Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Scenografie di viaggio

Quando viaggio sono sempre alla ricerca di ambienti particolari. Per mangiare, dormire, rilassarmi o, semplicemente, sedermi a sognare.
Sono quelli che chiamo i luoghi dell’anima. Quelli che lasciano un segno indelebile nel mio cuore, che ricordo nel dettaglio a distanza di molti anni, che colleziono nella rubrica My Special Places.
A luoghi del genere pensavo, a giugno, mentre leggevo l’invito di Simona Elle a “fotografare – durante i nostri viaggi estivi – interni, oggetti e tavole per costruire ed arredare insieme la casa del viaggiatore“. Ancora ignara della meta e, soprattutto, del fatto che quest’anno le nostre vacanze sarebbero state in tenda …
Però l’idea mi è piaciuta così tanto che non ho saputo resistere alla tentazione di fotografare qua è là gli oggetti che avrei voluto trovare dietro gli spessi muri di pietra e le imposte allegramente colorate che tanto mi hanno incantato durante il lento peregrinare tra i paesini della Vaucluse e le città d’arte della Provenza.

hotel Venasque

Li ho scovati sui banchi del mercato di Apt e nei negozi nascosti tra i vicoli di Arles, Vaison-la-Romaine e Le Baux-de-Provence. Mi hanno stregato con il loro sapore di dejà vue, la semplice bellezza della loro fattura, la leziosità di ciò che il turismo di massa ha trasformato in icone dell’intera regione.

Sono i sacchettini di lavanda che sogno di trovare tra le lenzuola di lino ordinatamente impilate in vecchi armadi di legno;

sacchettini di lavanda

il sapone di marsiglia appeso accanto a una tinozza di zinco, in una rustica stanza da bagno;

sapone di Marsiglia

mortai in legno di ulivo che profumano di erbe aromatiche e taglieri ricolmi di formaggi di capra, distrattamente appoggiati in cucina su una ruvida mensola di pietra;

oggetti in legno di ulivo

oggetti in ceramica realizzati dalle abili mani di un mastro vasaio per il piacere di pochi intenditori;

ceramica provenzale

e qualche originale pezzo d’arte da esibire ostentatamente accanto a morbidi divani dalle discrete tonalità a righe.

arte Arles

Gli ambienti che quest’anno ho semplicemente sognato, stesa sull’amaca nel campeggio di Orgon, giuro che saranno parte integrante del mio prossimo viaggio in Provenza. Perchè in una terra così io, prima o poi, ci torno …

Se avete anche voi delle foto scattate quest’estate con “COMPLEMENTI D’ARREDO come oggetti di design e/o oggetti caratteristici del posto, mobili ed arredi, tessuti e lampade, oppure  INTERNI di abitazioni, hotel, ristoranti e locali, oppure ancora TABLE SETTING, cioè tavole apparecchiate per colazioni, pranzi, cene brunch, secondo la usanze del luogo” non lasciatevi sfuggire l’occasione di condividerli entro l’11 settembre partecipando all’iniziativa di Simona. La sua casa del viaggiatore dovrà farmi sognare le prossime vacanze per tutto il lunghissimo inverno che ci aspetta …

P.S.: Simona chiede di pubblicare – o inviarle via e-mail – da 1 a 5 fotografie. La prima qui pubblicata è fuori concorso: l’ho inserita solo per creare l’atmosfera adatta a farvi capire in che tipo di ambiente sono nati e ho ambientato i miei sogni.

Potrebbero interessarti anche:
42° Raw: cucina salutare nel cuore di Copenaghen
Un riad nella kasbah di Ouarzazate
Jelov Klanac: vacanze in ranch
I Freschi: un gioiellino nella Riviera di Ponente

Annunci

19 commenti su “Scenografie di viaggio

  1. maria angela catania
    3 settembre 2013

    ciao Simona complimenti per l’eleganza e la particolarità delle tue foto. Potresti darmi qualche info su come contattare il produttore dei teglieri in legno d’ulivo.
    Grazie per la disponibilità e BUONA VITA!!!!!

    • viaggiebaci
      3 settembre 2013

      mi dispiace, ma li ho fotografati in un mercato senza prendere il loro bigliettino da visita e quindi non sono in grado di aiutarti. Sorry!

  2. Pingback: Shopping in Provenza: le tentazioni dei miei viaggi | Viaggi e Baci

  3. Pingback: Finestre di Provenza « Viaggi e Baci

  4. Pingback: Ad Arles per un’originale lezione di storia romana « Viaggi e Baci

  5. Pingback: Tra tori, cavalli bianchi e fenicotteri rosa: l’altra Camargue « Viaggi e Baci

  6. Pingback: I “miei” elementi dei miei viaggi « Viaggi e Baci

  7. colorsontheroad
    3 settembre 2012

    Adesso immagino anch’io di essere in una vecchia casa con i balconi azzurri, con grosse tende di lino grezzo alle finestre a godermi il mio petit déjeuner in un salottino dalla semplicità d’altri tempi…ops no, niente Provenza intorno a me…però per un attimo ha funzionato 😉 Bellissimo post!

    • viaggiebaci
      4 settembre 2012

      Wow! la prossima volta mi porti nel sogno insieme a te??? Potrei condirlo con qualche altro ricordo … ;D

  8. Tiziana
    3 settembre 2012

    Bello e intenso questo post. Le tue foto esprimono la bellezza di questi luoghi, che vorrei tanto visitare… “la semplice bellezza della loro fattura, la leziosità di ciò che il turismo di massa ha trasformato in icone dell’intera regione.” già quando ci pensi, li vedi così.
    Devo leggere il post che parla della casa delle galline.
    Un abbraccio.

    • viaggiebaci
      4 settembre 2012

      E’ vero, quando pensi alla Provenza pensi a tutto ciò. A casa dubiti che sia un falso arrangiato ad uso dei turisti, ma poi quando arrivi e senti il profumo della lavanda, il canto delle cicale, il sole che cuoce le pietre, capisci che non è un sogno cinematografico ma la pura, bellissima, realtà delle tue vacanze!

  9. simona
    3 settembre 2012

    MERAVIGLIA DELLE MERAVIGLIE!!!!! TI ADORO!!!! Sapevo che avresti catturato qualcosa di curioso per questo progetto!!! Grazie, condivido subito sui social. Simona

    • viaggiebaci
      4 settembre 2012

      il piacere è stato tutto mio! diciamo che ho fatto del mio meglio, visto il tipo di vacanza che abbiamo fatto quest’anno … 😉

  10. SILVANA
    3 settembre 2012

    mi hai fatto sognare ad occhi aperti.
    bravissima!

    • viaggiebaci
      3 settembre 2012

      😉 Bel modo per iniziare il primo lunedì di settembre, eh?!?!?

  11. Vaty
    3 settembre 2012

    Bellissima la Provenza e davvero belli i tuoi scatti sui “complementi”. E non hai nulla da imparare da me cara!!!
    Anch’io ho pensato a questo post e ho scattato foto di ambienti molto belli !!
    Vedrò di rispettare la scadenza perché ho anche il tuo da preparare :-))

  12. Federica
    3 settembre 2012

    Leggere post di viaggi ed emozioni è sempre come vivere anche noi parte dell’emozione altrui.
    I tuoi scatti sono deliziosi e rilassanti.
    Un kiss e buona giornata

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 settembre 2012 da in Francia, Provenza.

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: