Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Spiagge di Loto e di Saleccia: il paradiso è nel Desert des Agriates

Prendi due spiagge meravigliose, fai sapere al mondo che sono difficilmente raggiungibili, non far nulla per migliorare gli sterrati che vi conducono, lascia ad un paio di operatori turistici locali la possibilità di accompagnarvi i turisti via mare o in 4×4 … e il risultato è assicurato!

plage du lotu

l’imbarco alle spiagge del Desert des Agriates

O almeno lo è ad agosto, quando la Corsica è presa d’assalto da un esercito folle di vacanzieri, molti dei quali di origine italiana. Teoricamente dovrei sconsigliarti di spingerti fino alle spiagge di Loto e di Saleccia se sei alla ricerca di spiagge deserte in cui stendere l’asciugamano lontano da tutto e da tutti, ma questa volta non me la sento proprio.
Il mare cristallino che lambisce il Desert des Agriates è la quintessenza del mare dei miei sogni e non mi pentirò mai di aver fatto qui il mio ultimo bagno a Kallistè, “l’isola più bella” secondo il giudizio  insindacabile degli antichi Greci.
Nonostante la lunga coda al porto, le due ore e mezza in attesa della nostro turno per saltare a bordo, le poche ore a disposizione da trascorrere sulla spiaggia e le meduse che sono venute a darci il benvenuto fin sulla riva, non mi stancherò mai di consigliare queste due spiagge agli amici in procinto di partire per la Corsica.

Plage de Loto Desert des Agriates Corsica

Plage de Loto: come non venire a far un tuffo fin qui?

Come arrivare alle spiagge del Desert des Agriates

Percorrendo la strada regionale D81 che collega Bastià a L’Ile Rousse, quel che colpisce è il verde che punteggia l’area che nella cartina è indicata come Desert des Agriates. Solitamente il deserto è deserto, senza alberi, cespugli ed arbusti. Non qui, dove dai punti panoramici e dalle terrazze dei bar che si incontrano lungo la strada si vedono numerose chiazze verdi contendere lo spazio alle rocce arroventate dal sole.

Corsica Desert des Agriates

Il Desert des Agriates dalla D81

Quasi un omaggio al nome che in epoca genovese designava il granaio dell’isola. Agriates, in latino, significa infatti campi coltivati e tutt’ora è possibile trovare i resti degli antichi magazzini in pietra dove veniva conservato il grano. L’aspetto attuale della regione è dovuto agli incendi e alle erosioni avvenuti nel corso del Sette e dell’Ottocento, che comunque non sono riusciti a debellare del tutto la macchia mediterranea tipica dell’isola.

ma come si fa a chiamarlo "deserto"?!?Il lato settentrionale del Desert si tuffa in mare. 35 km di costa selvaggia e frastagliata, con un paio di spiagge da urlo. Le due più famose sono la Plage de Lotu e la Plage de Saleccia, rispettivamente a est e a ovest del promontorio Punta di Curza.

A meno che tu non disponga di una barca privata o di un fuoristrada, per raggiungerle dovrai per forza affidarti a qualche operatore locale. Si dice infatti che per percorrere la decina di chilometri necessari ad arrivare a Saleccia, serva più di un’ora di tempo e le macchine normali ne escano enormemente provate. Noi preferiamo non rischiare, anche se alcuni amici l’hanno fatta e dicono che non è così tremenda come si narra. Scegliamo quindi la soluzione più comoda, ovvero una delle due imbarcazioni (U Saleccia e Popeye) che durante l’alta stagione fanno la spola continua dal porto di St-Florent.

come andare a plage de Lotu e plage de Saleccia

il Desert des Agriates via mare

Ad agosto non è possibile prenotare la gita via mare anticipatamente, per cui consiglio di arrivare al porto prima delle 9.30 per evitare lunghe code per acquistare il biglietto e un paio d’ore d’attesa per imbarcarsi. La spiaggia di Loto si raggiunge in mezz’oretta e la vista dal mare del Desert des Agriates è molto suggestiva.

Al momento dell’acquisto del biglietto è possibile scegliere se visitare una sola delle spiagge o tutte due. La seconda soluzione, ovviamente, è la più cara e il collegamento tra le due spiagge può essere effettuato via mare, in 4×4 o a bordo di un calesse.

collegamenti tra le due spiagge: indovinate quale scegliamo noi?

collegamenti tra le due spiagge: indovinate quale scegliamo noi?

Noi acquistiamo il biglietto solo per Plage de Loto e dopo un paio d’ore di completo relax sulla spiaggia e di tuffi nell’acqua turchese

bambino che gioca sulla spiaggia

giochi al mareci incamminiamo a piedi lungo il sentiero ben segnalato che conduce a Saleccia. Ci impieghiamo quasi un’ora per raggiungere l’immensa spiaggia bianca e gran parte del sentiero, in falsopiano, non è ombreggiato. Fondamentale quindi avere con sè capellino, crema solare e tanta, tanta acqua.

pini marittimi

l’arrivo a Saleccia dopo un’ora di cammino

Le due spiagge si possono raggiungere anche con i fuoristrada che partono 3-4 volte al giorno dai botteghini allineati lungo la D81, a una decina di chilometri da St-Florent. In questo caso è assolutamente consigliata la prenotazione anticipata in alta stagione, perchè le corse sono poche e il rischio di non trovar posto è alto. Troverai diversi depliant pubblicitari nelle strutture e nei locali di St-Florent e anche in questi casi i prezzi non si discostano di molto tra un operatore e l’altro. Tieni presente che la strada è uno sterrato, quindi ci saranno scossoni e tanta polvere …

scogli sul mareOvviamente le due spiagge si possono raggiungere anche a piedi, percorrendo il vecchio Sentier du Douanier risistemato da qualche anno. Una parte di questo sentiero è quella che collega Loto a Saleccia e se vuoi capire di cosa si tratta puoi fare come abbiamo fatto noi. Le temperature sono molto alte e camminando qui d’estate puoi capire subito cosa vuol dire Desert!
Il consiglio dunque è quello di adottare questa soluzione solo in primavera o autunno, possibilmente senza bambini piccoli al seguito e con lo zaino pieno di bottiglie d’acqua.
La nostra guida dice che servono circa 4 ore e mezza da Saint- Florent alla Plage de Saleccia, dove c’è un campeggio poco raccomandato (anche se i più coraggiosi – come la mia amica Monica – ci tornerebbero!). Da lì si può tornare indietro o proseguire verso l’Ostriconi, la bella spiaggia al limite occidentale del Desert. Per questa seconda opzione ci vogliono circa 8 ore di cammino e l’unica tappa intermedia è la gite d’ètape che si trova sopra la Plage de Ghignu, a un terzo del cammino.

alberi grandi e strani

prima di arrivare a Saleccia c’è una bella pineta

Da tener presente che quando c’è molto vento il Desert des Agriates viene chiuso e non è possibile raggiungerlo nè via terra nè via mare. Questo non solo per le cattive condizioni del mare, ma anche per l’altissimo rischio incendi. Per cui se intendi fermarti più giorni in zona, non lasciare queste due spiagge per l’ultimo giorno: il rischio di non poterci andare è sempre dietro l’angolo. Noi ci andiamo l’ultimo giorno proprio perchè nei due giorni precedenti sono state off-limits …

E’ meglio la Plage de Loto o quella di Saleccia?

Una volta scelto il modo per arrivare alle spiagge del Desert des Agriates, sorge spontanea una domanda: è meglio Loto o Saleccia?
Premesso che entrambe in alta stagione sono molto affollate, a noi piace più la prima.

plage de loto

Plage de Loto il pomeriggio del 22 agosto 2013

 Sicuramente questo dipende anche dalle correnti della giornata: a Loto il mare è piatto come una chiazza d’olio e le sue trasparenze risaltano al massimo, a Saleccia ci sono cavalloni che movimentano la sabbia del fondale e tolgono parte della sua bellezza.
Questo ovviamente è un fattore che cambia di giorno in giorno e la gente del posto dice che quando il mare è mosso su una spiaggia, sicuramente è tranquillo nell’altra. Noi ci siamo fatti consigliare il mattino stesso dal proprietario del campeggio, che sentendo da che parte tirava il vento non ha avuto dubbi. E ci è andata bene!

plage de saleccia

Plage de Saleccia il 22 agosto

Una cosa però mi fa propendere per la Plage de Loto al di là delle condizioni marine ed è il limite per le barche private di avvicinarsi alla riva. A Loto ci sono delle boe oltre le quali le barche non possono spingersi, a Saleccia invece arrivano fin quasi sulla riva e non è un gran bel vedere …
Questo forse dipende anche dalla profondità del fondale: basso per un lungo tratto a Loto (quindi perfetto per i bambini) e più alto a Saleccia.

Per quanto riguarda l’affollamento nella spiaggia, la situazione in alta stagione dovrebbe essere più o meno sempre come nelle due foto qui sopra. Questo perchè le gite organizzate prevedono per tutti lo stesso tempo di permanenza e in base all’orario scelto per la partenza sarai costretto ad accettare l’orario del rientro. Certo che la prima corsa della mattinata e l’ultima del pomeriggio offrono qualche chance in più di aver la spiaggia quasi solo per te.
L’altra soluzione, se cerchi un po’ di tranquillità, è quella di spingerti dal lato opposto della spiaggia rispetto al molo dove arrivano le imbarcazioni …

spiaggia di loto

Spiaggia di Loto: verso est la situazione è decisamente più vivibile

Non male, eh?!?!

Potrebbero interessarti anche:
Altri articoli sulla Corsica
Altre idee per vacanze al mare con bambini
5 cose da portare in tenda con i bambini
In montagna con i bambini: c’è sempre una prima volta

Annunci

8 commenti su “Spiagge di Loto e di Saleccia: il paradiso è nel Desert des Agriates

  1. bruno d ulivo
    7 maggio 2016

    A saleccia x 3 volte una a piedi a.r 24 kl. Una dal mare
    Una con 4×4 .paradiso

  2. Pingback: Attimi di eternità | Viaggi e Baci

  3. Pingback: Elafonisos, quanto è bello il mare della Grecia! | Viaggi e Baci

  4. Sara M
    2 settembre 2014

    Che dire….la Saleccia è indimenticabile!! Noi ci siamo arrivati percorrendo lo sterrato e si…per fare quei 12 km ci abbiamo messo più di un’ora. Eravamo in 4 su una povera Punto e andavamo pianissimo. E probabilmente la macchinina ne ha risentito, anche se a distanza di tempo.
    Però che figata quella strada, un angolo di solitudine nella super frequentata Corsica. A farci compagnia soltanto qualche mucca ridotta a ossa.
    La spiaggia è davvero bella, anche se me la immaginavo quasi deserta, vista la strada :-/
    Peccato solo non aver visto anche Loto, ma spero di rimediare prima o poi 🙂

    • viaggiebaci
      3 settembre 2014

      Eh, eh … lo sapevo che prima o poi sarebbe arrivata anche la coraggiosa che si è fatta lo sterrato e sono estremamente felice di poter dar prova che si può fare. Con fatica, ma si può fare …
      Grazie per la tua preziosa testimonianza!

  5. ponchia80
    29 luglio 2014

    Quanti ricordi risvegli!!! Anche noi abbiamo fatto il tragitto a piedi (all’andata quello interno, incontrando anche delle mucche lungo il sentiero, al ritorno quello lungomare)… non sapevamo dell’esistenza delle navette! 🙂 Una curiosità: considerando solo mare e spiaggia, preferisci Saleccia e Loto o le spiagge greche?

  6. Monica
    26 luglio 2014

    E certo che io ci tornerei e anche senza acqua e corrente elettrica ci starei pure una settimana invece che tre giorni… Soggiornare in quel campeggio con tutte le difficoltà del caso, vuol dire svegliarsi all’alba e avre la splendidissima spiaggia tutta per te almeno fino alle 10.00/10.30 del mattino…. Io sono stata stregata da questo posto e da questo mare! Grazie Monica

    • viaggiebaci
      26 luglio 2014

      Eh, eh … me lo ricordavo!!!!
      Per questo mi sono permessa di tirarti in causa 🙂

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 luglio 2014 da in al mare, Corsica, Francia con tag .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: