Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Il gran concerto dei viaggiatori

E’ stato davvero bello seguirvi in questi mesi e viaggiare insieme a voi inseguendo una nota, un fruscio, un rumore, un idioma, una preghiera.
Il tema scelto per l’estate 2013 non era per nulla semplice, lo so. Eppure non solo avete partecipato numerosi come sempre, ma siete anche riusciti a declinarlo in mille sfumature diverse. Come una vera sinfonia. E a sorprendermi e commuovermi in più di un’occasione.
Come ringraziarvi???

Proverò a farlo salendo sul podio del mondo e dirigendo quel concerto multietnico di immagini ed emozioni che avete voluto condividere in rete. So già che ne uscirà una sinfonia un po’ strana. Una di quelle da far rizzare i capelli a Beethoven e Abbado. Ma provate a chiudere gli occhi ancora una volta al termine del post …
Lo sentite quel suono magico che vi sta portando dritto dritto nel mondo dei sogni? Bene, bene … non dovete far altro che seguirlo e troverete l’ispirazione per la prossima meta!

Intanto si alzi il sipario e il concerto abbia inizio con …

I suoni tipici di ogni viaggio

Direi che il fischio di un treno (possibilmente in ritardo come quelli menzionati da Fragolina) sia in assoluto il suono migliore per dare il via a questo concerto di viaggiatori,

stazione ferroviariaaccompagnato magari da quel ronf-ronf  che tutti, e non solo il marito di Monica, sognano a lungo prima delle vacanze.

uomo che dormeE’ questo il momento migliore dell’anno per lasciare a casa gli orologi, staccare la sveglia e seguire solo i propri ritmi biologici. O tutt’al più quell’andirivieni di figurine che tengono a naso in sù Beat e sintonizzano il nostro orecchio sul suono del tempo che passa …

Orologio PragaTanto poi c’è tutto il dì per godersi il rumore della macchinetta del caffè mentre monta la schiuma per il primo cappuccino della giornata, no?!? E’ questo suono, nel bar della spiaggia, che fa impazzire Daisy quando è in vacanza …

bar spiaggia

E ora attachino pure …

Gli strumenti musicali multietnici

E qui c’è solo l’imbarazzo della scelta!
Preferite iniziare con la musica improvvisata da una banda di ragazzini che Elisa incontra lungo le strade di Cuba

musica cubanao con la melodia struggente che il violoncellista Vedran Smajlović suonò, in lacrime, in mezzo alle macerie durante l’attacco serbo a Sarajevo? Chiara ce la ricorda, grazie a questa foto, in un post pieno di poesia …

SarajevoA voi la scelta …
In fin dei conti, come afferma Bach:

E’ facile suonare qualsiasi strumento musicale:
tutto ciò che devi fare è toccare il tasto giusto al momento giusto
e lo strumento suonerà da sè

Quello del momento giusto, a mio avviso, vale anche per chi ascolta, perchè la stessa melodia può piacere o meno a seconda del momento della vita in cui la sentiamo per la prima volta.
Quindi, se oggi siete in vena di qualcosa di ritmato, vi consiglio di iniziare a battere il tempo insieme ai suonatori di tamburi che Annalisa incontra a Marrakech

Marrakechai musicisti che Elena ascolta ai bordi del deserto siriano

musica siriae agli artisti che si esibiscono davanti agli occhi di Ale durante il Festival della Musica Tradizionale di Maputo nel 1980

MozambicoSe invece sentite nostalgia della nostra bella Italia, vi suggerisco quella calligrafia di suoni che Giovanni evoca in Sardegna

musica sardao di unirvi al coro delle notti magiche che scandiscono la permanenza di Federica in Argentina, durante i Mondiali del 2006.

argentinaA tutti gli altri dedico l’originale concerto di campane che solo Antonella poteva scovare

campanee abbinare a una poesia del Pascoli

Don … Don … e mi dicono, Dormi!
mi cantano, Dormi!, sussurrano,
Dormi! bisbigliano, Dormi!
là, voci di tenebra azzurra …
Mi sembrano canti di culla,
che fanno ch’io torni com’era …
sentivo mia madre … poi nulla …
sul far della sera.

Si uniscano ora, piano piano …

I bisbigli e le urla della natura

Uno per ogni elemento, secondo la potenza e il ritmo che gli è proprio.
L’aria e il vento del Salento

salentoil fuoco che ribolle nella cucina del diavolo in Islanda

islandala terra silente delle Alpi

montagnae l’impeto dell’acqua in quella grande pozza che è il Mediterraneo

onde sugli scogli

Il tutto accompagnato dai versi e dai rumori degli animalicampanaccio muccae dal suono nostalgico dei ricordi che una semplice conchiglia riesce a far rinascere in noi

conchigliaAdesso possono fare il loro ingresso maestoso sul palco …

I ritmi sincopati di città

Può essere gradevole il suono del traffico??? C’è chi dice no … c’è chi dice no …lalalalala …
Eppure Silvia, visitando New York, ci ricorda che i clacson delle auto, le sirene dei vigili del fuoco, quelle della polizia, delle ambulanze, tutto questo ti fa rendere conto di essere a Manhattan e in nessun altro posto al mondo.

Time SquareE poi li sentite i rumori delle feste? Di quell’assembrarsi di gente, musica e birra che Federica evoca attraverso l’albero della cuccagna di Monaco?

MonacoBeh! certo non serve avere un udito sovraffino per cogliere questi suoni in città, ma voi l’avete mai sentito il suono del gesso sul marciapiede? Io non ci avevo mai fatto caso fino a quando Audrey non ha portato la mia attenzione su questa dolce melodia che incanta come un serpente a sonagli …

Brighton

No, no … fermi tutti. Non è ancora il momento degli applausi. Questo silenzio fa parte del concerto. E’ …

The sound of silence

E’ il silenzio del bosco sulla collina di Petřín, in cui Monica si rifugia per ammirare la sua Praga dall’alto e versare qualche lacrima consolatoria.

pragaE’ il silenzio in cui Luna si immerge a Boston per onorare il tintinnio delle targhette appartenute ai soldati americani caduti in guerra

BostonE’ il silenzio dei secoli, il rumore di fondo che riempie la navata e parla di vite trascorse, di storie passate ma anche di futuro e di presente. Il silenzio che Norma ascolta e fa suo in una chiesa a Barcellona

Barcellonae in cui Francesca si rifugia durante il viaggio in Ladakh per assistere alla puja del mattino, la preghiera delle prime ore dell’alba. “Ohmla parola che viene ripetuta ancora e ancora, ti culla, ti guida, ti porta fin dentro a tradizioni antiche.

LadakhVolete assaporare qualcosa di simile, anche solo per pochi secondi?
Allora guardate il secondo filmato che Silvia ha registrato appositamente per Il Senso dei Miei Viaggi durante il viaggio in Thailandia e che la mia imbranataggine informatica non mi fa inserire qui! Argh …

Lo so, lo so. Arrivati a questo punto dell’esibizione vorreste alzarvi in piedi per fare la hola, ma sul web non farebbe lo stesso effetto …
E allora sapete che vi dico?
Io condivido subito il post sui social con l’hashtag #sensomieiviaggi. Se farete lo stesso anche voi nel corso dei prossimi 3 giorni, faremo sicuramente il giro del mondo. Così tutti i viaggiatori-sognatori come noi potranno sentire questo pazzesco concerto di fine estate

Io intanto mi preparo per il nuovo appuntamento di venerdì 20 settembre. Il tema è stata un’illuminazione sulla via … beh, non si può dire!!!
Ma vi avverto: la sfida si farà sempre più difficile …  😉

Potrebbero interessarti anche
Viaggio gastronomade tra le cucine del mondo
Cromo-mondo: i colori dei nostri viaggi
Doors & windows collection 2013
I migliori indirizzi per lo shopping nel mondo

22 commenti su “Il gran concerto dei viaggiatori

  1. Tiziana Bergantin
    13 ottobre 2013

    Wow sei una forza Monica! Che lavoro

  2. Elisa
    22 settembre 2013

    Attendevo con trepidazione questo concerto… e sono riuscita a godermelo solo ora!
    Bellissimo,
    Elisa

  3. Norma
    21 settembre 2013

    Che bello! Un concerto magnifico, mi sono venute le lacrime agli occhi, non so se per la gioia o la commozione o forse per tutti e due.
    Per l’hashtag devo ancora capire come si fa, ma prima o poi ci arrivo.
    Ho capito giusto che ne stai preparando un altro?
    Grazie
    Ciao
    Norma

  4. Vaty
    19 settembre 2013

    o mamma, sono in ritardo per l’#? mannaggia a me.. ho avuto settimana un pò pesante e solo oggi mi sono collegata a blogger.
    bellissima composizione mondiale… i suoni che uniscono l’umanità.

  5. viaggiebaci
    18 settembre 2013

    carissimi, vi ringrazio tantittissimo per le vostre parole … arrossisco!!!
    Quindi: giù il sipario 🙂

  6. Luna
    18 settembre 2013

    Sopraffatta dai suoni di questo concerto meraviglioso, sono rimasta senza parole. davvero splendido: grande monica!

  7. robby
    18 settembre 2013

    bellissimo

  8. Beat
    17 settembre 2013

    Finalmente eccomi qui a scoprire altro suoni e altro rumori e a riempirmi gli occhi di immagini incredibili…beh, davvero un ottimo spunto per post che a quanto vedo l’hanno colto al volo! Ora tocca solo andarli a spulciare uno per uno….il giro del mondo…ce la faró?? 😉

  9. Daisy Fairydust
    17 settembre 2013

    Monicaaa sei stata graaaandeeee!! è un post incredibileeee e vederli tutti insieme è strepitosoooo!! Bravissimaaaaa!! io, purtroppo, come social ho solo pinterest, quindi posso condividerlo solo lì… oppure via email alle amiche reali e amiche online… posso fare solo questo, e… non vedo l’ora che sia venerdì per vedere l’altra grande sfiiiidaaaa!! Bacioniiiiii e ancora complimentissimi a te e a tutte le partecipanti!! 🙂
    P.S. sono felicissima che tu abbia scelto il mio bar tra le 3 e sai perchè? perchè era anche il mio suono preferito e anche la mia foto preferita ❤ ❤ ❤

  10. Chiara Chi
    17 settembre 2013

    bellissimo!!!!!!!
    le immagini accompagnate dalle tue parole….molto suggestivo!!!
    grazie Monica!

  11. Cristina
    17 settembre 2013

    Bellissimo 🙂

  12. Annalisa
    17 settembre 2013

    Quanti partecipanti e quanti suoni! Complimenti a tutti e a te magnifica direttrice d’orchestra. Ma sono troppo curiosa del nuovo tema….

  13. acasadiclara
    17 settembre 2013

    come mi dispiace anche questa volta non essere riuscita a partecipare. bellisimo!!!!

  14. Chiara
    17 settembre 2013

    Ti sei superata con questo post!! Sei riuscita a mettere insieme un concerto bellissimo e molto originale…mentre leggevo mi sembrava di sentirli davvero tuttti quei suoni!! Grazie!

  15. Audrey
    17 settembre 2013

    Monica, che meraviglia!!! altro che concerto, questo è stato un tripudio di suoni ed emozioni 😉
    bravissima!!!!
    buona giornata

  16. Antonella
    17 settembre 2013

    Ciao Monica…credo che qui tu abbia superato te stessa. Sei stata magnifica!

    Passerò dopo il 30 per il nuovo senso dei miei viaggi, prima sarò in vacanza.

    A presto.
    Antonella

  17. Alla ricerca di Shambala
    17 settembre 2013

    certo che trovare un filo per mettere insieme tutta sta robaaaaa di natura diversissima è un bel lavoro!!! brava alla nostra direttrice d’orchestra 🙂 e ora restiamo in attesa del misterioso tema che verrà

  18. alesprint
    17 settembre 2013

    Brava Monica!

  19. Giovanni Sedda
    17 settembre 2013

    Clap clap clap. RIngraziamo felici per il concerto 🙂

  20. francesca
    16 settembre 2013

    Cara Monica, che meraviglioso concerto!!! complimenti al direttore;-)))

    • viaggiebaci
      16 settembre 2013

      no, no … qui i complimenti vanno fatti solo ai musicisti 😉
      Guarda che ti aspetto per il 20, eh?!?!?

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 16 settembre 2013 da in il senso dei miei viaggi con tag .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: