Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Vacanze in bicicletta … e i bambini?

Da anni sogno di fare una vacanza itinerante in bicicletta, ma con l’arrivo del baby-viaggiatore mi sono vista costretta a mettere questo sogno in un cassetto. Temporaneamente, si intende.
A dire il vero, è un tipo di vacanza che si può fare anche con bambini molto piccoli, come ci insegnano gli stranieri che sfrecciano per le nostre città con carrellino porta-bimbi al seguito. Personalmente, però, preferisco aspettare il momento giusto e intanto … mi preparo.
O meglio, inizio a preparare il mio piccolo compagno di viaggio perchè quando si viaggia con bambini, come per il camminare, i lunghi viaggi in macchina, le visite a musei, ecc … serve un po’ di allenamento!

vacanza in bicicletta a Marostica

vacanze in bicicletta con bambini … si può fare!

Andare in bicicletta piace moltissimo ai bimbi, è un mezzo di trasporto ecologico ed economico, permette di notare particolari che la velocità degli altri mezzi non permette di vedere e di fermarsi ogni qualvolta la curiosità sia catturata da qualcosa di interessante. Però è assurdo programmare una vacanza in bicicletta se non si è abituati a pedalare nella vita di tutti i giorni o nei momenti di relax. Potrebbe trasformarsi in un incubo, anche se i bambini sono già grandicelli.

Quando iniziare?
L’ideale è abituarli alla bicicletta fin dal primo anno di vita, portandoli a spasso sul seggiolino ogni volta che è possibile. Se vedono mamma e papà pedalare abitualmente, per il desiderio di emulazione che è tipico della loro età, vorranno farlo presto anche loro. E appena inizieranno ad usare la bicicletta con le rotelline vi chiederenno di fare un giro fuori dal classico parco giochi, come i grandi.
In molte città esistono piste ciclabili in cui cimentarsi con questi primi esperimenti. L’alternativa è quella di caricare la biciclettina in macchina quando si fa una gita fuori porta in località tranquille e quando si va in vacanza.  In montagna e campagna ci sono un sacco di stradine poco frequentate; al mare e al lago le piste ciclabili sono una realtà ormai diffusa.

Pian del Cansiglio in bicicletta

prove tecniche sul Pian del Cansiglio

Le stesse località e occasioni sono adatte anche per i primi esperimenti da ciclisti veri. Noi abbiamo iniziato in questi mesi e ieri abbiamo fatto la nostra prima gita in bicicletta con pic-nic finale in una villa.
Come è andata?
Benone! Basta tener presenti alcuni accorgimenti …

villa veneta Marostica

giro in bici con pic-nic in villa

1. programmare un itinerario di pochi chilometri, definendo una meta che sia piacevole per il bambino, tipo la casa di un amichetto, una gelateria o un pic-nic , come abbiamo fatto noi ieri mattina. Con bella fetta d’anguria per sconfiggere il gran caldo …

angurie

con il caldo una fetta d’anguria è quel che ci vuole per riprendere energia

2. scegliere stradine secondarie e poco trafficate, in cui il bambino sia al sicuro anche se sbanda o non tiene rigorosamente la destra. Se non le avete vicino a casa, potete recarvici in macchina e iniziare il giro in bici da lì.
Se la macchina non ha il porta-biciclette, si può caricare la bici piccola nel bagagliaio e far andare uno dei due genitori in macchina con il bambino e l’altro in bicicletta fino al punto di partenza. In questo modo ci sarà sempre la possibilità di far risalire il giovane ciclista in macchina quando è stanco. Stremarlo di fatica ai primi tentativi è un pessimo inizio.

vacanze in bicicletta

pedalando lungo stradine solitarie

3. insegnare le regole stradali prima di partire e verificarne l’apprendimento con dei semplici giochini da fare, anche a piedi, nel giardino di casa o in salotto. Impartire per gioco e in un ambiente sicuro degli ordini tipo gira a destra, stop, rallenta, accellera garantirà un’atmosfera rilassata e gioiosa sia a chi impara che a chi insegna.
Quando si è per strada, poi, tali ordini vanno ripetuti ad alta voce e in tempo utile perchè vengano eseguiti in maniera corretta. Sconsiglio di far affidamento solo alla capacità del bambino di riconoscere i segnali stradali: l’emozione delle prime volte e la concentrazione necessaria per stare in equilibrio potrebbe giocare brutti scherzi.

insegnare l'educazione stradale

verifica on the road dell’educazione stradale appresa a casa

4. approffittare dell’occasione per insegnare al bambino che in strada non si fanno gare, anche se sicuramente vi sfiderà con un bel vediamo chi arriva primo?
Io ho semplicemente trasformato la sfida in un più efficace vince chi arriva alla villa senza mai lamentarsi.
E il risultato eccolo qua …

bambini in bicicletta

stratagemma in caso di salita …

Da stanco, si è fermato con la scusa di bere un po’ d’acqua e quando c’è stata una bella salitina da fare, non ha fatto altro che scendere e iniziare a spingere la bicicletta a mano. Di corsa, ovviamente …

5. Far indossare il casco omologato e portare con sè dei cerotti e disinfettante da usare in caso di caduta. Bottiglietta d’acqua e  snack sono sottintesi.

casco per bicicletta

in tenuta da ciclista

Questi sono solo i primi tentativi …
Che ne dite, ce la farò nei prossimi anni a realizzare il sogno che si è riacceso dopo le vacanze in Danimarca dello scorso anno?
Boh!
Io intanto vado a dare un’occhiatina nei programmi family di Girolibero e ricordo che per l’estate 2012 il nostro albergo offre un pacchetto in bicicletta dedicato a tutti gli amanti dell’arte e dei capolavori di Andrea Palladio.
Però io, pur essendo ottimista, per quest’anno mi accontento di girare tra i campi e i colli che circondano Marostica … tanto sono bellissimi!

campo di grano

ciò che circonda i nostri primi esperimenti on-the-road

Ti potrebbero interessare anche:
A Bassano del Grappa in bicicletta
In viaggio con i bambini: quale mezzo di trasporto scegliere?
A proposito di ambiente … qualche idea per piccoli lettori
Al lago di Calaita, in fuga dal gran caldo

Annunci

19 commenti su “Vacanze in bicicletta … e i bambini?

  1. Pingback: Le strade dei miei viaggi | Viaggi e Baci

  2. Pingback: Viaggiare è camminare … anche con i bambini! | Viaggi e Baci

  3. Pingback: A spasso con la gente del luogo | Viaggi e Baci

  4. Pingback: I diritti dei bambini in viaggio – 1° parte | Viaggi e Baci

  5. Daniela e Marco Cerisola
    5 ottobre 2012

    Ci piace molto il tuo splendido sito e abbiamo apprezzato particolarmente questa pagina. La pubblicizziamo nella nostra pagina “link”. Anche noi abbiamo abituato i nostri figli, sin da piccoli, alle vacanze in bici e ad ammirare il mondo, con calma, prima dal carrellino, poi dal seggiolino, e ora dal sellino. Il nostro più recente viaggio è stato lungo l’intero corso del fiume Po: https://sites.google.com/site/zappacerisola/Home/accetto/po Un giorno verremo a Marostica. Ciao!

    • viaggiebaci
      5 ottobre 2012

      Grazie Daniela e Marco,
      mi fa molto piacere e vi ringrazio. Sono venuta a sbirciare il vostro sito e voglio complimentarmi con voi per i viaggi che state facendo su due ruote insieme ai vostri bimbi. Chissà se un giorno ce la faremo anche noi …. speriamo che sia vero il detto “chi ben comincia è a metà dell’opera” 😉

  6. Daria
    24 giugno 2012

    Io adoro la bicicletta e fin da piccolissime la hanno amata e la amano le mie bimbe. La piccoletta (17 mesi) ogni volta che le si dice di uscire va in garage e si attacca alla bici! Per Alice che ha 4 anni oltre alla classica bici con rotelle abbiamo anche la bici senza pedali che lei adora! Per ora se usciamo per fare qualche passeggiata a piedi attorno a casa lei ci segue con la sua bici senza pedali, oppure se ci spostiamo in centro in auto la carichiamo in bagagliaio così siamo sicuri che lei non si stanca a camminare… quando sarà più grande si vedrà per il resto! Il tuo articolo è molto bello e mi ha fatto venire voglia di un viaggio in bici!

    • viaggiebaci
      25 giugno 2012

      Siamo in due … e a quanto pare anche tu sei sulla buona strada per vederlo realizzato! Certo, servirà un po’ di paziena, ma prima o poi arriverà anche quel momento. Come si dice: chi ben comincia è a metà dell’opera 😉

  7. viaggideirospi
    20 giugno 2012

    sei sempre unica!!!
    Leggendo le vostre esperienze posso dire di avere in casa il futuro Brumotti…2 anni, pedala senza paura e si lancia dai marciapiedi e dai gradini!!!
    La vacanza in bici l’ho sempre vista come una fatica inenarrabile…ma dopo 3 mesi di spinning devo dire che inizio a farmi le gambe e grazie anche al camper test, dove le bici sono state la prima cosa che abbiamo caricato, VOTO UFFICIALMENTE Sì!!!

    • viaggiebaci
      20 giugno 2012

      Beh!bisogna scegliere la stagione giusta e un percorso breve per iniziare, ma penso che si possa fare …
      Io tifo Federico … so che non mi deluderà!

  8. Laura Merlo
    19 giugno 2012

    Monica qui sfondi una porta aperta, lo sai come la penso: le bici sono la prima cosa che carichiamo in camper, e quando studiamo un itinerario il primo controllo va alle piste ciclabili della zona! Bici sempre e ovunque, in Olanda, in Inghilterra, in Austria, in Francia, in Belgio, in Germania, in Croazia. Finchè erano piccoli nel seggiolino, poi il grande in bici e il piccolo trainato dal cammellino, ora finalmente dallo scorso anno ognuno con la propria.
    E ti ho anche già raccontato le vacanze in Austria di mio fratello due anni fa: 3 bambini da 1 a 3 anni, 1 mamma, 1 papà, 2 biciclette + 2 carrettini + 1 seggiolino e…tenda! Pazzesco, ma bellissimo 🙂
    Per i bambini resta comunque fondamentale l’allenamento e una buona conoscenza delle regole stradali. Noi andiamo a scuola ogni giorno in bici (1.5 Km x 2) e l’auto in città non la usiamo mai, e questo aiuta molto.

    • viaggiebaci
      20 giugno 2012

      Sei un mito Laura, ma lo sapevo già!
      Tuo fratello poi è ancora più fuori di testa di me … ahahahahah!
      Quasi quasi lo invito a testimoniare la sua esperienza sul mio blog … sarebbe un bel esempio per incentivare la cultura dei viaggi con bambini!

  9. carlafamily
    18 giugno 2012

    Beh dai hai un ciclista nato in casa. E’ spettacolare.
    I Paesi Bassi in bicicletta…… favolosi!

    • viaggiebaci
      20 giugno 2012

      Non li ho mai fatti, ma è stato il primo caso di cicloturismo che ho sentito nominare … 24 anni fa! In Italia era una cosa impensabile, ma io ne sono rimasta affascinata … chissà!

  10. luisa
    18 giugno 2012

    Mmm, la bicicletta i miei figli la adorano e sfrecciano via velocissimi, il grande senza rotelle da quando ha 4 anni e mezzo, il piccolo senza rotelle e senza pedali, ma io…no, una vacanza itinerante in bici non potrei! Le bici le portiamo, perchè sono le nostre compagne preferite e non potremmo mai lasciarle a casa, ma da usare per passeggiate ed escursioni. Sono pigra,che dici?

    • viaggiebaci
      20 giugno 2012

      beh! non lo so …
      guardando i programmi family nei tour che ho indicato si fanno 130-150 km in una settimana, che vuol dire una media di 20-25 km al giorno. Considerando che i bagagli li portano loro e che le strade sono ciclabili, penso che con bimbi sugli 8-9 anni abituati a pedalare il programma sia fattibile …
      Sui genitori … è tutta un’altra storia! Per mio marito sarebbe un’impresa titanica e folle … 😉

  11. acasadiclara
    18 giugno 2012

    ciao mio figlio piccolo ha 5 anni e va ancora con le rotelle (sigh) e attendiamo il momento in cui sarà bici-indipendente (portarlo sul seggolino ormai pesa troppo, sarebbe sfiancante per l’adulto di turno).
    Due anni fa però abbiamo sperimentato una vacanza speciale: siamo stati una settimana all’Ile de Re http://www.iledere.com/ , di fronte a La Rochelle (costa atlantica francese). Sull’isola tutti si muovono in bici, vanno alla spiaggia, al mercato, al paese vicino e ci sono 100 km circa di piste ciclabili. L’isola non è grande: è lunga 30 km e larga 4 quindi attraversabile in bici anche da chi non è allenato (il trucco è cercare di alloggiare al centro dell’isola in modo da aver spazio per gite da una parte e dall’altra senza schiattare sulla pista). E’ una valida alternativa al viaggio itinerante! ciao!!!

    • viaggiebaci
      18 giugno 2012

      Il mio ha chiesto esplicitamente di toglierle a 5 anni e 8 mesi, dopo inutili tentativi di qualche mese prima. Ovviamente … detto e fatto! Come sempre quando decidono loro …
      Quindi coraggio: manca poco al grande momento!
      Grazie per la dritta. La zona l’avevo presa in considerazione 2 anni fa, ma non sapevo che offrisse anche questa opportunità!
      il mare com’è? balneabile o troppo freddo per i bambini?

      • acasadiclara
        18 giugno 2012

        balneabile è una parola grossa. diciamo che se il clima è caldo (28-29 gradi come quando siamo andati noi) si può sguazzare senza congelare. poi ogni tanto il mare scompare per la marea….però le spiagge sono bellissime, lunghe e di sabbia bianca. per fare i castelli di sabbia sono perfette. Buonanotte!

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: