Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Ad Anghiari, non solo per la battaglia

Gli errori dei Grandi hanno un fascino irresistibile e avvolgono di una polvere magica tutto ciò che li riguarda. Spesso mi sono chiesta se il piccolo borgo di Anghiari avrebbe mai avuto fama universale senza l’errore tecnico compiuto da Leonardo nel riprodurre la battaglia che si svolse ai piedi del colle su cui sorge.
I se e i ma non fanno storia, ovviamente, e oggi resta un solo dato di fatto: imboccando l’alta Valtiberina, anche a distanza di quasi 600 anni, è impossibile non provare un’irrefrenabile curiosità e il bisogno fisico di fermarcisi. Proprio lì, in cima alla rocca da cui lo sguardo vaga libero su tutta la piana.

merchandising toscana

a spasso per le vie di Anghiari

La battaglia di Anghiari

Il 29 giugno del 1440 è la data più importante negli annali della città di Anghiari. E’ un mercoledì qualunque nel resto del mondo quando, qui, si disputano le sorti della Repubblica di Firenze. Le mire espansionistiche dei Visconti, infatti, si sono spinte fino a quest’angolo sperduto di Toscana e i fiorentini – aiutati dalle truppe dello Stato Pontificio e della Repubblica di Venezia – sono disposti a tutto pur di non cedere un solo centimetro quadrato di quanto gli appartiene.
La battaglia è una vera guerra-lampo e non ha esiti disastrosi in termini di vite umane, come sottolinea ironicamente Macchiavelli:

ed in tanta rotta e in si lunga zuffa che durò dalle venti alle ventiquattro ore, non vi morì che un uomo, il quale non di ferite ne d’altro virtuoso colpo, ma caduto da cavallo e calpesto spirò.

Eppure la sua portata politica è così rilevante da venir scelta, qualche decennio più tardi, come caso emblematico della supremazia fiorentina a metà Quattrocento. Ma questa è un’altra storia, come vedremo tra poco.

battaglia di anghiari

Centinaia di soldatini decorati a mano nel grande plastico con la Battaglia di Anghiari

Ad Aghiari oggi rimane ben poco della battaglia, se non la vista dall’alto della piana in cui si svolse. Consiglio, dunque, una visita al museo locale, dove i bambini rimarranno incantati davanti allo schieramento di centinaia di soldatini in metallo dipinti a mano e i papà faranno a gara per spiegare il funzionamento delle originali armi da fuoco esposte al piano superiore.

Il capolavoro perduto di Leonardo

Accanto al plastico della Battaglia è possibile assistere alla proiezione di un film che narra la storia del capolavoro perduto di Leonardo da Vinci. La sfida tra lui e Michelangelo per celebrare le vittorie della Repubblica di Firenze, il tema affidato loro dal gonfaloniere Pier Soderini per decorare la sala del Consiglio dei Cinquecento a Firenze, l’idea leonardesca di sperimentare l’antica tecnica dell’encausto e il misero fallimento dell’impresa sono narrati con scene drammatiche e toccanti, capaci di mantener desta l’attenzione anche dei più piccoli.

museo della Battaglia di Anghiari

tutti i segreti del fallimento di Leonardo svelati in un film

Tanti sono ancora i misteri che avvolgono quest’opera, a cominciare dalla parete in cui fu dipinta. Ma Samir non ha dubbi: da grande andrò io a cercar il dipinto e farò vedere a tutti dov’è.

Passeggiando per il borgo

Ammetto che non mi sarei mai fermata ad Anghiari se non fosse stato per la Battaglia di Leonardo e mi sarei persa uno dei borghi più belli di Toscana. Passeggiare tra i suoi vicoli, scendere le gradinate, fermarsi all’ombra di edifici secolari, attraversare piazzette soleggiate e rimanere incantati davanti al panorama che si allarga tutt’intorno è un po’ come ritrovarsi all’interno di un film di Leonardo Pieraccioni. Che qui, infatti, girò nel 2007 Una moglie bellissima.

Anghiari

scorci del borgo

A pranzo con il fantasma di Baldaccio

Un paio di chilometri da Anghiari sorge Il Castello di Sorci, luogo che non avremmo mai scoperto se non fossimo stati in compagnia di Sara e Federico. Lui ha trascorso qui l’infanzia, grazie alla madre impiegata come cuoca nel ristorante aperto agli inizi degli anni Settanta.

agriturismo Anghiari

Il Castello di Sorci ad Anghiari

Ancor oggi è uno dei capisaldi della cucina tradizionale toscana e, sedendo ai suoi tavoli, non è raro incrociare lo sguardo dei grandi nomi del cinema e dello spettacolo. A quanto pare è proprio soggiornando nelle sue stanze che Benigni e Troisi hanno trovato l’ispirazione per la sceneggiatura di Non ci resta che piangere. E detto questo … detto tutto!

ristorante Anghiari

Il nostro tavolo al Castello di Sorci

Tutti in zona sanno chi è Baldaccio – un capitano di ventura del XV secolo, descritto da Macchiavelli come uomo di guerra eccellentissimo – e generazioni di bambini sono cresciuti con la malcelata curiosità di incontrarne il fantasma, privo di testa. Durante le belle sere d’estate c’è chi, ancora oggi, giura di udire la sua armatura sferragliante aggirarsi tra le stanze del castello, ma in pochi hanno la fortuna di venir accompagnati da Federico nell’esplorazione delle sale che furono il teatro dei suoi giochi da bambino. Sentire le sue bellissime storie uscire dai cassetti più preziosi dell’infanzia e prender vita tra le segrete del castello e le stanze dei piani superiori (ora adibite a locanda) è una delle emozioni più memorabili che porteremo con noi da questo suggestivo angolo di Toscana.

castello di Sorci

a spasso tra i locali del castello insieme a una guida d’eccezione

Buono a sapersi:

  • Il Museo delle memorie e del paesaggio nella terra di Anghiari si trova nel cuore del borgo antico, in Piazza Mameli 1. E’ aperto tutti i giorni nei seguenti orari: 9.30 – 13 e 14.30 – 18.30. Sul sito internet puoi trovare ulteriori informazioni sul Palazzo della Battaglia e sulle collezioni esposte nelle sale museali
  • Il ristorante della Locanda al Castello di Sorci è aperto tutti i giorni, tranne il lunedì. Non vi si ordina nulla, ma ci si siede a tavola e si attende che vengano serviti i piatti tipici della stagione: solitamente un abbondante antipasto di salumi, formaggi e crostini toscani, bis di primi piatti con tagliatelle fatte in casa, grigliata mista con verdure e per concludere dolci con vin santo. € 23,00 a persona. Per prenotazioni tel. 0575 789 066
Locanda castello di Sorci

vista da una delle camere del Castello di Sorci, ora adibito a locanda

Potrebbero interessarti anche:
Altri articoli sulla Toscana
Egeskov Slot: il castello del tempo che fu
Il Castello di Le Baux-en-Provence, piccolo gioiello di Provenza
A Marostica con i bambini

Annunci

4 commenti su “Ad Anghiari, non solo per la battaglia

  1. Tiziana Bergantin
    13 ottobre 2013

    Cucu ciao cara un commentino qui era dovuto.Con trepidante attesa aspetto che Samir cresca perché voglio sapere tutto sul mistero del dipinto di Leonardo. Un bacio

  2. Norma
    8 ottobre 2013

    Caspita che posto, non lo conoscevo.
    A dire il vero l’Italia la conosco poco, generalmente vado fuori.
    Peccato perché l’Italia è veramente bella ma poco sponsorizzata e troppo cara.
    Ciao
    Norma

  3. francesca
    8 ottobre 2013

    Cara Monica, che ricordi mi tornano in mente al castello dei sorci…non sai quante domeniche ci abbiamo passato con i miei quando ero piccola!!!

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 ottobre 2013 da in borghi e castelli, Toscana con tag .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: