Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Turchia: un tocco d’Oriente

Quando ho letto dell’iniziativa di Vaty, che chiede ai lettori di A Thai Pianist di pubblicare un post con delle foto scattate in Oriente o con delle ricette della cucina orientale, ho subito capito che faceva al caso mio.
Adoro i libri di Tiziano Terzani ed è grazie alle sue avventure in Asia se ho iniziato a sognare un viaggio in un continente dal fascino irresistibile. Inoltre pratico Tai-Chi da un paio d’anni e questo mi sta aiutando a cogliere lo spirito e la saggezza della cultura cinese, quella antica che amava il caro Terzani, non quella consumistica e occidentalizzata che si sta espandendo a macchia d’olio negli ultimi anni.
Avrei tanto voluto partecipare con delle foto e dei racconti dall’India, dalla Birmania, dallo Sri Lanka o da Bali: i paesi in cima alla mia whishing list in caso di un viaggio verso Est.
Ma …

viaggio in Estremo Oriente
in Oriente – quello dei grandi Buddha, dei giardini Zen, dei templi immersi nella foresta, delle risaie che si perdono a vista d’occhio, dei piatti insaporiti con curry e salsa di soia – io non ci sono ancora mai andata …
Eppure a questa iniziativa di Vaty voglio proprio partecipare, perchè lei è dolcissima e il suo blog mi piace molto. Così colgo al volo la possibilità di quell’asterisco che chiarisce che con Oriente si intende tutta l’Asia.
Bene, bene: allora un paesino io ce l’ho …

bandiera Turchia

due mezze lune sull’acropoli di Assos

ed è un paese che amo moltissimo, perchè mi ha follemente ammaliata fin dal primo viaggio ed è parte integrante del mio essere mamma – chi ha orecchie per intendere, intenda pure!
Diciamo che è il ponte tra l’Europa e l’Asia e che la foto di questo ponte ottomano scattata nei pressi di Assos rappresenta bene la sua situazione economica e sociale.

Assos, ponte ottomano

ponte ottomano nei pressi di Assos

Come altri paesi del continente asiatico è in fase di pieno sviluppo, con un aumento del Pil che si aggira sul 10% annuo. In compenso, una parte della popolazione è ancora legata a tradizioni secolari e nelle aree rurali capita di assistere a scene che sembrano uscite dai film del dopoguerra.
Ecco perchè questa foto, con l’accentuata spinta verso l’alto del ponte a dorso d’asino e il legame con la sacralità della tradizione – rappresentato dalla donna che guarda verso il basso- , è la quintessenza della Turchia che si affaccia sul terzo millennio.
Il rapporto tra antico e moderno, tra innovazione e tradizione, tra aspirazione ad entrare in Europa e orgoglio di genuflettersi in direzione della Mecca, è uno degli aspetti che più mi ha colpito di Istanbul, la capitale. Dove, ad ogni passo, si possono ammirare accostamenti come questo, immortalato durante la gita in battello sul Bosforo.

Bosforo

modernità e tradizione si mescolano sul Bosforo

Certo non è l’Oriente di Marco Polo. Ma passeggiando tra i vicoli e i monumenti di Sulthanamet è facile immaginare quanto bizzarra, eccentrica e stupefacente dovesse sembrare questa città ai mercanti e agli ambasciatori giunti dal vecchio continente.

Istanbul Moschea Blu

Istanbul, la grande Moschea Blu di notte … da non perdere!

Se per Oriente intendete un luogo dal sapore esotico,
dove la grafia è considerata un’arte

calligrafia araba

eleganza della calligrafia araba nel Topkapi, il palazzo del Sultano

la natura una forza magica capace di plasmare forme uniche al mondo

Cappadocia, camini delle fate

Camini delle Fate in Cappadocia … un luogo del cuore!

la storia una saggia maestra che utilizza il verbo architettonico per trasmettere la magnificenza degli imperi passati

biblioteca di Celso

La biblioteca di Celso, a Efeso, conteneva 12.000 rotoli!

il cibo un connubio di sapori e profumi da inebriare l’anima

cucina turca

Gran bazar ad Istanbul: cosa saranno mai quelle cose appese???

le stoffe un tripudio di colori e trasparenze

stoffe orientali

una stoffa stesa al sole nell’isola di Kekova

l’artigianato un inno alla bellezza che si cela timidamente negli oggetti più umili

zucche decorate

zucche decorate nelle botteghe di Alanya

il mercato un luogo di incontro dove lo scambio è solo un corollario a mille altre attività

mercato arabo

al mercato di Selcuk

l’ospitalità un dovere sacro anche quando si ha poco da offrire

ospitalità turca

incontri tra i vicoli semiabbandonati di Sirinice

allora non ho dubbi: la mia Turchia, nella sua anima più pura e lontana dalle logiche consumistiche occidentali, è Oriente allo stato puro. Di cui oggi ho voluto condividere con voi almeno … un tocco!
Ti potrebbero interessare anche:
Ricordando il Topkapi
In vacanza nel regno della Chimera
“Il mio nome è Rosso” di Orhan Pamuk
Essaouira: una perla splendente nel blu dell’Oceano

Annunci

22 commenti su “Turchia: un tocco d’Oriente

  1. Pingback: Tunisi: tour tra i meandri della memoria | Viaggi e Baci

  2. Pingback: Scambio Casa: la nostra esperienza in Turchia | Viaggi e Baci

  3. Pingback: Namibia: viaggio in compagnia degli animali | Viaggi e Baci

  4. dany
    8 gennaio 2013

    splendido racconto di viaggio. Amo la Turchia in tutta la sua essenza e tu sei riuscita ad esprimerla benissimo!

    • viaggiebaci
      8 gennaio 2013

      grazie 🙂
      Anche per me è uno dei paesi più belli del Mediterraneo

  5. Pingback: Sono turche le pietre dei miei viaggi « Viaggi e Baci

  6. viaggideirospi
    13 luglio 2012

    Ma che meraviglia!! Pensa che mi avevano proposto la stagione in Turchia a Bodrum. Io rifiutai perchè avevo deciso di trovare lavoro a Milano…e poco dopo incontrai il mio Rospo!! Se avessi scleto la Turchia, chissà dove sarei ora!!!

  7. Tiziana
    13 luglio 2012

    Un tocco molto suggestivo. Cara Monica quando scrivi di qualcosa che ti emoziona, ti assicuro che arrivano anche qui. Dopo questo post devo andare a conoscere Vaty. Ciao cara

    • viaggiebaci
      13 luglio 2012

      Corri cara Tiziana: è uno degli incontri più belli che ho fatto ultimamente. E se ti dai da fare, sei ancora in tempo per partecipare …

  8. Vaty
    13 luglio 2012

    Cara Monica,
    ho aspettato prima di lasciarti il commento perchè volevo godermi il post a pieno.
    volevo fermarmi su ognuna di queste foto e fare tesoro delle tue didascalia e descrizioni.
    Il tuo modo di scrivere mi affascina sempre perchè le tue parole trasudano di amore per i posti che visiti, per la gente che incontri e per le cose che impari.

    Bellissima la foto con le due mezzelune, una cartolina piena di simbologia.

    E quel ponte è qualcosa di indescrivibile: tu, con quello scatto, hai colto una essenza speciale, quella di un uomo umile ma saggio perchè sa di trovarsi sul “ponte del mondo”, un ponte che lega l’Europa all’Asia e che ha visto passare fiumi di persone nel corso della storia per la conquista delle terre, del potere, della gloria…

    bellissime anche le immagini che descrivono le bellezze di Istanbul, una città che io amo e che conosco molto bene perchè ho avuto il privilegio di viverci per alcuni anni 🙂
    ed è tutto come dici tu: la sua storia, la sua crescita economica, i suoi colori, profumi, usanze e la sua gente.. tutto fa sì che, non per niente, il Destino ha voluto riservare a questa magnifica terra un posto di onore: “il ponte del mondo”.
    un bellissimo post, una commovente partecipazione.
    Grazie con tutto il mio cuore.
    Vaty

    • viaggiebaci
      13 luglio 2012

      bellissima questa descrizione di Istanbul come “ponte del mondo”!
      non sapevo che avessimo in comune anche l’amore per questo bellissimo paese e la sua splendida gente …

      • Vaty
        13 luglio 2012

        l’Amore è qualcosa di infinito.. c’è spazio per tutto..
        un caro abbraccio Monica.

  9. che meraviglia Monica! Hai un occhio fotografico che mi piace molto

    • viaggiebaci
      13 luglio 2012

      davvero? e che queste foto sono state fatte quando ancora non avevo il blog e quindi con un’attenzione a particolari ben diversi

    • Vaty
      13 luglio 2012

      concordo con gio! 🙂 che occhio fotografico!

  10. martari1
    13 luglio 2012

    della turchia ho visitato solo Istanbul che un posto dove ritornerei volentieri mi ha affascinato con le sue moschee e la cisterna che ha qualcosa di magico…..ma vedo che la turchia ha molto altro da offrire, ciauzzzz

    • viaggiebaci
      13 luglio 2012

      se posso dirti la verità, il paese è molto più bello della sua capitale, soprattutto se si esce dai percorsi turistici più battuti e la Cappadocia è uno dei posti più belli che mi sia capitato di visitare …

  11. giovanni sedda
    13 luglio 2012

    Chapeau, solleticato, ispirato, ammirato 🙂

  12. carlafamily
    13 luglio 2012

    E’ un vero incanto carissima Monica

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 luglio 2012 da in Turchia con tag , , , , , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: