Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Minorca: spiagge deserte ad agosto

Potrebbe essere il bellissimo titolo di un film.
Quello che avete visto e rivisto decine di volte nei vostri sogni prima di partire. Quello che vi  dà la forza di affrontare le ultime settimane di lavoro, sapendo che poi trascorrerete i prossimi giorni così …

Niborca, spiaggia deserta

Ispirati dalle foto intraviste sui cataloghi dei Tour Operator e in internet, con nessuno a violare la pace di calette bianchissime lambite da acque turchesi.

Minorca

Poi, arrivati a destinazione, scoprite che non avevate notato il sottotitolo del film. Ovvero quel due punti, mission impossible che alla fine fa la differenza e rischia di trasformare il vostro sogno in un incubo.

cala pregonda 1A noi è capitato il giorno che abbiamo messo la sveglia alle 7 per andare a Cala en Turqueta, Cala Macarella e Macarelleta. Arriviamo verso le 8.30, facciamo 20 minuti di coda fuori dai cancelli del parcheggio e alla fine siamo i penultimi fortunati a poter entrare.
Mentre le macchine dietro a noi fanno retromarcia in cerca di altri lidi, ci avviamo lungo il sentiero carichi come muli. Ma cosa sarà mai doversi trasportare per 15 minuti il peso di un ombrellone, della borsa dei giochi, di un ciambellone, del frighetto e del borsone con gli asciugamani quando ci aspetta una giornata in una delle spiagge più belle del Mediterraneo?
Ops!
Ma forse non è proprio questo ciò che abbiamo sognato a lungo …

Minorca cala Macarella

Si, lo so che è agosto. So pure che sono le spiagge più blasonate dell’isola, ma non è davvero questo il tipo di vacanza che vogliamo.
Quindi … che si fa?
Cancelliamo dalla mente la sabbia sottile come borotalco, l’acqua color piscina, le tanto declamate spiagge della costa sud e puntiamo definitivamente la macchina verso nord. Verso quel litorale selvaggio e spesso battuto dai venti che nel giro di pochi giorni ci conquisterà a suon di paesaggi dai colori vivaci e un mare incredibilmente limpido e tranquillo.

cala pregonda

Anche qui non siamo gli unici in spiaggia, ma la situazione è decisamente più sopportabile e un giorno scoveremo anche quella che sembra essere la caletta dei nostri sogni.
A ferragosto scegliamo Cala Pregonda, ignari che per raggiungerla servono 30  minuti di cammino e che non siamo gli unici pazzi disposti a tanto pur di godere di un po’ di tranquillità.
Tanto per capirsi, la foto in alto a destra è stata scattata dal parcheggio dove siamo stati costretti a lasciare l’auto e quella in basso vi fa capire in quanti eravamo.

Minorca cala PregondaIl mare? Un miraggio lontano e il sentiero per raggiungerlo un tratto di quel Camì de Cavals che fa tutto il giro dell’isola e regala spesso panorami mozzafiato.
Circa a metà strada c’è una spiaggia in cui ben pochi si fermano: la presenza massiccia di alghe è un’ottimo motivo per continuare a proseguire. La maggior parte delle persone però si ferma nella prima insenatura di Cala Pregonda, mentre bastano meno di 10 minuti per raggiungere una spiaggia più spaziosa e decisamente più tranquilla.
A parte il mare piatto e dai colori indescrivibili, ciò che colpisce di più in questa zona di Minorca è il rosso acceso che ci accompagna lungo tutto il sentiero e l’incredibile varietà geologica delle rocce che si tuffano in mare. Basta una passeggiata sugli scogli per godere appieno del lavoro millenario di madre natura …

cala Pregonda
Cala el Pilar è la spiaggia di Minorca che ci è piaciuta di più
. L’abbiamo scoperta l’ultimo giorno, come sempre! Ma se ci fossimo andati prima, state pur certi che non sarebbero stati i 45 minuti di cammino ad impedirci di tornarci ancora.

Minorca camì de Cavals

Buona parte del percorso è in falsopiano ed ombreggiata: piacevolissima da percorrere anche con bambini. La parte finale, invece, è esposta al sole e più impegnativa, ma ricompensa la fatica con la promessa di un mare da favola e pochissimi ombrelloni sulla riva …

la più bella spiaggia di MinorcaAnche qui il terreno rosso conferisce qualcosa di magico a tutto ciò che ci circonda

Minorca, Cala El Pilar

e mette a disposizione dei più piccoli una sabbia dorata con cui giocare tra un bagno e l’altro.

cala el Pilar 1Chi ha ancora voglia di passeggiare può spingersi lungo il sentiero che si allontana verso est. E’ stretto stretto, a precipizio sul mare e in alcuni tratti un po’ pericoloso, ma ricompensa con una varietà di conformazioni geologiche e colori del terreno difficile da ritrovare in altri luoghi dell’isola.

cala el pilar
C’è anche un’altra baia che è tranquilla ad agosto, ma questa volta il motivo si cela nel paesaggio infernale che la circonda. Infernale non solo per l’aspetto nero e desolato del Cap de Favaritx, su cui sorge uno dei fari di Minorca e dove l’unica vegetazione ricorda lingue di fuoco che si sprigionano dal terreno,

cap de Favaritx

ma anche per la forza diabolica con cui il sole picchia sulle teste di chi osa avventurarsi verso cala Presili e Platja d’en Tortuga. Ho passato giorni a ridere di chi camminava con l’ombrellone aperto lungo il Camì de Cavals, non sapendo che prima o poi mi sarei ritrovata a fare lo stesso per riuscire a tuffarmi in acque caraibiche.

cala presili

Certo, lo so. Queste non sono propriamente spiagge a misura di bambini, starete pensando voi. E come darvi torto?!?
Però se volete evitare quelle super affollate su cui si affacciano gli albergoni e le urbanizzazioni della parte meridionale dell’isola, ad agosto non potrete far altro che dirigervi verso nord. Ecco perchè la prossima puntata sarà dedicata proprio alle spiagge settentrionali di Minorca, più facilmente raggiungibili a piedi e quindi più adatte a chi viaggia con bambini.
Stay tuned!

Potrebbero interessarti anche:
In campeggio a Minorca
Mljiet, l’isola verde dell’Adriatico
In vacanza nel Regno della Chimera

Annunci

17 commenti su “Minorca: spiagge deserte ad agosto

  1. ferdinando esposito
    23 febbraio 2017

    salve a tutti questanno vorremmo andare in vacanza a minorca potete dirmi dove alloggiare qualche indirizzo?grazie a tutti

  2. capodannoitalia
    3 novembre 2016

    Minorca è la più bella delle isole Baleari, non solo per le bellissime spiagge ma anche per i paesaggi selvaggi e unici dell’isola che la sciano senza fiato.

  3. Milly
    7 luglio 2016

    Grazie per i suggerimenti per le spiagge tranquille a Minorca. Abbiamo avuto la stessa tua esperienza iniziale: incubo da spiagge affollate! Ma per fortuna siamo finiti sul tuo blog e abbiamo potuto goderci un po di pace anche qui!

  4. Pingback: Dormire a Siviglia, Cordoba e Granada senza spendere una fortuna | Viaggi e Baci

  5. Pingback: Viaggiare con i bambini: vediamo di mettere i puntini sulle i … | Viaggi e Baci

  6. Pingback: Elafonisos, quanto è bello il mare della Grecia! | Viaggi e Baci

  7. Pingback: Tour dell’Andalusia, un viaggio oltre ogni aspettativa | Viaggi e Baci

  8. Pingback: Corsica: spiagge deserte ad agosto | Viaggi e Baci

  9. Pingback: In barca alle Calanches de Piana | Viaggi e Baci

  10. Pingback: Minorca, il mare a misura di bambini - Blogmamma.it

  11. Roby e stefy
    12 agosto 2013

    Prima di tutto grazie per le tue utili, affidabili e precise segnalazioni.
    Poi, complimenti per il
    Blog, ben fatto e “colorato”, con i giusti dettagli.
    In questi giorni (e attualmente) ci stiamo godendo Minorca, e ci siamo ritrovati molto nel tuo “road book”.
    Anche noi , pur non avendo bimbi, non riusciamo proprio a goderci una Macarella in questa stagione.
    Decisamente meglio Pilar, Cavalleria, o qualsiasi luogo che ti faccia davvero respirare un po’ di libertà.
    Con tanto di zaini in spalla per l’acqua che servirà per la giornata.
    Un po’ di frutta e qualche cosa comperata la mattina, prima di partire con lo scooter, ed ecco il miglior cerenguito che puoi trovare, sotto l’ombra dell’ombrellone che hai portato!
    Grazie ancora e a presto!
    Roby e stefy.

    • viaggiebaci
      28 agosto 2013

      Stesso stile di vacanza e modo di intendere la vacanza a Minorca, direi!!!
      Grazie per essere passati a condividerla con me e avermi fatto venire tanta, ma tanta, voglia di tornarci in bassa stagione!!!

  12. Pingback: Cosa fare a Minorca con i bambini | Viaggi e Baci

  13. Pingback: Grecia: in vacanza sull’isola di Venere | Viaggi e Baci

  14. Pingback: Il mare a Minorca: un paradiso per bambini | Viaggi e Baci

  15. Pingback: Il mare a Minorca: un paradiso per bambini « Viaggi e Baci

  16. melissamambrini
    24 gennaio 2013

    Che bella Minorca!!!!! Anche noi siamo stati a in questa splendida isola quest’estate (ne ho scritto un po’ qui: http://mela-melablogger.blogspot.it/2012/10/ma-quale-halloween-aridateme-lestate.html) e siamo stati stregati dalla parte nord dell’isola anche se a dire il vero andando l’ultima settimana di agosto le spiagge erano abbastanza accessibili ovunque. Uno di quei posti in cui tornerò sicuramente!

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 gennaio 2013 da in al mare, Spagna con tag .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: