Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Sai perchè tra mille blogger seguo proprio te?

Ti sei mai chiesto perchè tra le migliaia di blog in circolazione seguo proprio il tuo?

Si, lo so …
Non sono una tua lettrice fanatica. Una di quelle a cui non sfugge un articolo, che mette mi piace ad ogni post, che commenta sempre, che condivide tutto. A dire il vero non sono proprio la classica lettrice da blog. Tutte le sere preferisco ancora prendere in mano un vecchio libro e godermi le storie di Tiziano Terzani, Margaret Mazzantini, Maurizio Maggiani e compagnia bella.  Loro hanno il potere di tenermi incollata alle singole parole più di quanto riuscirà mai a fare un qualunque racconto di viaggio o riflessione della sera.

Eppure io al tuo blog non so resistere!
Anche se non ti leggo tutti i giorni, ti ho nella cartella dei preferiti.
Anche se non condivido i tuoi post su Facebook, vengo di tanto in tanto a curiosare le ultime novità.
Anche se parli prevalentemente di ricette o lavori creativi, i tuoi post riescono sempre a suscitare in me meraviglia e profonda ammirazione.

E sai perchè?

I love your blog

Perchè adoro ciò di cui parli o come ne parli

Sarei capace di riconoscere il tuo stile narrativo, il taglio delle tue foto, l’evolversi di un tuo pensiero in mezzo a mille immagini, parole e citazioni sparate a razzo nella blogosfera.
Perchè le tue idee sono sempre originali …
Non ti ho mai visto rubare contenuti da altri, scopiazzare comunicati stampa, ospitare guest-blog scritti spudoratamente da agenzie di web-marketing, raccontare viaggi o spiegare passo a passo creazioni che non hai fatto tu, in prima persona.

Quando ti leggo sento qualcosa muoversi dentro di me. Può essere un’emozione sottile, un ricordo d’infanzia, un moto di rabbia, una risata impossibile da trattenere, una lacrima trattenuta troppo a lungo, uno slancio d’ammirazione profonda per le tue mani di fata, tanta sana invidia per ciò che io non avrò mai l’ardire di fare.
Ogni tuo post risveglia in me qualcosa di profondo. Mi è impossibile rimanere indifferente dinnanzi alle tue parole e ogni tua idea è una spinta a muovermi, a provare, a mettermi in gioco.

Capita che tu non scriva per giorni. Settimane. Mesi.
Non perchè tu sia impegnato a produrre contenuti per altri, in cambio di quella maledetta visibilità di cui tutti parlano. Semplicemente hai altro da fare nella vita di tutti i giorni. O ti manca l’ispirazione. O hai deciso di iscriverti a quel corso che sognavi da tanto e il blog passa per un po’ in secondo, terzo piano.
Ma io non me la prendo: pazientemente, ti aspetto.

Tu non sei alla ricerca di contenuti ad ogni costo. Non hai assoldato un esercito di scribacchini per riempire tutte le nicchie dello scibile umano sull’argomento che tanto ti appassiona. Scrivi per passione, senza seguire rigidi piani editoriali e gli argomenti che ti daranno pageviews.
Il tuo blog continua ad essere una sorta di diario, senza alcuna velleità di trasformarsi in magazine.

E’ un diario intimo. Che io, lettrice, posso leggere in punta di piedi, nascosta dietro al più assoluto anonimato.
Posso anche commentare, se mi va. Certa di ottenere sempre una risposta da parte tua. Posso permettermi il lusso di criticarti apertamente, muovere delle obiezioni, fare dei distinguo senza il timore che tu te la prenda e mi cancelli da tutte le cerchie delle tue amicizie.

Perchè il tuo blog l’hai aperto anche per questo. Per comunicare, per confrontarti, per mettere in gioco le tue idee e ascoltare pareri discordanti. Non solo lodi osannanti e talvolta nauseanti.

Perchè sei social “inside”

Ti seguo perchè sei il classico esemplare di animale sociale. Quella specie di uomo in via di estinzione che sente il bisogno di stare con i propri simili, di darsi delle regole, di porre un limite alla propria libertà nel rispetto di quella altrui.
Insomma, sei social inside. Dentro di te. E non perchè hai mille profili sui social network.

Quando mi hai chiesto l’amicizia su Facebook, l’hai accompagnata da un breve messaggio privato in cui mi hai detto chi sei e perchè mi hai chiesto il contatto, anche se non ci conosciamo. Evidentemente anche per te l’amicizia ha ancora un altro valore e, quando entri in contatto con qualcuno che non conosci, come prima cosa saluti e ti presenti.

Ti aggiri tra Facebook, Twitter e Pintarest ignaro di quali siano i veri meccanismi che li governano. Eppur ti piacciono e li vivi con spontaneità. E io sento che ci sei TU dietro a quell’iconcina minuscola sul tuo profilo.
Tanto per dire, non ho mai visto un tuo link al viaggio a New York postato a distanza di pochi minuti dalla foto che ti ritrae beato in una spiaggia tropicale. Perchè odi le autamazioni e ti piace essere vivo anche sui social. Parli di ciò che stai facendo, condividi i pensieri che ti frullano in mente in quell’istante e, se ripeschi un vecchio post, lo fai solo perchè lo senti in linea con l’umore del momento.

Io sono una dei tuoi follower, o fan – che dir si voglia. Cambia la piattaforma, ma non le logiche con cui sei arrivato ad avermi tra i tuoi 123 seguaci. Un numero così ridicolo che non ti sogneresti mai di inserirlo nel tuo media-kit, sempre che tu sappia di cosa sto parlando.
Eppure, sotto sotto, un giorno mi hai confidato di essere orgoglioso di quei 123 pollicioni alzati di nostra spontanea volontà. Uno è il mio e so bene che non mi hai comperato da agenzie senza scrupoli, che non mi hai invitato per mesi a cliccare mi piace sulla tua pagina, che non mi hai mai scritto seguimi così ti seguo, che non hai orchestrato concorsi da sogno in cambio di un mio click, che non hai riempito il tuo commento di # con la speranza di farmi cadere nella rete, che non mi hai pregato di votarti per quel concorso in cambio di chissà che.
Mi hai conquistato semplicemente scrivendo e raccontando …

Non ricordo il momento esatto in cui ho iniziato a seguirti. A dire il vero non ricordo nemmeno dove ti ho beccato la prima volta!
Forse ho semplicemente letto un tuo post, condiviso da qualche amico che stimo.
Oppure ho trovato un tuo commento da qualche parte. Sul mio o su un altro blog. Un commento che mi ha incuriosito e mi ha spinto a venire a capire meglio chi sei.
O forse mi hai catturato con quella citazione di saggezza orientale che di tanto in tanto condividi. Perchè è vero, il tuo blog si rivolge a una precisa fetta di mercato – come direbbero gli esperti, ma tu sei una persona dai mille interessi e in rete li condividi tutti, indistintamente.
Oppure hai partecipato una volta a Il Senso dei Miei Viaggi (anche se non sei – anzi, proprio perchè non sei – un travel blogger professionista) e le tue parole han fatto breccia nel mio cuore.

No, no … ora che ci penso bene, so dove ti ho incontrato la prima volta. Abbiamo partecipato alla stessa discussione in un  gruppo Facebook, esprimendo forse pareri discordanti.
Un gruppo di quelli veri, intendo. Non un gruppo-vetrina dove tutti entrano, spammano il link di turno al proprio blog ed escono senza aver perso nemmeno un secondo a leggere se vi è qualcosa di nuovo.
Tanto cosa vuoi che ci sia mai di nuovo in gruppi così …
E poi lo so bene, da questo tipo di gruppi continui a cancellarti anche tu. Che palle!

Insomma … ti seguo perchè mi piaci tu!

A questo punto mi sembra evidente: se ti seguo nel mare magnum della blogosfera è perchè MI PIACI TU.

Tu come persona.

Con le tue idee a volte un po’ strambe. Le foto che tiri fuori dal baule della nonna. La ricetta usata come scusa per raccontare altro. Le risposte garbate anche alle critiche non-costruttive. Il coraggio di andar controcorrente. I lavoretti graziosi che in casa mia non troverebbero mai posto. Le foto sfumate scattate in un pomeriggio di pioggia. La citazione famosa di tuo figlio. L’iniziativa lanciata per gioco. Il segnalibro immobile nella pagina in cui ti sei arenato.

E’ per questo che più ti leggo e più vorrei conoscerti, guardarti negli occhi, condividere con te un momento di vita vera. Senza l’assillo della foto, del doverlo raccontare, dell’obbligo della condivisione.

Perchè anche tu non vivi per il blog. E’ il blog che vive grazie a te …

– – – – – – – – – –

PS: non ho fatto il tuo nome di proposito, tanto so che TU SAI che sto parlando proprio di te!

Potrebbero interessarti anche:
Tai-Chi e la forza dirompente di un’onda
E’ notte nel deserto
Inizia il Grande Viaggio
Tunisi: tour tra i meandri della memoria

Annunci

58 commenti su “Sai perchè tra mille blogger seguo proprio te?

  1. La Ste
    28 novembre 2014

    La dichiarazione d’amore che ogni blogger vorrebbe ricevere 🙂

  2. Pingback: Per favore, chiamami pure turista | Viaggi e Baci

  3. Pingback: Qualche pillola di professionalità … | Viaggi e Baci

  4. Ellis
    21 agosto 2014

    Capito qui grazie a Peekaboo Travel Baby. Curioso fra i post, mi attrae un’immagine… E leggo questo post meraviglioso. E’ davvero, davvero bello, ogni parola 🙂

    • viaggiebaci
      25 agosto 2014

      Grazie Ellis! E grazie a Peekaboo per averci messo in contatto 🙂

  5. gamberettarossa
    20 luglio 2014

    i blogger professionisti sono insopportabili, e spesso anche brutti e antipatici. i blogger professionali invece scrivono un post in meno pur che abbia senso, oppure si sfogano, o si raccontano, o insomma buttano fuori a parole l’energia che hanno dentro. peccato, non era x me il post o in parte non lo era, ma sono contenta lo stesso. buona domenica, buoni viaggi e baci a tutt* roberta – ziarobi – gamberettarossa

    • viaggiebaci
      21 luglio 2014

      non conosco blogger professionisti di persona, per cui non so se sono “brutti e antipatici”, ma immagino che alcuni si siano montati la testa e abbiano la presunzione che il mondo dipenda da un loro post, perchè questo l’ho visto accadere anche in chi professionista non è. Poi sicuramente ci sono anche quelli che sono rimasti con i piedi per terra e hanno fatto dell’umiltà la loro strada maestra.
      Non mi piace racchiudere le persone in categorie, qui ho voluto solo esporre le cose che mi piacciono in certi blogger (e leggendo tra le righe quello che non sopporto in altri). Alcuni hanno certe caratteristiche, altri ne hanno altre, ma come dici tu la base è che “si raccontano” e non stanno solo a far marchette … 🙂

  6. profpalmy
    19 marzo 2014

    Molto bello questo post… non so se avevi in mente magari qualcosa di scritto da me, ma sicuramente mentre leggevo io pensavo a te e al tuo blog, grazie!!!

    • viaggiebaci
      1 aprile 2014

      mamma mia … con che ritardo ti rispondo cara Tizi!
      Mentre scrivevo avevo in mente proprio persone belle come te! 😉

  7. partosoloconte
    5 marzo 2014

    Succede spesso, vengo qui, cerco qualcosa, trovo qualcos’altro e mi perdo tra le tue parole, come per questo post. Sono qui perché al di là di questa pagina ho trovato qualcuno che stimo molto, a cui voglio bene, stop! Troppo banale? Pazienza.

  8. elisa
    14 febbraio 2014

    Monica, giustissimo quello che scritto, io lo condivido.
    E’ vero, potrebbe essere il manifesto di noi blogger… forse non di tutte, ahimè….
    un abbraccio
    elisa

  9. Roberta Morasco
    14 febbraio 2014

    Bellissimo Monica!
    La penso davvero come Vaty…hai scritto delle cose verissime che mi hanno fatto anche un po’ commuovere.
    Grazie. Un abbraccio, Roberta

  10. Vaty
    14 febbraio 2014

    Ecco.. questo potrebbe essere il Manifesto di noi bloggers.
    Ti seguo perchè mi piace, non perchè mi segui, non perchè pubblichi a cadenza settimanale, non perchè hai gli sponsor col fiato sul collo.
    Ti leggo perchè il tuo diario è una vetrina, attraverso cui io posso entrare nel tuo cuore, condividerne i sentimenti, magari impararne altri e magari confrontarmi su altri punti.
    viva il concetto di social inside, e non di social popolarity-based.on-followers.
    Io non so se tra i blog che segui ci sono anch’io, ma posso dirti che il mio è di sicuro un diario e che se ho il piacere di scrivere è perchè so che ci sono persone come te che mi leggono.
    cosi come il tuo è sempre stato uno dei blog che ho seguito. e credo che ti ho conosciuta proprio per l’iniziativa de il senso dei miei viaggi, tra le cose più belle del web e che mi manca davvero tanto. spero di potermi ritagliare presto del tempo per rispolverare qualche foto e tornare con i miei contributi.
    per le ragioni di cui parlavi, perchè siamo social inside. e perchè scriviamo per il piacere di scrivere.
    Perchè non viviamp per il blog. E’ il blog che vive grazie a noi …
    ti stimo tanto Moni, lo sai. non vedo ora di riabbracciarti!

    • viaggiebaci
      14 febbraio 2014

      Come non sai se ti seguo …
      Ma cosa ti ho appena scritto su FB??? 😉

      Io di mio non sono una patita di ricette e raramente seguo i food-blogger, ma tu sei nella miei segnalibri dal momento in cui mi hai scritto la prima volta … e proprio per le ragioni elencate in questo articolo!

      Anch’io non vedo l’ora di riabbracciarti e di averti tra noi il prossimo 5 del mese ❤

  11. Pingback: Candid Camera … in valigia! | Viaggi e Baci

  12. Patatofriendly
    5 febbraio 2014

    chissà perchè il mio commento è sparito (?) ma… quando l’ho letto ho pensato che in questo post descrivi molto bene te stessa e credimi cara, è un complimento!:)
    io il mondo dei social cerco di capirlo, spesso con scarsi risultati, ma visto il tempo sempre scarso se seguo certo blog è proprio per il piacere di farlo… e perchè ne vale la pena!:) e in questo caso il post l’ho anche riletto!;)

    • viaggiebaci
      5 febbraio 2014

      Non so se questa è una descrizione di me stessa e non so nemmeno se “essere una blogger come me” possa essere un complimento, ma una cosa è certa: gli spiriti affini, quelli che hanno lo stesso sentire e condividono gli stessi valori, si attirano e si cercano…
      Quindi è probabile che i blog che amo abbiano dietro persone che in parte mi riflettono o quantomeno persone che nella vita reale potrebbero davvero essere mie Amiche 🙂
      Il mondo social io ho rinunciato da mesi a capirlo … se trovi la chiave di lettura fammi un fischio!!! 🙂

  13. Ogni volta che leggo un tuo post trovo qualcosa di me, ogni volta che leggo un tuo post provo un’emozione sia essa commozione o gioia, ogni volta che leggo un tuo post trovo un’ispirazione sia essa per un viaggio o per un libro, ogni volta che leggo un tuo post sento che se fossimo vicine fisicamente saremmo amiche… Ogni volta che leggo un tuo post ci trovo sincera passione e spontaneità… Ecco perché amo il tuo blog

    • viaggiebaci
      3 febbraio 2014

      Grazie Chiara, davvero grazie!
      Su una cosa non ho dubbi nemmeno io: se abitassimo vicine, sicuramente saremo amiche! Ma mai dire mai … già con la distanza-vicinanza della rete, mi sembra che siamo messe a buon punto, no?!?!? 🙂

  14. Beta
    29 gennaio 2014

    Questo post è meraviglioso e un po’ mi ci sono ritrovata, perché al di là di numeri, dei viaggi o di altre caratteristiche magari diverse, io sento di essere proprio così… è bello sapere di non essere “ingenuamente” soli ad essere se stessi in rete. 🙂
    (E, che il mio faccia parte o no, dei blog che ami, non ha importanza, perché per un attimo mi sono sentita molto compresa). 🙂

    • viaggiebaci
      30 gennaio 2014

      Sai cosa penso Beta? Ognuno di noi ha le sue preferenze e passioni, e sente subito feeling per un blogger – ma sarebbe meglio dire “persona” – piuttosto che per un altro ed è giusto che sia così. Ci sono blogger che seguo e stimo moltissimo per i motivi che ho esposto in questo post, che però non hanno i numeri dei grandi e tante volte si sentono “minori” o “non professionisti” per questo e magari sono tentati a intraprendere altre strade per aumentare la loro popolarità. Ecco, io volevo dire loro (anche senza citarli uno per uno), che a me piacciono proprio perchè sono così, per quello che scrivono e per come si comportano nei social. Un invito dunque a continuare “ad essere se stessi” al di là delle logiche di mercato del web …

  15. Bè, non so se ci sono anche io nei blog che segui. Ma poco importa. Quello che importa è restare fedeli a se stessi, sempre. 🙂 Mi ha fatto piacere sentirti al telefono l’altra sera. Il confronto con le persone intelligenti ti lasciano sempre arricchita. Ci sono persone che scrivono per passione e che sono social inside, come dici tu. Ci sono persone che invece lo fanno per lavoro o tentano di farlo per lavoro. E non mi sento di biasimarle, anche perché io tento di essere una di quelle. Ciò che però ho capito a forza di calci presi in faccia (e so che tu mi capisci) è quanto sia fondamentale riuscire a tenere separate le due cose. Riuscire a non confonderle. Sono convinta che le delusioni nascono proprio da questa enorme confusione che ormai domina il web. E così oggi lascio che il profilo social resti social per lavoro. Mentre con le persone con cui voglio tessere rapporti veri… alzo la cornetta del telefono e mi ci faccio una bella chiacchierata! 😉
    Un abbraccio cara! E… alla prossima chiacchierata!

    • viaggiebaci
      30 gennaio 2014

      “alzo la cornetta del telefono e mi faccio una bella chiaccherata”: quale descrizione migliore di un “social inside”? E non nego la mia gioia a sapere che, di tanto in tanto, dall’altra parte ci sono io 🙂
      Ogni tua parola e azione, cara Valentina, sono la testimonianza che “anche per te l’amicizia ha ancora un altro valore”: poco importa se usi il profilo per lavoro o per passione, ambiti che come giustamente dici è bene tenere separati.
      Ma dal tuo profilo e dai tuoi post trapela sempre una grande passione e una correttezza morale: è questo che a me piace trovare nei blogger che seguo. Non importa se lo fanno come passatempo o per camparci: l’importante è sempre “il come” …

  16. simona sacri
    29 gennaio 2014

    … se non e’ una dichiarazione di stima ed ammirazione sincera questa, allora non so cosa potrebbe esserlo!!
    La questione che poni e ahime’ un tema cosi’ scottante in questo periodo, e’ sempre il famoso bivio, e’ sempre quella scelta…
    Mi piace pensare che nel tuo grande cuore ci sia un posticino minuscolo anche x me…

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Nel mio cuore grande e malato (!) c’è posto per tutti coloro che giocano a carte scoperte e rispettano le regole della civile convivenza, quindi tu hai un posto d’onore cara Simona! ma questo lo sai già …. 🙂

      • simona sacri
        29 gennaio 2014

        Piu’ che saperlo ci speravo ^_^
        Comunque, confesso la mia debolezza, mi riempie di gioia sentirtelo “dire” ehm… scrivere!!

  17. Idea Mamma (@IdeaMamma)
    29 gennaio 2014

    complimenti per il post
    spesso mi faccio anch’io la stessa domanda ma non mi sono mai soffermata oltre… forse dovrei farlo come hai fatto tu 🙂

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Io invece spesso mi chiedo cosa trovino i miei lettori di “speciale” in ciò che scrivo e a questa domanda non sono ancora mai riuscita a dare una risposta univoca.
      Diciamo che analizzare cosa piace a me negli altri è sicuramente un buon primo passo!

  18. Sara Stellegemelle
    29 gennaio 2014

    in questi giorni di euforie in giro per il web, nei giorni dei pensieri del ‘che faccio? mi butto?’, quanta verità in questo post, e ti fa ritornare con i piedi per terra, perchè se il salto non lo si è ancora fatto è perchè ‘non sa da fare’.
    Grazie.

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Penso che il momento in cui si è pronti per il salto lo senti a pelle, non ci devi pensare tanto su. Un po’ come quando sei su un trampolino: se sei pronta per lanciarti lo fai senza pensarci due volte e quel momento in cui i piedi svolazzano nell’aria sono molto più emozionanti delle ore trascorse con i piedi per terra

  19. Rose Mel
    29 gennaio 2014

    Io ti lascio un sorriso 🙂

  20. Francesca
    29 gennaio 2014

    Ho avuto il piacere di guardarti negli occhi e posso dire che quegli occhi magnetici li ritrovo in tutto ciò che scrivi;-))

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      E’ il complimento più bello che io abbia mai ricevuto sui miei occhi … e non ne ho ricevuti pochi di complimenti in 41 anni, come potrai ben immaginare!!! 😉
      Quindi grazissime ❤

  21. Norma Ricaldone
    29 gennaio 2014

    Bellissimo, mi sono venute la lacrime agli occhi, hai espresso molto bene il tuo pensiero che è anche il mio.
    E’ questo che dovrebbe essere lo spirito del Blog, condividere per il piacere di farlo, dare e prendere, conoscere e far conoscere.
    Leggere un Blog sapendo che dietro questa facciata virtuale c’è una persona ed io alcune di queste persone le conosco bene anche se non le ho mai viste, ho imparato ad apprezzarle per quello che scrivono, per la loro disponibilità, per la loro simpatia, ho partecipato a momenti allegri e tristi sentendomi coinvolta.
    Quando apro il computer io vado a trovare Monica, non Viaggi e Baci.
    Ho ancora tante cose da imparare soprattutto sui social, ma grazie a voi sono sulla buona strada anche se ancora tanti concetti non li conosco, ma li imparerò.
    Io sono così, semplice e spontanea, mi piacciono le cose vere e genuine e spero di non cambiare mai.
    Ciao

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      E io ti prego di non cambiare mai, Norma! Nemmeno quando la tentazione di fare qualcosa per avere un follower in più ti indicherà apparenti scorciatoie …
      Io sono la prima ad esserci cascata e sono ancora qui a fare i conti con la mia coscienza!
      L’importante però è capire l’errore e porvi rimedio: d’altronde … sbagliando si impara.

  22. Annalisa
    29 gennaio 2014

    Cara! Come hai espresso bene il tuo pensiero….
    Ho la presunzione di credere che tu possa aver pensato anche a me descrivendo i blogger che ami…Ma sul più bello che iniziavo a gasarmi hai detto 123 lettori! Magari! Io proprio questa settimana ho raggiunto quota 80 e ancora non riesco a capacitarmi. Un abbraccione!

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Vedi che ho ragione? Non serve fare nomi …. quando ami qualcuno, lui lo sa! 🙂

      PS, ma non dirlo a nessuno: x la frase “Le foto che tiri fuori dal baule della nonna” mi sono ispirata proprio a te … ❤

      • Annalisa
        29 gennaio 2014

        Un giorno dovrò proprio raccontarti da dove tiro fuori le foto… Non è un baule ma sicuramente è a casa della nonna!

        • viaggiebaci
          29 gennaio 2014

          Oh noooooo … ora mi hai proprio incuriosito!!!! Esigo subito un post 😉

  23. Alla ricerca di Shambala
    29 gennaio 2014

    ma che ti sei fumata ieri sera? altro che libro della Mazzantini…ahahhahaha
    grande Monica, soprattutto perchè non metti nessun nome alla faccia di tutti i blogger che tessono lodi degli altri blogger a destra a manca per farsi condividere e retweettare bellamente. E W i social inside!

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Non me ne parlare, Monica!!! Il “social inside” non ha bisogno di questi giochini, come non ha bisogno di citare ogni minuto il committente dell’evento a cui partecipa per far vedere che sa fare bene il suo lavoro …
      Condivide quello che gli piace per il solo piacere di farlo, in quel momento o a distanza di mesi!!!

      Non cito di proposito alcun nome e non solo perchè ho la nausea delle classifiche che imperversano negli ultimi mesi. Dentro di me sono certa che i blogger a cui è dedicato questo post hanno capito al volo che sto parlando di loro 🙂

      • Le parole più belle secondo me, sono quelle che si dicono in privato 🙂 o che non c’è bisogno di dire perchè evidenti 🙂 per me il silenzio a volte nasconde legami speciali 🙂

        • viaggiebaci
          16 luglio 2014

          Pienamente d’accordo Rose Mel! Le parole più belle sono quelle che non si dicono, ma che si colgono da uno sguardo e da piccoli gesti … possibili anche su web!

  24. Antonella
    29 gennaio 2014

    Molto bello Monica…sei riuscita a dare parole a pensieri che mi giravano in testa da tempo.

    Buona giornata.
    Antonella

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Wow! Allora il post è veramente bello … perchè i tuoi pensieri mi piacciono sempre moltissimo!

  25. michelabocedi
    29 gennaio 2014

    Grande Monica…….è sempre un piacere leggerti!!!…..solo che devo capire di chi parli……così posso seguirlo anch’io, da quel che dici è un po’ come la vedo io…e tu lo sai!

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Non parlo di un’unica persona, parlo di quella manciata di blogger che continuo a seguire da anni e non mi deludono mai. Mai una caduta di stile, un compromesso, un giocare facile …
      E, detto fra noi, alcuni di questi li conosciamo entrambe e sono certa che un paio li segui anche tu 🙂

  26. zuccherando
    29 gennaio 2014

    b e l l i s s i m o !!!!!

  27. twinsbimamma
    29 gennaio 2014

    questo è il vero significato di essere blogger e seguire con piacere gli altri …

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Hai ragione, cara! O almeno questo “dovrebbe essere” il significato, anche se troppo spesso tendiamo tutti a dimenticarcelo … io per prima|

  28. Alessandra
    29 gennaio 2014

    Monica sei stata magnifica! Non avresti potuto esprimere meglio di così quello che anche io penso!

    • viaggiebaci
      29 gennaio 2014

      Felice di non essere la sola “troglodita dei blog”, Ale 🙂

  29. Cristina
    29 gennaio 2014

    Proprio bella Monica… Leggerti è davvero il modo migliore di proseguire la giornata 🙂

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 gennaio 2014 da in pensieri e parole.

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: