Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

I “miei” sapori dei miei viaggi

Per il gran buffet di sapori dal mondo avrei tanto voluto stupire i vostri palati con la zuppa di yogurt aromatizzata alla menta che la padrona di casa ha cotto per noi sotto il cielo stellato della Cappadocia, lo stinco di maiale alla birra trappista che mi è stato servito in un bistrot di Bruxelles, la pastilla marocchina che ci ha mandato in estasi nella medina di Essaouira, il pesce preparato secondo una ricetta in voga ai tempi di Aristotele che ho avuto l’onore di assaggiare sul molo di Assos, il gelato alla violetta e alla lavanda che ha rinfrescato il nostro pellegrinaggio sulle tracce di Van Gogh.
Perchè sono questi i piatti che per primi mi vengono in mente quando penso ai nostri viaggi, quelli che ho descritto estasiata al ritorno dalle vacanze, quelli per cui prenderei un aereo al volo per il semplice sfizio di poterli avere tra lingua e palato ancora una volta.

Ma purtroppo di questi non conservo alcuna foto, visto che li ho divorati prima ancora di  immortalarli a futura memoria …
Così vi invito a votare entro la mezzanotte di lunedì 8 ottobre il piatto con cui mi vorreste veder comparire alla festa, scegliendolo tra altri tre momenti gastronomici che serbo gelosamente tra cartoline e diari di viaggio:

La crepe gigante che ci è stata servita a pranzo all’ombra di un pergolato che si affaccia sulle limpide acque della baia di Capsali, nell’isola di Kythira, in Grecia. La tradizione vuole che da quelle onde sia nata Venere, la dea dell’amore e della bellezza, e che in quest’isola l’uomo abbia intinto per la prima volta le sue dita nel miele.
Immaginate quindi la nostra gioia quando, dopo 3 settimane di tzatziki e moussaka, ci siamo visti arrivare un piatto così: frutta fresca dolcissima e  yogurt greco su una crepe appena fatta e tempestata di miele locale e frutta secca …

Degli smorrebrod fantasiosi preparati in uno dei migliori ristoranti bio di Copenaghen. Se cercate la traduzione nel menu, li trovate alla voce Open Sandwiches, anche se con il classico panino non hanno proprio nulla a che fare. Nel bene e nel male. Perchè questo tipicissimo piatto danese si compone di una fetta di pane nero su cui vengono spalmati e adagiati gli ingredienti più eterogenei e fantasiosi, in abbinamenti spesso insoliti e bizzarri per i nostri gusti. E soprattutto perchè ognuno di essi costa una follia rispetto agli standard di un panino italiano: parliamo di 10-15 euro per una fetta di pane grande poco più di un crackers e ciò che vi ci può stare sopra. Quindi attenzione: se porto questi al buffet, uno a testa e non di più …

cucina tunisina

Un piatto della cucina tunisina rigorosamente preparato da una delle mie 6 cognate. Come potrete ben immaginare, i viaggi a Tunisi sono per me occasioni di ghiotte abbuffate: ogni parente ci vuole a pranzo o a cena almeno una volta e tutti cercano di dare il meglio di sè per i parents de l’Italie. E’ una specie di competizione a suon di mestoli per le donne di casa e come invitata d’onore non posso certo tirarmi indietro.
Il mio piatto preferito è l’insalata mechouia, a base di peperoni e pomodori grigliati sul fuoco vivo, finemente spezzetati e poi aromatizzati con aglio e peperoncino. Purtoppo non compare nella foto e vi lascio immaginare il perchè. Altro must imperdibile è il brik, che io preferisco nella versione ripiena con patate e altre delicatessen (a destra, in alto nella foto) a quella più popolare, da strada, con l’uovo. E poi la salade tunisienne (a sinistra, nella foto), a base di verdure fresche, uova, tonno, olive e qualche spezia che la rende sempre diversa da quella che riusciremmo mai a preparare, con gli stessi ingredienti, in Italia. Infine l’harissa, peperoncino tritato allo stato puro e mescolato con olio su cui tuffare il boccone di pane. Facile da riconoscere ovunque, anche nella foto.
Le specialità non finiscono certo qui, ma visto che ognuno deve portare qualcosa non vorrete far sgobbare solo me, vero???

Vi ricordo che vi aspetto il 10 ottobre per gustare con gli occhi e con lo spirito il meglio della cucina dei vostri viaggi. Intanto potete stuzzicare l’appetito curiosando tra i blog che questo  mese hanno partecipato a I Sapori dei Miei Viaggi.
A presto!

Annunci

26 commenti su “I “miei” sapori dei miei viaggi

  1. Pingback: I “miei” suoni dei miei viaggi | Viaggi e Baci

  2. Pingback: Danimarca: finestre in bianco e nero | Viaggi e Baci

  3. Pingback: La “mia” architettura dei miei viaggi | Viaggi e Baci

  4. Pingback: Kenya: i miei volti della felicità « Viaggi e Baci

  5. Pingback: I “miei” sogni dei miei viaggi « Viaggi e Baci

  6. Pingback: Viaggio gastronomade tra le cucine del mondo « Viaggi e Baci

  7. olga
    8 ottobre 2012

    mmmhhhh la crepe mamma mia che voglia!!!

  8. olga
    8 ottobre 2012

    Stavolta non ce la faccio proprio ma verrò a gustare nei vostri blog molto molto volentieri 🙂

  9. Diana
    7 ottobre 2012

    Ciao! Le tue idee sono sempre bellissime! Questa volta sono arrivata in ritardo ma seguirò comunque le tue scelte. Ti abbraccio e spero passerai a trovarmi!
    Diana

    • viaggiebaci
      9 ottobre 2012

      appena avremo finito di abbuffarci avremo tutti bisogno di un bel giretto per digerire e stai sicura che arriviamo per il caffè

  10. morganadelreno
    7 ottobre 2012

    Una Crepes per me! Sembrano deliziose! Il mio palato non va molto daccordo con il piccante e soprattutto non sopporta il pane nero…brrr!!!
    Grazie 🙂

  11. Luna
    6 ottobre 2012

    Senza nulla togliere a tutte le prelibatezze messe in tavola dalle tue cognate (che sarebbero da approfondire e studiare, ma soprattutto assaggiare, una per una), cara Monica, scelgo il piatto di frutta, crepe gigante, yogurt e miele della Grecia. Sarà per i colori, per l’orario in cui le sto guardando, per il fatto che l’accoppiata miele-yogurt è assolutamente irresistibile, insomma: voto la prima!
    (certo che pure i panini di copenhagen però..)
    Baci, buon fine settimana!

  12. Cristina
    6 ottobre 2012

    Sarà che è mattina e ho voglia di dolce… Voto la n°1… gnam..

  13. viaggideirospi
    5 ottobre 2012

    La cucina tunisina!!! Senza ombra di dubbio!!! Ti ho già detto che non vedo l’ora di assaggiare il tuo cous-cous?????

  14. Monica
    5 ottobre 2012

    io voto per la crepe greca, il miele, lo jogurt, la frutta…. la dolcezza, la ricchezza, i colori della Grecia…

  15. mamma & co.
    5 ottobre 2012

    la salade tunisienne non me la perderei per niente al mondo .. a un che di nizzarda francese che io adoro in modo particolare!!!

  16. patrizia
    5 ottobre 2012

    ciao Monica
    anch’io sceglierei la crepes greca … che fame!!!
    Patrizia

  17. Annalisa
    5 ottobre 2012

    Voto la foto 3: è piena di cose buone, mediterranee e colorate.

  18. profpalmy
    5 ottobre 2012

    Io voto la tre: mi ha fatto venire l’acquolina in bocca!

  19. simona
    5 ottobre 2012

    Io voto gli smorrebrod di Copenaghen……….potevo forse fare altrimenti essendo Copenaghen la patria del design nordico? Mmmmmm che fame!
    Simona

  20. Tiziana
    5 ottobre 2012

    Cara Monica devo unirmi al coro perchéééé? perché sono una golosona e non resisto a tanta dolcezza. W la numero 1. (guarda che l’assaggio andrebbe su tutto comunque) bacio

  21. decisamente il primo c’è tutto ciò che amo!

  22. Antonella
    5 ottobre 2012

    Ciao Monica, bellissimo! Hai sei cognate in Tunisia? Allora conoscerai tutti i trucchi della loro cucina…e chissà che dolci fanno, ricordo sempre con grande piacere i dolci del Nord Africa.
    Bene, il mio voto va alla fotografia n.1 sia perchè mi piace come fotografia e poi perchè come si può resistere al miele sulla crepe?
    Ciao , ripasserò il giorno 10 per vedere il risultato . Grazie ancora di queste belle opportunità, alla prossima.
    Antonella

    • viaggiebaci
      5 ottobre 2012

      diciamo che ho imparato qualche trucchetto, ma ogni volta che vado lì mi sciolgo davanti alla loro sapienza …
      I loro dolci li ho mangiati solo una volta, perchè solitamente andiamo in quella che considero la miglior pasticceria di Tunisi e forse dell’intero nord-Africa. Se ci vai mi faccio dare l’indirizzo

  23. federica
    5 ottobre 2012

    per me la crepes greca grazie 🙂

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 ottobre 2012 da in il senso dei miei viaggi con tag , , , , , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: