Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

A Marostica con i bambini

Oggi le Mamme Viaggiatrici vi portano alla scoperta delle loro città, svelandovi in esclusiva i luoghi preferiti dai loro bimbi.
Anche se sono nata in un’altra regione, io parlerò di  Marostica. Un piccolo borgo murato ai piedi delle prealpi venete, di cui mi sono innamorata una decina di anni fa, tanto da venirci a vivere.

mura di MarosticaNon la conoscerò mai come uno che ci è nato, non so quale negozio c’era a quell’angolo vent’anni fa, non ho parenti che lavoravano nell’azienda che ora ha chiuso, non saluto nessuno dicendo buongiorno maestra!, ma la sento ugualmente MIA e questo mi basta.
Ho parlato di Marostica così tante volte in veste di guida turistica, che ora temo quasi di ripetermi. E allora sapete cosa faccio?
Vi invito a cliccare qui per vedere uno dei programmi televisivi in cui ho presentato la mia città davanti alle telecamere di Rai Italia. Prima del mio intervento, ci sono alcune scene davvero suggestive della Partita a Scacchi: guardatele perchè non c’è fotografia capace di ricreare la stessa atmosfera.

Fatto?
Bene! Allora adesso seguitemi per scoprire dove e quando potete vivere queste emozioni in compagnia dei vostri bimbi …

Iniziamo dalla Partita a Scacchi con Personaggi Viventi che, con i suoi 600 figuranti in costumi d’epoca, è certamente il momento clou della vita cittadina. E’ uno show che resta nel cuore per tutta la vita, soprattutto se visto quando castelli, dame e cavalieri hanno ancora il potere di uscire dal mondo delle fiabe e diventare realtà.
La Partita è un vero e proprio spettacolo teatrale, con un inizio clamoroso e un lieto fine coronato da fuochi pirotecnici che lasciano a bocca aperta. Dura circa  2 ore, ma le pedine grandi et vive fanno la loro comparsa solo verso la fine e restano in scena per poco più di 20 minuti. Tutto il resto è un susseguirsi di apparizioni di personaggi eleganti, musici, giullari, ballerine, sbandieratori, contadini e artigiani, convenuti in piazza granda per assistere a uno dei matrimoni più ecclatanti svoltosi entro i confini della Serenissima Repubblica di Venezia.
La Partita si gioca il secondo week-end di settembre degli anni pari. Questo quindi è l’anno giusto (7-8-9 settembre) e vi consiglio di non aspettare l’ultimo minuto, perchè i posti migliori volano in un battibaleno. Due suggerimenti: scegliete uno degli spettacoli serali (se costa un po’ di più, un perchè ci sarà, no?) e prenotate il posto in una delle tribune laterali (il prezzo è intermedio e la posizione è ottimale per gustarsi la partita vera e propria).

Partita a scacchi MarosticaPer vedere dal vivo la tradizionale lavorazione della paglia, invece, dovete assistere ad una delle rappresentazioni de Il Castello che Rivive. Questa manifestazione si tiene una volta al mese in primavera e, negli anni dispari, anche in autunno. Attraverso una serie di scene ambientate dentro e fuori al Castello Inferiore, si ripercorrono le vicende che portarono Vieri da Vallonara e Rinaldo da Angarano a sfidarsi al nobil gioco degli scacchi per ottenere la mano della Bella Lionora, la bionda figlia del podestà Taddeo Parisio.
Anche qui il rullo dei tamburi, le armi dei soldati, le acrobazie degli sbandieratori e i costumi delle dame sanno incantare a dovere lo sguardo di grandi e piccini mentre si aggirano tra la corte interna, le stanze affrescate, il mastio e le prigioni del castello.

Marostica lavorazione della pagliaLeandro Fantin, il gigante buono che avete visto nel filmato plasmare la ceramica, ci ha lasciato qualche settimana fa. I semplici attrezzi di lavoro che ha utilizzato per una vita intera davanti agli occhi estasiati dei bambini di Marostica, e non solo, riposano ora nella sua Vecia Botega. Nessuno prenderà il suo posto, nè in quella piccola stanza traboccante di sapere artigiano, nè nel mio cuore. Ma se volete ugualmente far provare ai vostri bimbi l’emozione di fare i ceramisti per un giorno, vi consiglio di contattare il Maestro Nico Toniolo che una volta al mese apre la sua Bottega del Tornio per svelare, e far provare, i segreti della tecnica raku. Noi ci siamo andati qualche mese fa e la nostra incredibile esperienza l’avevo già raccontata qui.

ceramica per bambiniSe vi state chiedendo qual è il periodo migliore per visitare Marostica con i bambini, rispondo ORA, perchè è appena iniziata la stagione delle ciliegie, a cui nessun bambino (a parte il mio!) sa resistere. Va da metà maggio a fine giugno e culmina con la tanto attesa Festa delle Ciliegie, l’ultima domenica di maggio (quest’anno il 27 ). Nei week-end precedenti e seguenti ci sono altre feste nei comuni limitrofi, quelli che rientrano nell’area di produzione della Ciliegia di Marostica IGP. Le date e le località le trovate elencate anche qui.

ciliege di MarosticaPer incontrare Beppe, lo splendido esemplare di gufo reale che avete visto alla fine del filmato, non dovete far altro che recarvi la domenica pomeriggio al Museo Ornitologico che si trova poco prima dell’ingresso al Castello Superiore. La dimostrazione di falconeria tenuta da Stefano e Michela è una di quelle esperienze che non si scordano e che sapranno tenere i vostri bimbi immobili per più di un’ora ad ammirare il volo di diverse specie di rapaci. Anche di questo ve ne avevo già parlato qui, dove trovate tutte le informazioni utili per organizzare al meglio la visita.

dimostrazione di falconeria Quello di cui non ho ancora mai parlato, nemmeno nel programma della Rai, sono le altre attività e manifestazioni a misura di bambino che è possibile fare o vedere a Marostica nel corso dell’anno:

1. assistere alla Carretera, una specie di palio cittadino in cui le varie contrade si sfidano a bordo di un rudimentale carretto, lanciandosi a tutta velocità lungo la strada che dall’alto del Castello Superiore arriva a Porta Breganzina e, da lì, in Piazza degli Scacchi. Quest’anno si terrà il 12 e 13 giugno e ci troverete a fare il tifo per Borgo Panica.

Carretera di Marostica

2. imparare a pattinare sul ghiaccio nella pista che tutti gli anni viene allestita durante il periodo natalizio davanti al Doglione. Se i vostri bimbi sanno già pattinare, voi potrete tenerli d’occhio mentre vi gustate uno spritz seduti sui tavolini all’aperto in uno dei bar della piazza. Quella di lasciare i bambini correre e giocare in tutte le stagioni sopra la grande scacchiera in marmo bianco e rosa è un’abitudine molto diffusa tra i locali, visto che la zona centrale della piazza è rialzata e senza traffico.

pattinaggio sul ghiaccio3. partecipare ai laboratori didattici e all’estrazione della tombola che si tengono durante la Fiera di San Simeone, l’ultima domenica di ottobre, in cui si mangiano le prime caldarroste e viene premiata la Zucca più Zucca. Per l’occasione in Campo Marzio arrivano anche le giostre e si tiene il mercato delle mucche, che tanto successo ottengono sempre tra i più piccoli.

Piazza degli Scacchi4. passeggiare all’ombra di ulivi e ciliegi lungo i sentieri che si srotolano tra le colline che abbracciano la città o partecipare a una delle due marce podistiche più popolari della zona: quella del Beato, in primavera, e quella di Macondo, all’inizio dell’autunno.

passeggiate a Marostica5. approfittare della bella stagione per gustare una buona grigliata in una delle sagre cittadine, dove spesso c’è musica dal vivo e vengono organizzati giochi o attività per bambini. La nostra preferita è a Borgo Panica, a inizio ottobre: la cucina è sempre eccellente, c’è una gara ciclistica che manda in visibilio le ugole dei più piccoli e termina con l’arrivo della banda musicale.

vestito da guardia medievale

6. assistere a uno dei concerti o spettacoli che si tengono in piazza, tipo quelli per bambini organizzati a luglio e agosto per il Mini Fest di OperaEstate Festival. Ma credetemi che anche quando ci sono i concerti jazz, pop e la banda degli alpini, non serve pregare i bambini perchè si esibiscano in danze scatenate.

Che altro dire, se non che vi aspetto?

Castello di Marostica

Buono a sapersi:
– il Castello Superiore può essere raggiunto a piedi percorrendo il Sentiero dei Carmini; servono scarpe comode e, se i bimbi non camminano ancora, zainetto-portabimbi (impossibile farlo con il passeggino). Altrimenti andate in macchina seguendo la strada che parte da Porta Breganzina
– a poche centinaia di metri dalle mura ci sono due bei parchi giochi: Campo Marzio sul versante orientale e Borgo Panica su quello occidentale
– il Castello Inferiore è visitabile tutti i giorni, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18; i bambini fino ai 6 anni non pagano la visita, quelli dai 6-11 anni la pagano € 3,00 e gli adulti € 5,00. Con lo stesso biglietto è possibile visitare anche il Museo della Partita a Scacchi, fare il giro del camminamento di ronda e salire fino il cima al mastio, da cui si gode il miglior panorama della città.
– l’Albergo Due Mori è l’unico dentro alle mura e le sue camere offrono scorci suggestivi sulle mura medievali e i castelli. Per i bambini dispone di culle, scaldabiberon, seggiolone, vaschetta ergonomica per il bagno, biciclette con seggiolino e tanti ottimi suggerimenti su cosa fare nei dintorni, dove mangiare e dove trovare il gelato e la cioccolata con panna migliore della città.

Prima di partire, vi invito a venire insieme a me alla scoperta di Napoli, Bagno Vignoni, Milano e Postino, le città delle amiche del Circolo delle Mamme Viaggiatrici. Chissà Melissa, la mamma americana, dove ci porterà???

Annunci

23 commenti su “A Marostica con i bambini

  1. Pingback: A Marostica per la fioritura dei ciliegi | Viaggi e Baci

  2. Pingback: #invadiamovicenza: tutti i musei aprono le porte a #invasionidigitali | Viaggi e Baci

  3. Pingback: Halloween e il Veneto dei Misteri | Viaggi e Baci

  4. Pingback: Ad Anghiari, non solo per la battaglia | Viaggi e Baci

  5. Pingback: A spasso con la gente del luogo | Viaggi e Baci

  6. Pingback: La foto della domenica e … la Caretera 2013 | Viaggi e Baci

  7. Pingback: Sons et Lumière al Teatro Olimpico | Viaggi e Baci

  8. Pingback: #invasionidigitali formato family nella città del Palladio | Viaggi e Baci

  9. Pingback: Nel set di Velisti per Caso « Viaggi e Baci

  10. Pingback: io e il mio blog: pensieri di fine anno e … un invito a voi per quello che comincia! « Viaggi e Baci

  11. Pingback: Parco Cappeller, la nuova Arca di Noè « Viaggi e Baci

  12. vogliounamelablu
    28 maggio 2012

    Hai ragione, Marostica è un posto molto bello e accogliente!! Abitavo vicino e ci siamo venuti molte volte.. la sera la piazza è romantica, soprattutto quando nell’aria c’è di Paolo Conte…

    • viaggiebaci
      28 maggio 2012

      ehi! allora la prossima volta fai uno squillo che ci prendiamo un caffè insieme nel salottino della città … ;D

  13. Riadh
    23 maggio 2012

    Ecco a noi mancava un Festiva Bare sinceramente a quei tempi la guardavo dalla Tunisia e miei occhi ed orecchie erano attenti a tutti i partecipanti, ma l’anno scorso mi sono rifatto a sentire Mario Biondo seduto su un tavolo al Bar dalla Piazza e degustando un Drink… a giorni arrivano le date e i nomi dei vari ospisti del Jazz in Piazza Castello e questa volta porto con me Samir magari sul palco!!!

  14. mammematte
    23 maggio 2012

    Bello bello bello, bisogna assolutamente venire nelle prossime settimane, sperando solo che ‘sto tempo ce lo permetta…
    Tanto per farti un po’ divertire, sul mio blogghetto c’è un regalino x te…bacio!

    • viaggiebaci
      23 maggio 2012

      Grazie infinite, cara!
      Spero di vederti presto da queste parti

  15. viaggideirospi
    22 maggio 2012

    C I L I E G EEEEEEEEEEEEE!!! Non posso farne a meno…

  16. mikka
    21 maggio 2012

    Io ci sono stata a Marostica alla sagra delle ciliegie tantissimi anni fà, e me lo ricordo ancora. Spero di ritornarci.
    ciao

  17. Vaty
    21 maggio 2012

    Lo sai che Marostica, ma tutto il Vicentino lo porto nel cuore?
    E già.. perchè oltre ad adorare i viaggi, ho viaggiato molto da piccola, e non solo all’estero!
    infatti da giovane ho vissuto 3 anni nel vicentino: andavo a scuola a thiene e a Marostica ho assistito ad un fantastio FESTIVALBAR nel ’94!!
    Che ricordi.
    Marostica, in particolare, mi ha colpita tanto. meravigliosa.
    grazie per questo tour 🙂

    • viaggiebaci
      21 maggio 2012

      cavolo Vaty, ma allora abbiamo davvero tanto in comune!!!
      Io ci sono arrivata nel 2002, quindi ci siamo solo sfiorate … chissà che il destino non ci porti a incontrarci prima o poi 😉
      Comunque non è lontana da dove vivi e nei prossimi annetti potrebbe essere un’ottima meta per una gita domenicale: la tua bimba cercherà sicuramente il suo principe azzurro tra le sale del castello.
      Non so se hai cliccato sul video della Rai: fallo se vuoi fari prendere ancor più dalla nostalgia …

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: