Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Sono turche le pietre dei miei viaggi

Amo la Turchia dal primo istante in cui vi ho messo piede e non smetterò mai di sognare il prossimo viaggio nella terra del Sultano, fosse anche il millesimo.
Un paese dai mille contrasti, in eterno bilico tra Oriente e Occidente, tra passato e modernità. Un’ospitalità autentica e mai invadente. Una cucina capace di stupire per varietà e genuinità. Ma, soprattutto, un mare cristallino su cui si affacciano – talvolta letteralmente – pietre cariche di Storia e di mille storie da raccontare.
Quindi assolutamente a misura di famiglie con baby-viaggiatori al seguito. Perchè la comodità di poter abbinare, nella stessa giornata, la visita a un sito archeologico – o alle rovine di un castello – a un paio di ore di relax in spiagge semideserte non ha prezzo quando ci si muove con bimbi piccoli e non si vuol rinunciare all’aspetto culturale del viaggio.

La prima volta che ci sono andata non ero ancora mamma. Eppure, nel momento stesso in cui ho visto apparire davanti a me montagne di panna montata pietrificata e gli incredibili camini delle fate, ho giurato a me stessa se mai avrò un bambino, tornerò qui con lui
Ignara che sarebbe arrivato di lì a 9 mesi!!!

Cappadocia
Dormire all’interno di case troglodite, con camera e bagno scavati nella roccia, le porte a misura di nano, e un silenzio millenario a far da ninna-nanna, è un’esperienza che non può essere descritta a parole.
Si può solo vivere e … ricordare da qui all’eternità!
E’ per questo che quando siamo tornati in Turchia, tre estati dopo, la Cappadocia non l’abbiamo messa in programma. Samir era ancora troppo piccolo per poterne cogliere la magia e già troppo grande per non conservarne alcun ricordo. E io vorrei che questo luogo lasciasse in lui la stessa meraviglia che ha suscitato in me.
E’ un luogo in cui immergersi quando si è in grado di coglierne la stravaganza geologica, l’importanza storico-sociale e la meraviglia degli affreschi che decorano chiese e monasteri scavati nel tudo. Magari alzandosi all’alba per ammirare il nascere del sole a bordo di una mongolfiera …

Niente Cappadocia, dunque.
E nemmeno niente Troia nel primo viaggio in Turchia di Samir. Perchè, all’età di 3 anni, quel che ne resta sarebbero solo muretti e sassi su cui arrampicarsi e mettere alla prova l’equilibrio. Mentre ora, dopo le letture degli ultimi mesi, quei pochi resti saprebbero evocare una guerra tremenda, l’astuzia di Ulisse, il coraggio di Achille e la bellezza di Elena.

Troia

Gesta immortali e personaggi senza pari che mi hanno riempito il cuore di commozione alla sola idea di poter camminare, a distanza di millenni, sullo stesso suolo in cui si sono svolti quei fatti leggendari. Io che, a 11 anni, ho letto tutto il libro di Schliemann sulla scoperta della città di Ilio e del tesoro di Priamo.
Un luogo dove qualunque bimbo in età scolare, opportunamente preparato, può provare le stesse emozioni e sentir pulsare la forza dei grandi valori della vita.

Con Samir, invece, siamo andati ad ammirare il teatro di Aspendos, il meglio conservato della romanità. Ci siamo arrampicati tra le rovine del castello di Alanya, di quello dei cavalieri di San Giovanni a Kale e di quello armeno di Anamur. Abbiamo osato avvicinarci ai fuochi eterni della Chimera, che dall’origine dei tempi escono misteriosamente da fenditure del terreno nei pressi di Olympos.
E ci siamo spinti alla scoperta di alcune meraviglie archeologiche del regno di Licia, tra cui la città affondata nella parte settentrionale dell’isola di Kekova. Un luogo sospeso tra l’azzurro del cielo e il turchese del mare, dove i fasti di un’antica civiltà riposano sotto un paio di metri d’acqua. E’ impressionante vedere scale risalire dal mare, porte aprirsi su un nulla fatto d’acqua, pesci nuotare dove prima viveva l’uomo, tombe cullate dalla cantilena sacra delle onde.

isola di Kekova
Non so se sono riuscita a rendervi l’idea di quanto la Turchia ha da offrire a chi sa mettersi in cammino e ascoltare ciò che le pietre hanno da raccontare, ma questa volta per Il Senso dei Miei Viaggi vi invito a votare – entro mercoledì 7 novembre – la foto che preferite non tanto per l’aspetto estetico ma per la curiosità che quel luogo ha suscitato in voi.

Ci vediamo il 10 novembre, con una mappa quanto mai ricca di tesori …

Potrebbero interessarti anche:
Le pietre dei miei viaggi
In vacanza nel Regno della Chimera
Turchia: un tocco d’Oriente
Viaggio gastronomade tra le cucine del mondo

Annunci

40 commenti su “Sono turche le pietre dei miei viaggi

  1. Pingback: Scambio Casa: la nostra esperienza in Turchia | Viaggi e Baci

  2. Pingback: Africa: gli animali dei miei viaggi | Viaggi e Baci

  3. Pingback: Kenya: i miei volti della felicità « Viaggi e Baci

  4. Pingback: I “miei” sogni dei miei viaggi « Viaggi e Baci

  5. alberto
    14 novembre 2012

    fantastica la Turchia!!!

    • viaggiebaci
      15 novembre 2012

      davvero! ho visto che abbiamo fatto itinerari anche simili 😉

  6. Pingback: La mappa dei tesori di pietra « Viaggi e Baci

  7. erdematt
    10 novembre 2012

    Tombe Licie di Kekova.
    Mozzafiato…

  8. Luna
    8 novembre 2012

    Mannaggia arrivo con un giorno di ritardo!! Ma te lo dico lo stesso quanto mi piacciono le tue foto e i racconti dei tuoi viaggi.
    I camini delle fate, senza dubbio: sogno a occhi aperti guardandoli e provo solo a immaginare (ma non ci riesco) cosa possa voler dire fare l’esperienza di dormirci dentro! Spero di viverla direttamente prima o poi.
    Davvero meravigliosi.
    bacioni grandi monica e buona giornata

  9. ile atzori
    7 novembre 2012

    anche tu non scherzi a scatenare voglia di viaggi, eh? 😉
    adoro la prima foto! 😀

  10. simona
    7 novembre 2012

    Ciao Monica, mi spiace non essere riuscita a partecipare questa volta. Avevo già scelto anche la foto ma non ho proprio avuto un secondo per scannerizzarle e confezionare un post…… non ricordo il giorno di scrivere sul blog mannaggia. Contribuisco comunque scegliendo la tua foto dei camini della fate, scelta scontata ma è troppo bella!!!

    • viaggiebaci
      7 novembre 2012

      Grazie Simona! So che sono stati giorni di fuoco, non ti preoccupare. Tanto lo sai che ci saranno presto altre occasioni, no?!?!?

  11. Tamerice
    7 novembre 2012

    Anche se il mare (Mediterraneo) è sempre irresistibile, la Cappadocia e i Camini sono assolutamente affascinanti (voto per loro): sì sono convinta che diano di quelle emozioni che non dimentichi più (e poi qualche idea sui siti trogloditi me la sono fatta…)
    È da un paio d’anni che vorrei andare in Turchia, mi piacerebbe concretizzare ma questa volta a modo mio con un piano di viaggio e non improvvisando al momento. Se avverrà penserò a te per i consigli 🙂

    • viaggiebaci
      7 novembre 2012

      Sono qui, Manu, lo sai!
      E’ un paese bellissimo e sono sicura che da amante del mondo arabo riuscirai a coglierne le mille sfaccettature

  12. patrizia
    6 novembre 2012

    ciao Monica
    anch’io scelgo i camini delle fate … posto magico!!! voglio andarci con Federico … a presto Patrizia

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      Magico davvero … altrimenti che fate sarebbero?!?!?!? 😉

  13. mamma & co.
    6 novembre 2012

    Camini delle fate indubbiamente!!! Me lo immagino già Lorenzo, un bambino di 5 anni da poco compiti, ad esplorare l’ interno di quelle casupole… Ma credo che aspetterò ancora due o tre anni per la Turchia per gli stessi motivi che tu hai elencato. Prima ci aspettano i vichinghi in Danimarca e altre cose che potresti consigliarci per un bambino di 5 – 6 anni!!! Brava Monica, giusto, com’è andato il ponte in terra toscana?

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      I vichinghi sono un’altra avventura emozionante e ti consiglio di fargli trovare il libro di Kunnas sotto l’albero per Natale …
      Il week-end toscano è andato molto bene e mi dispiace molto di non essere riuscita a passare dalle tue parti per un salutino, ma non era proprio di strada e avevamo bisogno di poca macchina (si fa per dire viste le 6 ore necessarie a scendere con le code) e mooooolto relax …

  14. Cristina
    6 novembre 2012

    Elena ha scelto i camini delle fate.. E chissà se mamma riuscirà a portarcela un giorno 🙂

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      dai Cristina! Inizia a mettere da parte i soldini perchè ha l’età giusta per godersela al meglio …
      E non ti dico che foto verranno!

  15. Vaty
    6 novembre 2012

    ciao Monica,
    qui la scelta è ardua!!
    tu sai che anche io amo la Turchia e mi rammarico di non aver avuto la voglia di visitarla tutta (i miei hanno vissuto a Istanbul 2 anni e andai sempre e solo a Istanbul!).
    hhhmm, ma se dovessi esprimermi.. forse la prima. che incanto.

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      Vaty, per fortuna c’è sempre tempo per rifarsi!
      Credimi che Istanbul, pur essendo una città molto bella, non esprime per nulla il vero volto della Turchia, che a me piace molto di più

  16. Antonella
    6 novembre 2012

    Ciao Monica, bellissimo il tuo post, davvero difficile scegliere tra queste tue pietre. Comunque dato che bisogna scegliere io scelgo “i camini delle fate”.
    A presto cara Monica per vedere il lavoro finito e per conoscere la tua nuova iniziativa.
    Antonella

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      eh, eh … bisogna davvero che mi metta sotto in questi giorni perchè i siti che avete segnalato sono molti e interessantissimi. Sono certa che ne uscirà una bellissima mappa …

  17. Tiziana
    6 novembre 2012

    Si cara Monica, come sempre il tuo modo di raccontare evidenzia in modo così palpabile le tue emozioni che è impossibile non rimanerne coinvolti. Il desiderio di vedere quella terra me l’hai fatta venire, eccome!

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      Sono molto felice Tiziana, perchè sono sicura che ti regalerà grandi emozioni da mettere nel bagaglio

  18. Audrey
    6 novembre 2012

    Io sono rimasta folgorata dalla città affondata dell’isola di Kekova, trovo queste pietre davvero stupende 😉
    a presto ciao ciao

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      e non hai visto il resto cara Audrey! Purtroppo non avevo nessuna foto decente della città sommersa – all’epoca ero tutta presa a fotografare il mio cucciolo! -, ma credimi che è emozionante navigare a filo d’acqua sapendo che quei sassi che intravedi tra il verde smeraldo dell’acqua sono antiche abitazioni, negozi, luoghi di culto …

  19. olga
    6 novembre 2012

    A me piacciono le case troglodite :)…direi che I camini delle fate mi hanno troppo incuriosito….spero di poter presto visitare tutte queste meraviglie! Ciao olga

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      te lo auguro cara Olga e se mai ci andrai fatti viva perchè conosco un posticino dove puoi proprio dormire all’interno delle caverne: splendido!

  20. Monica
    6 novembre 2012

    Anche io voto per la Cappadocia, se non altro perchè la foto evoca ricordi vivissimi e belissimi… Mia figlia ha visitato la cappadocia che aveva 9 anni… se le si chiede qual è il posto più bello della Turchia, cosa risponde secondo voi???? Cappadocia…. Anche io sono uinnamorata della Turchia e potrei tornarci altre mille volte!!!

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      Non ne ho dubbi! Secondo me è l’età ideale per visitarla con un bambino … Tutte quelle pareti su cui arrampicarsi, le grotte in cui entrare, i cunicoli … meglio di disneyland!!!!

  21. federica
    6 novembre 2012

    che bella la prima foto: è davvero dolce!

  22. continui a farmi venir una gran voglia di Turchia!

  23. Annalisa
    6 novembre 2012

    Sono stata in Cappadocia due volte. Ma due volte non basta! E’ un luogo che lascia stupefatti, dove storia e natura si intrecciano in modo perfetto. Mi ricordo perfino delle specie di piccole donnole che correvano tra le rocce: “ghelenghe” le chiamava la guida… Insomma hai capito: voto la prima!
    P.S. Comunque il castello e il mare di Alanya me li ricordo ancora… e anche le rovine di Troia…uffa la Turchia è belllissima!!!

    • viaggiebaci
      6 novembre 2012

      hai ragione Annalisa! uno dei paesi più belli del Mediterraneo … peccato che molti si limitano a Istanbul!

  24. viaggideirospi
    6 novembre 2012

    Ho rinunciato alla proposta di una stagione in Turchia perchè avevo trovato da poco, appena laureata, un posto fisso.
    Dopo qualche mese ho incontrato il Rospo…
    Mi auguro di contemplare insieme a lui e al Rospetto quei meravigliosi camini e sognare di fate che trasformano i desideri in realtà…ma è già un sogno aver realizzato questa famiglia….è 10 anni che aspetto di andare in Turchia! Grazie per questo viaggio Monica…e si capisce per cosa voto vero???

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 novembre 2012 da in il senso dei miei viaggi, sulle tracce della Storia, Turchia con tag , , , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: