Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

#invadiamovicenza: tutti i musei aprono le porte a #invasionidigitali

A distanza di un anno dal successo dello scorso anno,  l’esercito di #invasionidigitali è di nuovo all’opera per invadere con smartphone, tablet, macchine fotografiche e telecamere i luoghi sacri dell’arte e della cultura italiana.
Il grido di guerra è sempre lo stesso: #liberiamolacultura – hashtag ufficiale dell’evento insieme a quello che dà il nome all’evento stesso.
Identico è anche il bottino che ogni invasore vuole conquistare: informazioni, foto e momenti memorabili da condividere su Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, G+, FourSquare e YouTube per promuovere in rete le bellezze inestimabili e spesso sconosciute del Belpaese.

Per me, Alessandra e Valentina resta uguale anche l’obiettivo strategico verso cui puntare le armi digitali insieme ai nostri compagni di invasione. Ovvero Vicenza, quel piccolo capolavoro a cielo aperto inserito dall’Unesco tra i beni Patrimonio dell’Umanità con l’appellativo di Città di Andrea Palladio.
E, per quanto ci riguarda, non ci saranno novità nemmeno sul piano d’attacco finale: le nostre #invasionidigitali saranno sempre a marchio family, con i bimbi schierati in prima linea davanti ai capolavori dell’arte veneta e agli operatori didattici pronti a svelare loro trucchi e segreti racchiusi tra pietre e dipinti.

museo diocesano nel palazzo vescovile di Vicenza

Eppure quest’anno nulla sarà come l’anno scorso, perchè bollono in pentola tre novità che renderanno #invadiamovicenza un caso unico nel panorama delle invasioni italiane:

1. A Vicenza #invasionidigitali in TUTTI i musei della città

Si, si … hai capito bene! Quest’anno le #invasionidigitali di Vicenza non prenderanno di mira un solo obiettivo, ma sfonderanno le porte di TUTTI I MUSEI della città del Palladio.
A quel che mi risulta, Vicenza è il primo caso in Italia di città che si apre completamente al popolo delle invasioni e la cosa mi rende davvero orgogliosa di essere guida turistica di questa splendida città. Come mi piace moltissimo l’idea che la rete – intesa come internet – invada una rete – quella museale cittadina.
#invadiamovicenza sarà dunque più di un semplice hashtag da usare sui social media per contraddistinguere le nostre invasioni. Sarà la splendida realtà maturata dal seme piantato lo scorso anno.

2. A Vicenza #invasionidigitali per tre giorni e con il bis

Impossibile invadere tutti i musei di Vicenza in un giorno solo. Non ci piace l’idea di dover fare tutto di corsa, di aver poco tempo per ammirare le opere, interrogare gli esperti, scambiare pensieri tra di noi. Le invasioni, nonostante il nome, devono essere un piacere … non un tour de force!
Si è scelto dunque di sviluppare l’evento in tre giornate consecutive: 1, 2 e 3 maggio. In questo modo sarà più facile per tutti trovare il giorno giusto per venire a Vicenza e chi arriva da lontano e vuole fermarsi più giorni saprà di aver sempre qualcosa di bello da fare in città per il ponte del Primo Maggio.

Svolgendosi all’interno di palazzi storici, quasi tutte le #invasionidigitali vicentine sono a numero chiuso e prevedono la prenotazione obbligatoria. Per dar modo al maggior numero possibile di persone di prendervi parte, ogni invasione verrà ripetuta due volte nell’arco della stessa giornata. Ovviamente qualora rimanessero dei posti liberi, sarà possibile aggiungersi anche all’ultimo minuto presentandosi 10 minuti prima nel luogo di appuntamento.

3. A Vicenza #invasionidigitali per tutti i gusti e tutte le età

A Vicenza ci saranno #invasionidigitali per tutti i gusti e tutte le età.
Con Alessandra e Valentina curerò le invasioni per famiglie con bambini a Palazzo Leoni Montanari e al Museo Diocesano.
Gli appassionati di architettura potranno invadere i palazzi di Contrà Porti – rinnominata Palladio Street per l’occasione – accompagnati da uno dei curatori del Palladio Museum.
Agli amanti dell’arte è riservata l’invasione a Palazzo Chiericati, con visita guidata alla mostra di Nicola Samorì e la possibilità di proseguire in autonomia la visita alla Pinacoteca da poco rinnovata.
E dulcis in fundo la caccia ai tesori della Chiesa di Santa Corona per gli adulti e i bambini che vorranno scoprire le opere di questo tempio dell’arte grazie alla nuova App multimediale e all’aiuto di Chiara.

Palazzo Leoni Montanari a Vicenza

Buono a sapersi

Tutte le #invasionidigitali di Vicenza sono gratuite, per grandi e piccini.

L’hashtag ufficiale dell’invasione vicentina è #invadiamovicenza, da utilizzare insieme a quelli dell’evento nazionale: #invasionidigitali e #liberiamolacultura

Le invasioni si svolgono al coperto e verranno compiute anche in caso di brutto tempo. L’unica invasione all’aria aperta è quella di Palladio Street, che in caso di pioggia potrà subire delle leggere modifiche di percorso.

Per saperne di più sul programma con le date e gli orari clicca qui.
Per ragioni organizzative e logistiche, le invasioni di Vicenza sono a numero chiuso: per prenotare la tua visita, segui il link presente nella scheda di ogni singola invasione sul sito internet di #invasionidigitali.

Agli invasori che desiderano fermarsi in zona per il Ponte del Primo Maggio e cogliere l’occasione della visita a Vicenza per scoprire altre bellezze della sua provincia riserverò con piacere una tariffa amica nel mio albergo a Marostica. E i bambini, ovviamente, non pagano. Per saperne di più scrivimi a viaggiebaci@gmail.com

Io, Ale e Vale saremo presenti il 1 maggio all’invasione delle 10.30 a Palazzo Leoni Montanari e a quella delle 15.00 al Museo Diocesano. Se volete unirvi a noi sarà l’occasione giusta per rivederci o incontrarci per la prima volta … e il divertimento è garantito!

Potrebbero interessarti anche:
A Marostica con i bambini
Qualche idea per visitare il Palladio Museum con i bambini
Sons et Lumiere al Teatro Olimpico
Libreria Girapagina: il paradiso dei giovani lettori

 

Advertisements

13 commenti su “#invadiamovicenza: tutti i musei aprono le porte a #invasionidigitali

  1. elisa
    2 maggio 2014

    Grazie Monica di avermi fatto conoscere questa bella iniziativa!
    Dedicherò sicuramente un post nel mio blog.
    Ci è piaciuto molto.. a tutti!!
    abbiamo prenotato anche la caccia la tesoro per domani!!
    ciao

    • viaggiebaci
      5 maggio 2014

      ma che bello Elisa! Sono proprio felice e spero che ci saranno presto altre occasioni 🙂

  2. valigiaepasseggino
    30 aprile 2014

    Che splendido blog!!! Complimenti, davvero.. Io ho appena aperto il mio in linea con il tuo e sei davvero una grande fonte di ispirazione.. ho sbirciato un po’ per vedere se avevi post su Berlino, la nostra prossima mèta.. ecco uno spunto per il tuo prossimo post!!! 😀

  3. martilarossa
    30 aprile 2014

    Ciao Monica, noi purtroppo non potremo esserci l’1, ma verremmo per il 2 e il 3… cosa ci consigli con la bimba di un anno e mezzo (sveglia ma ben poco tranquilla….!)? grazie!
    e prima o poi anche Marostica…. 😉

  4. twinsbimamma
    24 aprile 2014

    ma che belle iniziative…mi piacerebbe tanto ma ho già prenotato per i ponti ….però prima o poi verrò a trovarti …..aspetto di leggere i tuoi interessanti resoconti della “invasione”

    • viaggiebaci
      24 aprile 2014

      Peccato!
      O meglio, peccato per noi, ma beata te … 😉
      Divertitevi e vi aspettiamo presto a Marostica

  5. immaginavo ma volevo avere una tua conferma 🙂 altra domanda, per baby orsetta di 15 mesi devo comunque fare il biglietto nella prenotazione?

    • viaggiebaci
      24 aprile 2014

      No, Stefania, non serve …
      lei starà sicuramente con voi. La prenotazione va fatta per i bimbi che fanno la visita
      A prestissimo

  6. ciao Monica, mi piacerebbe molto partecipare… secondo te la visita al Museo Diocesano è adatta alla mia bimba di 3 anni e mezzo?

    • viaggiebaci
      22 aprile 2014

      E come dire di no ad una piccola orsetta curiosa??? 🙂
      Le visite sono studiate per bambini tra i 4 e gli 11 anni, ma sono certa che non saranno pochi mesi di differenza a creare difficoltà. Eventualmente tu stai con lei invece di seguire il gruppo degli adulti e così la aiuti a seguire le attività proposte …
      Dai che è la volta buona che ci si vede 🙂

  7. Pingback: A Vicenza le Invasioni Digitali sono a misura di bambini

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 19 aprile 2014 da in around Marostica, musei per bambini.

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: