Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

I diritti dei bambini in viaggio – 1° parte

Anche se con un po’ di ritardo, raccolgo con piacere la sfida di Valentina e dello zio camperista, che chiedono aiuto per creare una Carta dei Diritti dei Bambini in Viaggio.
Sono solo alcuni semplici spunti di riflessione su ciò che – a mio avviso – ogni bambino ha diritto di avere e di poter fare durante un viaggio o una gita domenicale fuori porta. Con qualche piccola idea su come poterli mettere in pratica …

In viaggio e in vacanza i bambini hanno diritto di …

essere membri attivi nella scelta e pianificazione delle attività da fare insieme

Turchia

A 3 anni tra le rovine archeologiche della Turchia

Non nego che un bambino preferirà sempre una giornata in spiaggia alla visita di una città o di un museo, ma se per i genitori la vacanza è sinonimo di viaggio di scoperta si può fare in modo di soddisfare le esigenze di entrambi. Basta suddividere sapientemente le attività nel corso della giornata/settimana e, soprattutto, lasciare giorno per giorno ai più piccoli la scelta di quale attività culturale/escursionistica fare insieme.
Una buona idea può essere quella di presentare, la sera prima, due o tre diverse attività disponibili in zona e lasciare che sia il bambino a scegliere quella più in linea con i suoi interessi. I depliant trovati sul luogo, con le loro belle immagini colorate, possono essere un ottimo aiuto nella scelta.
E’ bene coinvolgere i baby-viaggiatori nella pianificazione della vacanza anche prima della partenza, magari guardando insieme i siti web delle attrazioni in programma, i video su You Tube con le esperienze che la destinazione offre e libri a tema con la meta prescelta.

coltivare i propri interessi

bambini in moto

Disegnare le moto: la nuova passione dell’estate 2012

Chi l’ha detto che solo gli adulti hanno hobby e passioni? Anche i bambini ne hanno e, per chi non se ne è mai accorto, la vacanza può essere un’ottima occasione per scoprirli e farne nascere di nuovi. Oppure per coltivare quelli storici. Può essere uno sport, l’inizio di una nuova collezione, la scoperta di qualcosa che li incuriosisce e vorrebbero conoscere meglio.
Certo, come ogni hobby che si rispetti, ha bisogno di tutto il tempo necessario per essere coltivato a dovere e i genitori devono prepararsi a coltivare la sacra arte della pazienza.
Parola di chi, nel bel mezzo di una vacanza, si è ritrovata con il cucciolo ipnotizzato a disegnare ogni moto che incrociava in ogni angolo di Provenza.

giocare con altri bambini, anche di età e nazionalità diverse

amici in vacanza

A Minorca la nuova amichetta parla … spagnolo!

La possibilità di avere finalmente i figli tutti per sè non deve impedir loro di stringere nuove amicizie e di trascorrere del tempo con quelle di vecchia data. I più piccoli hanno una capacità innata di socializzare e sanno sempre stupirci con amicizie che non conoscono confini e anni di nascita. Cerchiamo di agevolarli in questo, anche se con i genitori dei nuovi amichetti ci ritroveremo costretti a comunicare a gesti e grandi sorrisi.
Per quanto riguarda l’età, invece, poter prendere spunto dalle azioni di un compagno più grande o accudire quel fratellino mai arrivato potrà rivelarsi uno degli aspetti più memorabili della vacanza.

rallentare i ritmi e avere tempo per sè

amaca bambini

sull’amaca: tempo libero in vacanza

Anche la vita dei più piccoli, in fatto di impegni quotidiani, non scherza mica! Scuola, sport, musica, catechismo, uscite nel week-end: tutta la settimana è organizzata minuto per minuto. In vacanza togliamo dunque gli orologi e lasciamo ai bambini il tempo di giocare e scoprire il mondo secondo i propri ritmi, anche se a noi può sembrare una gran perdita di tempo.
E poi regaliamo loro anche il tempo per annoiarsi: è quello più prezioso, soprattutto se possono trascorrerlo all’aria aperta. Ci sarà sempre qualcosa di nuovo ad attrarre l’attenzione e qualche oggetto a trasformarsi inaspettatamente in un gioco non disponibile in commercio. Una vera  manna dal cielo per sviluppare fantasia e creatività.

essere ascoltati e trovare risposta alle proprie domande

padre e figlio

confidenze con il papà sulla spiaggia di Alanya

La vacanza è un’occasione d’oro per dialogare con i propri piccoli compagni di viaggio, soprattutto se si scelgono alloggi senza TV e se durante il viaggio si riesce a tenere spenta la radio.
Ogni nuova scoperta porta con sè montagne di perchè, a cui i genitori hanno il dovere di rispondere. E soprattutto regala ai baby-viaggiatori incredibili spunti per inventare spiegazioni, spesso buffe e strampalate da conservare tra i più preziosi ricordi di famiglia, che mamma e papà devono assolutamente ascoltare con tutta l’attenzione che le grandi teorie meritano di ricevere.

avere un bagaglio con i propri oggetti personali

zainetto Seven

Lo zainetto dei giochi: compagno inseparabile di ogni viaggio

Se pantaloncini e T-shirt possono stare tranquillamente nella valigia di mamma e papà, gli oggetti più cari ai baby-viaggiatori hanno diritto di avere uno spazio tutto per sè. Basta un piccolo zainetto da portarsi sempre dietro: in aereo, al ristorante, sulla spiaggia. E bastano pochi oggetti: il gioco preferito del momento, il pupazzo del cuore, qualche foglio con i colori per immortalare i momenti più belli, un libro a tema con la meta prescelta, un binocolo o la macchinetta fotografica.
L’importante è fornire ai bambini l’occasione per essere dei veri grandi viaggiatori, con un bagaglio da caricare, scaricare, riordinare e controllare. Che poi dentro ci sia tutto il necessaire per salvare noi adulti nei momenti in cui cerchiamo un po’ di tranquillità … è un segreto che possiamo custodire gelosamente ancora per un po’, no?!?!?

Vi sembrano dei diritti scontati?
Ne sono davvero felice, perchè l’esperienza mi ha dimostrato che molte volte non è proprio così. E allora vi aspetto mercoledì 20, con qualche diritto un po’ più controcorrente … e domani con una sorpresina davvero simpatica e originale!

Potrebbero interessarti anche:
Vacanze in tenda: 10 motivi per farle con i propri figli
Tata Lucia e le buone maniere in vacanza
Viaggiare è camminare … anche con i bambini!
Vacanze in bicicletta: e i bambini?

Advertisements

6 commenti su “I diritti dei bambini in viaggio – 1° parte

  1. Pingback: I diritti dei bambini in viaggio – 2° parte | Viaggi e Baci

  2. The Family Company
    19 marzo 2013

    Bellissimo post, ma non avevo dubbi. Ci tenevo davvero tanto al tuo contributo e spero tanto che questo “manifesto” che sta nascendo possa incoraggiare tanti altri genitori ad… osare un po’ di più. Il mondo là fuori è talmente bello!!! Grazie di cuore Monica!

  3. Francesca Patatofriendly
    18 marzo 2013

    Non mi sembrano per nulla scontati, anzi!
    A mio avviso per chi ama viaggiare l’arrivo dei figli e’ anche l’inizio di una sfida: quella di trasmettergli la nostra passione e di coinvolgerli, pero’ senza mai dimenticarci di loro, e dei loro diritti…tra cui quello di imparare ad amare il viaggio senza mai subirlo!:)
    Io che dico sempre che voglio crescere il patato come un piccolo viaggiatore faro’ tesoro di questo tuo bellissimo post!
    Ti abbraccio carissima!
    Fra

    • viaggiebaci
      19 marzo 2013

      “Imparare ad amare il viaggio senza mai subirlo”: bellissima frase Francy, che racchiude il senso supremo di tutti i diritti dei bimbi in viaggio. E’ un po’ come il primo comandamento … 🙂

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 marzo 2013 da in viaggiare con i bambini con tag .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: