Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Giochi: a volte basta davvero poco …

Quand’ero piccola odiavo quei signori che esclamavano ah! i bambini di oggi non sanno più giocare come facevamo noi una volta. E l’odio si mischiava a malcelato disprezzo se le fatidiche parole venivano pronunciate mentre noi ci stavamo divertendo un sacco.
A distanza di molti anni non è cambiato molto e quella frase la odio ancora. Anche se a pronunciarla oggi è gente della mia età e i bimbi a cui si riferiscono sono i compagni di gioco di Samir.
Questo non vuol dire che sia favorevole a videogiochi, televisione, Wii e le varie diavolerie con cui molti continuano a riempire le camere di figli e nipoti.
Anzi! Chi mi conosce sa che la battaglia contro quel mondo di giochi a-sociali e pigri è sempre aperta …

montagna alto adigeSemplicemente penso che anche oggi, all’inizio del terzo millennio, i bambini siano capaci di giocare anche con niente se solo noi genitori gliene offriamo l’occasione e iniziamo a smetterla di riempirli di mille giochi elettronici e in scatola. Dedicandogli, magari, un po’ più di tempo per stare all’aria aperta e senza fargli fretta quando trovano un oggetto che ai nostri occhi pare insignificante e per il quale la loro fantasia ha già trovato mille modi di utilizzo.
Questo pensiero è tornato a galla nella mia mente alcuni giorni fa, durante una gita sulla Plose, la montagna che sovrasta Bressanone.

dolomitiCi andiamo senza bob, con la speranza di poter noleggiare uno slittino lì. Ma quando arrivviamo, scopriamo che il noleggio si trova 1.000 metri più giù e l’escursione con le ciaspole è già partita …
Pazienza! La giornata è spettacolare e il panorama intorno a noi di quelli che tutto il mondo ci invidia. Così ci incamminiamo lungo il sentiero che in poco più di un’ora porta al rifugio RossAlm e nell’arco di qualche minuto Samir trova un’asse di legno, con tanto di chiodo sporgente.

giochi legnoUrrà! ho trovato uno sci … grida tutto felice, mentre io e suo padre ci guardiamo allibiti.  Non  tanto quanto di lì a qualche minuto, quando lo vedremo cimentarsi in vere e proprie prove di snowboard

sci bambinie di sci alpino. Con tanto di cadute ai bordi delle piste da cui scendono sciatori equipaggiati di tutto punto …

caduta sugli sciCerto! C’è chi passa e sorride …
Qualcuno avrà pure pensato guarda come sono ridotti questi, ma sentire a fine giornata Samir esclamare questa è la neve più bella del mondo e la montagna migliore che ho mai visto toglie ogni dubbio. Se l’obiettivo era quello di divertirsi sulla neve, è stato centrato in pieno. Anche senza bob, senza sci, senza ciaspole e senza amichetti a condividere l’avventura.
Perchè – come sostiente la pedagogia steineriana – dare ad un bambino un oggetto semplice, non definito nei particolari e nelle funzionalità, e possibilmente in materiali naturali, accende la sua fantasia e creatività. E lasciarglielo gustare nelle sue mille potenzialità anche quando lo trova per strada, al parco, sulla spiaggia – aggiungo io – regala emozioni ed esperienze che il tempo non cancellerà.
Ecco dunque che di lì a poco, la tavola in legno diventa paletta, escavatore, bastone da passeggio, ancora di salvezza quando si sprofonda nella neve

giochi di una voltae un’incredibile slittino per tornare a fine giornata verso casa.

slittinoLasciamoli giocare questi bimbi sull’onda della loro fantasia. E soprattutto smettiamo di ripetere quella frase odiosa …

P.S.: inutile dire che il pezzo di legno è tornato a casa con noi ed ora è in cantina ad attendere la prossima uscita sulla neve!

Potrebbero interessarti anche:
Giochiamo a … costruire una nave dei pirati
Costruire strumenti musiali con la latta riciclata
Escursioni sulla neve con le Aquile di San Martino
Settimane bianche per bambini

Annunci

4 commenti su “Giochi: a volte basta davvero poco …

  1. viaggideirospi
    12 gennaio 2013

    Fantastico…se l’aiutate a mettere due bastoncini di legno ai lati, il bob con i freni è fatto!!! Poi siamo pronti per le gare di slittino con derapata…

  2. kosenrufu mama
    11 gennaio 2013

    che bella avventura! è proprio così, la fantasia auita a diventare liberi ! un abbraccio caro a voi! p.s. ethan e daphne hanno ricordato samir e si son dvertiti a vederlo lì sulla neve 😉

  3. Guà
    10 gennaio 2013

    Come è vero! Però anche Samir ci mette del suo, con il suo bel carattere e la sua evidente intelligenza!!!

    • viaggiebaci
      10 gennaio 2013

      Si, ha un bel caratterino … ma credimi che per tutto il resto è nella media. Secondo me tutto dipende da quanta libertà di sperimentare e sbizzarrirsi si lascia loro

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: