Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

8 cose da sapere per una vacanza in Corsica a prova di bambini

Se stai già pensando alle prossime vacanze e, guardando con curiosità quel gran pollicione alzato nel cuore del Mediterraneo – un’icona I Like da vera geografia 2.0 -, ti stai chiedendo quando andare in Corsica, che percorsi seguire (qui trovi il nostro itinerario), quali spiagge prediligere, come sopravvivere al caos di agosto o cosa fare con i bambini, ecco un paio di suggerimenti che potrebbero tornarti utili in fase di pianificazione del viaggio:

Samir in Corsica

da che parte andiamo?

1. Attenzione alle distanze

L’errore più comune che potresti commettere alla tua prima vacanza in Corsica è quello di pianificare l’itinerario limitandoti a leggere le distanze chilometriche sulla cartina geografica. Se normalmente calcoli un’ora di viaggio ogni 100-130 km, in Corsica non devi far altro che raddoppiare (talvolta quasi triplicare) il tempo di percorrenza.
Le strade sono strette e hanno mille curve, spesso a gomito o sull’orlo di burroni. E come se non bastasse il guard rail è più un optional che una realtà di fatto.

Si si, lo so. Il tuo occhio è attratto da quella bella linea rossa che fa il periplo dell’isola e che sulle mappe è indicata con la lettera N (ossia strada nazionale). Ricorda che non ha nulla a che vedere con un’autostrada e che, se si eccettua il piatto versante orientale, si arrampica inevitabilmente lungo i fianchi delle montagne come un pitone sopra un albero.
Dunque per andare da Bastia ad Ajaccio – 140 km – calcola circa 3 ore.

on the road Corsica

Cap Corse

Questo per dirti di pianificare bene gli spostamenti, soprattutto se i tuoi bimbi non amano i lunghi viaggi in macchina. E ricorda di portare con te qualche rimedio per il mal d’auto, qualora siano soggetti a nausee sulle strade tutte curve.

2. Ferry & drive

Il modo migliore per arrivare in Corsica è prendere uno dei traghetti che arrivano a Bastia, sul versante nord-orientale dell’isola. Entrambe le compagnie di navigazione che effettuano il servizio dalle coste italiane (vedi qui e qui) offrono tariffe più convenienti se prenoti con largo anticipo o se viaggi nei giorni feriali. Inoltre ci sono giornate in cui i bambini viaggiano gratis.
A noi l’andata/ritorno per 2 adulti + 1 bambino + 1 monovolume è costato € 212,00, viaggiando ad agosto di venerdì. Per compiere l’attraversata ci vogliono in media 4 ore di navigazione.

Corsica in treno

Plage du Bodri

Avere a disposizione un’automobile è fondamentale se non intendi trascorrere tutto il tempo tra la camera d’albergo e la spiaggia più vicina. I mezzi pubblici (qui trovi gli orari) sono più frequenti durante l’estate, ma difficilmente arrivano o si fermano nei pressi delle spiagge più belle. Non parliamo, poi, delle località all’interno …
Quindi se invece del traghetto preferisci arrivare in Corsica in aereo, ti consiglio di noleggiare un’automobile almeno per alcuni giorni.

3. Spiagge e mare da urlo

La Corsica è in grado di accontentare tutti i tipi di amanti del mare. Ha splendide spiagge di sabbia bianca con acque dalle tonalità tropicali, calette di ciottoli di vari colori e scogli a non finire. Gran parte del litorale sabbioso è perfetto per chi viaggia con bambini perchè l’acqua digrada quasi sempre dolcemente.

Spiaggia di Lotu

Plage du Lotu

Ci sono baie perfette per far provare anche ai più piccoli l’emozione dello snorkeling e piccole calette semideserte anche ad agosto (presto scriverò anche di questo). Per raggiungere queste ultime solitamente bisogna oltrepassare, a piedi o a nuoto, gli scogli che abbracciano le spiagge più note. Un paio di scarpine in gomma si riveleranno, dunque, ottimali.

Quasi tutte le spiagge sono facilmente raggiungibili in auto, senza dover fare lunghe scarpinate. Dispongono di parcheggi più o meno ampi e sempre gratuiti. Per lo più sono spiagge libere, quindi ricordati di portare con te ombrellone o tendina parasole. In alcune è possibile noleggiare lettino e ombrellone; le più grandi hanno anche centri attrezzati per gli sport nautici e uno o più bar/ristoranti.

Ile Rousse

verso Ile Rousse

Il litorale orientale è il meno bello, mentre il golfo di Porto e le zone limitrofe regalano panorami mozzafiato e una natura in gran parte incontaminata.
Le spiagge dai colori caraibici che vedi nei depliant e nei siti internet si trovano tra Calvi e Ile Rousse – a nord-ovest – oppure nei dintorni di Porto Vecchio – a sud-est.
Qui, a luglio e agosto, non troverai un angolino tutto per te nemmeno a pagarlo oro e spesso per raggiungere una spiaggia a una dozzina di chilometri dal tuo alloggio ci impiegherai più di un’ora. Famiglia avvisata, mezza salvata!

4. Vous ne parlez pas Francais?

Male, molto male! Perchè come sempre i nostri cugini d’oltralpe non faranno il benchè minimo sforzo per farsi capire in un’altra lingua e, anche se li hai appena sentiti parlare in italiano con i colleghi, si rivolgeranno a te sempre e solo in francese.
Ma non disperare: la lingua corsa è più simile all’italiano di quanto tu possa immaginare – molto più del francese! – e in molti luoghi le scritte sono in entrambe le lingue. Mi sono spesso divertita a leggerle ad alta voce a Samir (7 anni), che quasi sempre è riuscito a capirne il senso.

bandiera Corsica

Corsica: la bandiera

Fai attenzione all’aspetto linguistico, invece, quando prenoti una visita guidata o una gita in barca. In questi casi ricordati di chiedere sempre in che lingua vengono date le spiegazioni, per evitare brutte sorprese.
A Porto, noi abbiamo acquistato l’escursione alle Calanches di Piana e alla Riserva Naturale di Scandola da dei signori che parlavano bene italiano, dando per scontato che  durante la giornata qualcuno avrebbe dato le spiegazioni anche nella nostra lingua o, quantomeno, in inglese. Invece niente di niente, nonostante le nostre richieste una volta a bordo. Ci siamo dovuti sorbire 8 ore di parigino stretto stretto ed è stato un vero peccato vista la particolarità del luogo in cui eravamo.

Per i bambini, nessun problema: durante l’estate in Corsica ci sono così tanti italiani che per i tuoi bimbi sarà semplicissimo farsi nuovi amichetti.

5. Il costo della vita

Che nessuno mi venga più a dire che l’Italia è la destinazione turistica più cara del Mediterraneo. In Corsica i prezzi sono più o meno gli stessi che nelle località marine italiane, se si eccettua la benzina che – ad agosto 2013 – costava 20 centesimi al litro in meno che in Italia. Però poi un calippo non lo trovi da nessuna parte a meno di 3 euro e una pallina di gelato costa dai 2,20 euro in su!

Corsica ristoranti

a pranzo a Bastia

Come sopravvivere in modalità low-cost?
Noi ce la siamo cavata abbastanza bene grazie alla scelta di fare una vacanza in tenda (se pensi di fare lo stesso leggi bene qui) e a suon di pranzi al sacco in spiaggia e cene fai-da-te a lume di candela.

6. Un clima perfetto

Questo è un argomento soggetto a mutamenti che non dipendono dalla mia volontà, ma visto che ti starai chiedendo anche com’è il tempo? non mi resta che riferirti la nostra esperienza.
In due settimane abbiamo beccato solo 10 minuti di pioggerellina leggera e quindi ci riteniamo assai fortunati. Durante il giorno il sole splende senza sosta e una brezza costante permette di rimanere in spiaggia anche nelle ore più calde (sotto l’ombrellone, si intende).
La sera, invece, non è mai troppo caldo e si dorme benissimo. Se vai in campeggio, non scordare il sacco a pelo. In ogni caso metti in valigia una felpa e un paio di pantaloni lunghi.
In caso di scirocco o giornate torride, ricorda che basta addentrarsi verso l’interno montuoso per trovare un po’ di refrigerio.

Gorges de Spelunca

Gorges de Spelunca: ideali per una giornata al fresco

7. Quando andare

Se puoi, fai di tutto per evitare agosto. L’isola si riempie come un uovo e le zone più belle vengono letteralmente prese d’assalto. Il proprietario di un campeggio mi ha detto che il fatturato del suo camping ad agosto corrisponde a quello di maggio-giugno-luglio-settembre messi insieme …
Detto questo, detto tutto!

plage du lotu

l’imbarco alle spiagge del Desert des Agriates

8. Attività per bambini

Se si eccettua il mare con tutti gli annessi e connessi (gite in barca, escursioni in canoa, ecc) e la simpatia spontanea che i corsi nutrono per i più piccoli, la Corsica non rappresenta certo il prototipo di destinazione a misura di bambini. Le attrazioni per i bimbi sono scarse anche nelle principali località turistiche e quelle al coperto sono quasi inesistenti.

Desert des Agriates

a spasso nel Desert des Agriates

La lista, dunque, è presto fatta:

  • A Capulatta: centro per lo studio e l’allevamento delle tartarughe, con circa 125 specie di testuggini e oltre 2.000 esemplari di tartarughe provenienti da ogni angolo del pianeta. Si trova a Vignola, 17 km a nord-est di Ajaccio
  • Trekking con l’asino in Balagne (la parte nord-occidentale dell’isola)
  • Tarzaning nel parco avventura del Massif de l’Ospedale o nella Valle del Niolo
  • visita all‘acquario di Porto o di Bonifacio
  • trekking tra Ota e Evisa, con bagno nelle piscine naturali della Gola di Spelunca (te ne parlerò presto)
  • giro tra le botteghe artigiane della Route des Artisans, nell’entroterra di Ile Rousse
  • laboratori didattici e visite per famiglie al Musee Fesch di Ajaccio (solo durante il periodo scolastico), la più grande collezione di arte rinascimentale in Francia dopo il Louvre
Calanches di Piana

In barca alle Calanches di Piana

Per qualunque altra domanda o curiosità, sono qui!

Potrebbero interessarti:
Altri articoli sulla Corsica
Croazia: c’era una volta l’Adriatico
Cosa fare a Minorca con i bambini
La meta estera che consiglierei per vacanze con bambini

Annunci

9 commenti su “8 cose da sapere per una vacanza in Corsica a prova di bambini

  1. cinzia
    14 febbraio 2017

    ciao..complimenti per il blog e per le “dritte”..
    ti chiedo una precisazione: ho letto che le strade non sono come siamo abituati e quindi di prestare attenzione. quello che più mi preoccupa è da Bastia a Propriano. tu lo hai fatto? sai quanto tempo serve?grazie mille

  2. Rebecca
    25 ottobre 2015

    Ciao, stiamo organizzando il nostro prossimo viaggio in Corsica con bimbo di 2 anni e mezzo al seguito per la prossima estate e questo articolo ci sarà molto utile!
    Un’altra buona risorsa in merito che abbiamo trovato è questa: http://www.corsicafrancia.it/corsica-con-bambini/ magari torna utile anche ad altri.
    Ciaoo

  3. Hornea Horneea
    2 settembre 2015

    grazie, ottimi consigli !!!

  4. Corsica Oggi
    3 luglio 2015

    Bell’articolo! Interessante il punto 4 sulla lingua còrsa, che condividiamo. Vi segnaliamo in proposito un articolo del nostro sito: http://corsicaoggi.altervista.org/sito/turismo-in-corsica-un-approccio-diverso-per-chi-parla-italiano/ E buone vacanze a tutti 🙂

  5. Monica Putzu
    17 giugno 2015

    Grazie per i preziosi consigli. Purtroppo per noi Agosto è d’obbligo – abbiamo prenotato il viaggio dal 20 al 31 – ma cercheremo di seguire la vostra esperienza. I nostri bimbi hanno 4 e 6 anni. Grazie e complimenti per il blog!

  6. jesolo hotels
    22 aprile 2014

    Buona scelta per chi desidera una vacanza attiva in famiglia. Ottimi consigli per i bambini!

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 2 ottobre 2013 da in al mare, Corsica, Francia, viaggiare con i bambini con tag , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: