Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Musica, maestro! Oggi è di scena la Haus der Musik

Tutte le città si lasciano guardare. Alcune si fanno anche, seducentemente, assaggiare. Ma Vienna è diversa. Vienna è l’unica città al mondo da ascoltare. Solo così è possibile coglierne appieno l’essenza e ritrovarsi, alla velocità di un giro di valzer, faccia a faccia con i personaggi che hanno fatto grande la storia della capitale asburgica. Non solo politicamente parlando, intendo.

Casa della Musica

Il modo migliore per immergersi nello spirito di Vienna è sicuramente questo …

E’ impossibile visitare Vienna senza lasciarsi sedurre dai ritmi del Valzer e della Wiener Klassik, il genere musicale che a cavallo tra Sette e Ottocento ha conquistato le regge di mezza Europa.
Wolfgang Amadeus Mozart, Ludwig van Beethoven, Franz Joseph Haydn, Johann Strauss i nomi di punta di una moda capace di sopravvivere allo scorrere impetuoso del tempo e di far ancora capolino, a distanza di oltre due secoli, nei luoghi in cui meno te la aspetti. Vada per le stanze sontuosamente decorate del castello di Schonbrunn, per le serate di gala della Scuola di Equitazione Spagnola, per i mercatini di natale che affollano ogni angolo della città durante le festività di fine anno. Ma che dire quando la musica classica ti rapisce nel momento in cui immergi la testa nella piscina sonora delle modernissime terme sorte alle porte della città?

Pochi secondi di apnea mi regalano la stessa piacevole sorpresa che mi accoglie non appena varchiamo la soglia della Haus der Musik, a pochi passi dalla Cattedrale di Santo Stefano. Mi basta gironzolare tra la biglietteria e le installazioni multimediali che ci danno il benvenuto al pian terreno di quella che fu la casa di Otto Nicolai, fondatore e primo maestro dell’Orchestra Filarmonica di Vienna, per capire che la musica classica viennese è più viva che mai.
Anzi, grazie alle nuove tecnologie, oggi è possibile viverla con tutti i sensi ed interpretarla in performance inimmaginabili persino ai suoi compositori.
La mezza giornata trascorsa all’interno della Casa della Musica resterà sicuramente tra i momenti memorabili della nostra settimana a Vienna. Un’esperienza capace di mixare sapientemente l’apprendimento storico e scientifico che ci si aspetta da un museo con il divertente coinvolgimento che solo le più moderne tecnologie multimediali e multisensoriali possono garantire.

Haus der Musik Wien

un mix perfetto di storia della musica, scienza del suono e nuove tecnologie

Ammetto che, se avessi viaggiato da sola, avrei di gran lunga preferito trascorrere mezza giornata sulle orme di Klimt che all’interno di un museo dedicato al suono e alla storia della musica. Ma il bello di viaggiare con i bambini è proprio questo: si parte con un programma studiato per far felici loro – e in questo caso anche il papà! – e si torna a casa con un bagaglio di emozioni e conoscenze difficili da immaginare prima della partenza. Non esiste sito, blog o canale social che possa rendere alla perfezione l’idea delle esperienze che ti aspettano nei 5.000 metri quadrati, suddivisi in cinque piani, che ospitano uno degli ultimi nati tra i musei della capitale austriaca. E questo renderà ancor più magica ogni tua scoperta!

Sarei tentata di non anticiparti proprio nulla di quel che ti aspetta per non rovinarti la sorpresa. Ma visto che Viaggi e Baci è in primis il diario dei nostri viaggi in famiglia, lasciami almeno stilare la classifica delle tappe che ci sono piaciute di più in questo incredibile tour:

1. Dirigere la Wiener Philharmoniker

Hai presente l’Orchestra Filarmonica di Vienna? Quella del concerto di Capodanno trasmesso in mondovisione per un pubblico di circa un miliardo di spettatori sparpagliati in ogni angolo del pianeta?
Ebbene io quell’orchestra l’ho diretta personalmente, con tanto di bacchetta in una mano e spartito davanti agli occhi. Peccato che gli orchestrali non abbiano gradito la mia performance e dopo qualche minuto di strazio acustico si siano alzati in piedi per mandarmi fuori ad urla e fischi …
E’ andata meglio a Samir, che ha diretto magistralmente una delle orchestre più famose al mondo. Prendendosi pure un sacco di complimenti dai musicisti, applausi sonori dal pubblico e divertendosi come sembra impossibile poter fare in un museo.

Orchestra filarmonica di Vienna

Musica, maestro!

2. il VirtoStage con il “concerto dello zoo”

Ovvero un piccolo auditorium situato all’ultimo piano dove i bambini sono i protagonisti indiscussi di un’opera che ha per protagonisti gli animali, con i loro versi, ritmi e possibilità musicali. Muovendosi con tutto il corpo nel palco virtuale i bambini possono creare degli spettacoli frutto della loro fantasia e del loro senso del ritmo musicale.
Ah! i genitori hanno a disposizione uno spazio simile poco più in là. Senza animali, ovviamente …

Haus der Musik Vienna

shhhhh! … il mio direttore sta componendo la sua orchestra

3. Il “Namadeus” e i Grandi Maestri della musica viennese

Quando sono venuta a sapere che il terzo piano del museo è dedicato interamente alla biografia e alla carriera artistica di maestri del calibro di Mozart, Beethoveen, Schubert, Mahler e compagnia bella, ho pensato … beh, questo lo salteremo a piè pari! Già mi immaginavo una successione noiosissima di cimeli personali intervallati da chicche musicali talmente sofisticate da poter essere apprezzate solo da un pubblico di veri estimatori. Mai errore di valutazione fu più clamoroso …

Casa della Musica Vienna

qui anche le stanze dedicate ai Grandi Maestri sono allestite in modo originale

Queste stanze sono uno scrigno affascinante di tesori personali ed aneddoti sulla vita dei Grandi Maestri viennesi, resi perfettamente comprensibili anche ai più piccoli grazie alla presenza di postazioni multimediali e di audio-guide veramente ben fatte.
E poi nella stanza di Mozart c’è pure il Namadeus: un manichino del celebre Amadeus che trasforma in musica le lettere dei nomi digitati sullo touch screen posto dinanzi a lui. Inutile dire che Samir ha composto sinfonie complicatissime con i nomi di tutto il parentado e di amichetti vari.

Mozart

Tu digiti il nome sullo schermo e Amadeus lo trasforma in musica ..

4. La Galleria del Suono

Apparentemente è solo una sala buia con dei monitor, ognuno dotato di una propria cuffia, allineati lungo una parete scura. In realtà è uno dei luoghi più divertenti dell’intero museo e la prontezza con cui gli adulti soffiano di mano le cuffie ai più piccoli ne è la prova. Qui, infatti, è possibile ascoltare individualmente i suoni e i rumori dell’universo, dell’ambiente che ci circonda e del corpo umano per poi trasformarli in nuovi suoni con l’intervento della propria voce o di suoni e musichette famose. Il risultato lascia spesso spaesati e le risate sono più che assicurate.

Museo della Musica a Vienna

suoni comuni e suoni mai sentiti

5 . A parimerito …

A parimerito arrivano la stanza con la ricostruzione gigante degli strumenti musicali, dove si può praticamente entrare dentro agli strumenti a fiato, a percussione e a corde per scoprirne il funzionamento

tamburo

non so se al mio giovane percussionista capiterà ancora di trovare un tamburo così …

e il gioco dei dadi musicali allestito al primo piano, dove la sinfonia viene creata in coppia lanciando dei grossi dadi su un apposito schermo.

attività musicali per bambini

qui ogni cosa è trasformata in gioco: come non adorare questo posto?

Ovviamente gran parte di ciò che uno inventa e compone durante la visita può poi essere registrato su CD e acquistato alle casse del museo. Non male come souvenir, eh?!?

Mi fermo qui, altrimenti svelo proprio tutto. Ora tocca a te …
Musica, maestro!

Buono a sapersi

  • Orari: tutti i giorni, dalle 10 alle 22
  • Biglietti: adulti € 18, bambini dai 5 ai 14 anni € 14, gratuito fino ai 5 anni; sconto per i possessori della Vienna Card
  • Visite guidate per famiglie: ogni sabato alle ore 14 e ogni domenica alle ore 10 e 14. La visita è in lingua tedesca (noi vi abbiamo preso parte e la raccomandiamo, ma solo se uno dei genitori capisce un po’ il tedesco e si presta a far da traduttore) e va prenotata anticipatamente. Dura circa un’ora e mezza e non prevede maggiorazioni sul costo del biglietto.
  • Altre attività: periodicamente vengono organizzati concerti di musica classica per bambini, lezioni di musica e attività a tema. Per maggiori informazioni, visita il sito internet della Haus der Musik.
  • Shop: all’ultimo piano c’è un negozio molto ben fornito, dove trovare simpatiche idee regalo per cugini e amichetti
  • Dove mangiare: a pochi passi dal Museo è possibile assaggiare una delle migliori Wiener Schnitzel della città. Ne ho già parlato qui.
grazie al papà-traduttore abbiamo partecipato anche alla bella visita guidata per famiglie

grazie al papà-traduttore abbiamo partecipato anche alla visita guidata per famiglie

Potrebbero interessarti anche:
Altri articoli su Vienna
Musei formato family
Londra: idee per una visita a misura di bambini
Bruxelles, tra fumetti e cioccolatini

Annunci

4 commenti su “Musica, maestro! Oggi è di scena la Haus der Musik

  1. Pingback: Ci vediamo al Children’s Tour? | Viaggi e Baci

  2. Norma Ricaldone
    4 novembre 2014

    Che bello!
    Appena ho letto il titolo ho subito pensato che fosse noioso (come dicevi anche tu per una sezione) ed invece è interessantissimo e pure spassosissimo.
    Se dovessi tornare a Vienna ci vado di sicuro (anche alle terme, mi spiegherai meglio)
    Ciao
    Norma

    • viaggiebaci
      4 novembre 2014

      Norma credimi che è uno dei musei meglio concepiti che mi sia capitato di incontrare in giro per il mondo!
      Me l’ha suggerito una coppia di amici, dicendomi che se si erano divertiti loro, samir sarebbe impazzito … e così è stato!
      Da vedere assolutamente 😀

      PS: presto parlerò anche delle terme …

  3. Pingback: Vienna Card: conviene o non conviene? | Viaggi e Baci

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 4 novembre 2014 da in Austria, musei per bambini con tag , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
incontriamoci a Marostica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: