per squattrinati, soprattutto a causa del cambio euro-corona e dell’alta tassazione, ma con qualche trucco è possibile visitarla senza dover chiedere un prestito in banca. Che equivale a dire non visitarla, visto che le banche i prestiti non li concedono più!

Premessa indispensabile è che gran parte dei consigli che seguono sono applicabili solo se la raggiungete con la vostra automobile. Che poi come idea non è male, se pensate ai bei posti che potete visitare strada facendo e al fatto che le autostrade tedesche sono gratuite. Ovviamente, se viaggiate con bambini, servono almeno due settimane.

Danimarca in automobile

Il bello di viaggiare con la propria auto è che si possono caricare un sacco di cose. Anche coperte, lenzuola e asciugamani. Vi vedo già con gli occhi sgranati, ma questo piccolo trucchetto ci ha permesso di risparmiare una media di 35-40 euro a notte. Moltiplicate per i giorni di vacanza e il conto è presto fatto!
Certo, ad ogni nuovo cambio di B&B o ostello (in hotel non è possibile farlo) bisogna arrivare e farsi il letto. Guardate fuori dalla finestra, fate un bel respiro e pensate che è anche grazie a questi 5 minuti di fatica se potete essere lì. E se viaggiate con un piumone non dovete far altro che aprirlo.
E’ sufficiente portar via un solo cambio di biancheria perchè per lavarla potete chiedere ai proprietari: circa 6 euro a lavatrice.

Noi abbiamo sempre dormito in B&B, sfruttando la cucina per prepararci la nostra bella colazione all’italiana. Tutti erano forniti di the, zucchero, caffè all’americana: il resto (moka!) ce l’eravamo portato dall’Italia o lo comperavamo al supermercato. Frequentare il quale è un altro bel modo per farsi un’idea di come vivono le persone del posto.
Non nego poi che alcune sere abbiamo utilizzato la cucina anche per una cena frugale. Pasta, sughi e scatolette di tonno non occupano troppo posto nel bagagliaio e assicurano qualche serata tranquilla e con menu a misura di bimbo italiano.

colazionePer la prima volta in vita nostra, abbiamo anche dormito un paio di notti in B&B con bagni in comune, che costano decisamente meno di quelli con bagno in camera. Ammetto che prima di partire la cosa mi preoccupava un po’, ma visto che in auto ci sta anche la spugnetta e il detersivo, mi sono fatta coraggio e … non ho mai dovuto usarli!
Fortuna? Può essere, ma visto le condizioni in cui sono tenuti i bagni pubblici presenti in ogni paese, anche il più minuscolo, non direi proprio. In un museo ho trovato addirittura doppio water e lavandino: uno per gli adulti e uno per i bambini. E in un bagno pubblico oltre al sapone c’era pure il dispenser per il disinfettante mani.
In Danimarca c’è un forte senso civico e il rispetto delle cose comuni è una legge scritta nel Dna. E si sa che anche gli stranieri (alias noi italiani) lasciano tutto come trovano, soprattutto se la struttura è piccola e rischiano di essere sgamati.

Con questi piccoli trucchetti siamo riusciti a dormire in posti carinissimi spendendo una media di 82 euro a notte per la camera tripla.
Per mangiare, invece, l’unica soluzione economica, oltre alla cena-fai-da-te, è quella di accontentarsi di un hot-dog in uno dei camioncini ambulanti sparpagliati ovunque oppure di andare ogni tanto da MacDonald (anche qui prima volta dai tempi dell’università!). Lo abbiamo fatto due volte e in un Happy-Meal abbiamo trovato il biglietto di ingresso gratuito a Legoland, quindi ne è valsa decisamente la pena.
Un’altra buona soluzione può essere quella del eat how you can, specie di self-service dove paghi un tot, ti servi tutte le volte che vuoi e i bimbi pagano un prezzo ridotto. Quello del Louisiana Museum, a nord di Copenaghen, è ottimo. Ed è un’ottima soluzione per riempire la pancia dopo il panino del pranzo.
Ovviamente, viaggiando con la propria auto, ci si può portare dietro anche il frighetto da utilizzare per qualche lauto pic-nic, se la meta (e il tempo!) del giorno lo permette. E lo permette quasi sempre, visto che di spiagge e parchi ce ne sono ovunque e anche i musei hanno aree attrezzate.

Louisiana restaurantGli ingressi ai musei e alle varie attrazioni sono il vero punto dolente per chi viaggia con un occhio al portafoglio. Ma se uno viaggia per non vedere nulla … risparmia di più se sta a casa!
Qui l’unica cosa che mi sento di suggerire è quella di mettere in lista qualche museo con ingresso gratuito (pochi, ma ce ne sono), di fare un’attenta selezione di cosa volete proprio vedere (i Danesi amano le ricostruzioni storiche, ma alla fine molte si assomigliano tra loro) e di alternarla con delle belle passeggiate tra le bellezze naturali (come le scogliere di Moen e le dune mobili nel nord dello Jutland) e le piccole cittadine, tipo Skagen, Koege e Molentonder.

shopping in Danimarca

Ovviamente potrete spendere tutto quello che vi rimane in tasca in un attacco delirante di shopping. Ma ai bambini, invece di comperare giochi, potete proporre delle attività con le mappe e le brochure coloratissime che avrete raccolto nel corso della giornata.

giochi da viaggioPrima di augurarvi buon viaggio, vi ricordo che agosto in Danimarca non è alta stagione, poichè a inizio mese riaprono le scuole. Questo vuol dire che alcune attrazioni chiudono un’ora prima e che i prezzi sono leggermente inferiori a quelli di luglio, che è il clou della loro stagione estiva.

Annunci

14 commenti su “Danimarca low-cost

  1. 2italianiadublino
    7 gennaio 2014

    Leggendo il tuo articolo, ho rivussuto i nostri viaggi low cost, hai un stile nella scrittura simile al mio, sempre con un pizzico di comicità!! Ahh le lenzuola, anche noi ce le portiamo sempre tutte le volte che viaggiamo come backpakers!! Stessa cosa i pasti low cost, l’Ikea e Burger King ci hanno salvato la vita un sacco di volte!!! Ah ah ah! 🙂

  2. Pingback: Bed and breakfast: dove “sentirsi a casa” in Danimarca | Viaggi e Baci

  3. Alessandra
    28 giugno 2013

    Noi andammo in Danimarca con figli piccolissimi (10 mesi e 4 anni), sempre nei campeggi, ma poichè fra passeggino, pannolini, pappe e vasetto la tenda non entrava in macchina, dormimmo sempre in bungalows, a volte microscopici, con i nostri sacchi a pelo. Il campeggio offre il vantaggio che i bambini hanno spazio per giocare e per riposarsi. Noi avevamo camping-gas e spaghetti ed eravamo, come tante altre volte in Europa, un’attrazione per i vicini quando scolavo la pasta!

    • viaggiebaci
      30 giugno 2013

      ahahahahah … me li immagino i vicini a guardarvi nell’extraterrestre operazione di scoloare la pasta!!! 😉

  4. Pingback: Bambini in vacanza: 7 idee NO-cost | Viaggi e Baci

  5. lilianamonticone
    12 maggio 2012

    Posso permettermi di aggiungere qualche altro suggerimento?

    Il piumone noi lo abbiamo sostituito con 2 comodissimi sacchi a pelo che occupano meno spazio e che si possono unire, così il marmocchio può stare in mezzo senza problemi.

    I bagni confermo che sono ovunque pulitissimi (perfino nei parcheggi lungo le strade)! Altra soluzione col sacco a pelo sono i bungalow dei campeggi, anch’essi dotati di cucina.

    Esistono anche lì delle catene di supermercati lowcost (non ricordo il nome) che offrono la spesa a prezzi accessibili. Non si sa mai bene cosa si compra ficnhè non lo si apre a cena, però permettono di provare i loro cibi e a noi è piaciuto molto!

    E, ultima cosa, riguardo alle due settimane… mi sono messa le mani nei capelli quando l’ho letto, ma io sono perfettamente conscia di essere una madre snaturata e non faccio testo! 😀

    Noi abbiamo fatto in auto dall’Italia con nostra figlia di 8 mesi a Ottobre: Danimarca, Norvegia (Hurtigrutten), Finlandia e comeback in due settimane…. 😀

    In conclusione… ma quanto è bello viaggiare??? 🙂

    • Riadh
      13 maggio 2012

      E’ bellissimo!!! E tu Liliana sei davvero una viaggiatrice come piace a me … grande!!!
      Noi abbiamo visto un bungalow solo a Legoland ed era decisamente più caro del B&B, ma forse non fa testo …
      Grazie per i suggerimenti preziosissimi

  6. Riadh
    12 maggio 2012

    L’autista suggerisce la danza anti-pioggia….

  7. viaggiebaci
    11 maggio 2012

    ahahahahah … capace di stupirti, eh???
    A dire il vero nemmeno io sapevo che si potesse fare (magari solo in Danimarca? boh!), ma quando vedo arrivarmi diverse e-mail in cui differenziano nel prezzo tre voci (dormire-biancheria-colazione) capisco che è una cosa diffusa, faccio tre conti, capisco che mi conviene eccome e … carico il piumone in macchina!!!
    Certo non è proprio la vacanza all inclusive servita e riverita, ma per amore del viaggio di scoperta si fa questo e altro ;D

    • viaggideirospi
      11 maggio 2012

      Portare il piumone IN
      vacanza servita e riverita OUTTTTTTTTTTTTTTTTTT

  8. roberta
    11 maggio 2012

    in copenaghen ci sono anche agenzie che offrono la casa a costi contenuti, durante il periodo di agosto e luglio.I proprietari vanno a loro volta in vacanza e lasciano la casa in affitto a cifre modeste.
    Oppure con scambiocasa.com.

    • viaggiebaci
      11 maggio 2012

      grazie del suggerimento.
      lo scambiocasa l’abbiamo provato in Turchia e a Parigi ed è stata una bellissima esperienza che vorremmo ripetere anche quest’anno, ma non stiamo trovando nessuno dove ci interessa. Ovviamente abbiamo ancora le dita incrociate

  9. viaggideirospi
    10 maggio 2012

    Non ci resta quindi che partire e correre a vedere la Sirenetta??!!!
    Abbiamo anche noi lo stesso approccio low, ma giuro che se ero arrivata al tonno, Mc, e ostelli con bagno in comune…le lenzuola da casa ancora non le abbiamo provate!!!

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 maggio 2012 da in Danimarca con tag , , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: