Viaggi e Baci

di viaggi, di libri e altre passioni

Tour dell’Andalusia, un viaggio oltre ogni aspettativa

Fino a cinque giorni prima della partenza ero convinta che questa volta non sarei riuscita a partire. Il prezzo del volo è buono, prenotiamo e poi si vedrà – ci eravamo detti quella notte di metà novembre dopo la tanto attesa visita dal neurologo. A quanto pare i dolori tremendi che mi hanno costretta a letto per due mesi, facendomi perdere – tra le altre cose – la sensibilità di entrambi i piedi e di parte della schiena, sono dovuti a un virus che è riuscito a mettere a KO il mio sistema nervoso centrale. Addio, dunque, ai sogni di mare d’inverno e a quel tour della Giordania su cui stavamo fantasticando da giorni.

plaza de toros sevillaPer Natale starai meglio e potrai partire tranquilla, ma evita assolutamente paesi a rischio virale – dice il medico. E noi due, pazzi come sempre, eccoci subito lì a prenotare il primo volo appettibile che ci capita sotto mano. Consapevoli che il viaggio potrebbe saltare o ridursi a una vacanza stanziale in stile ospedaliero, non prenotiamo nulla. Nè la macchina, nè gli hotel e tanto meno la visita all’Alhambra, nonostante tutti dicano che è inaccessibile senza prenotazione anticipata. Lasciamo al caso è al come mi sentirò al mattino i programmi della giornata, pronti a gustarci fino in fondo ogni singolo minuto all’aria aperta che ci verrà regalato nel corso della vacanza. Immagina dunque la mia felicità man mano che i giorni passano e le bellezze dell’Andalusia si svelano ai nostri occhi.

Nonostante ogni pomeriggio io sia costretta a stendermi un paio di ore a letto, alla fine degli 11 giorni  percorreremo 1.310 km. Riusciremo a dormire in 6 città diverse e ad allontanarci un po’ dalle rotte più battute per scoprire aspetti di questa regione che mai mi sarei aspettata prima di partire. Perchè l’Andalusia non è solo la Mezquita di Cordoba, l’Alhambra di Granada e l’Alcazar di Siviglia, ma è davvero molto altro. E forse è proprio questo molto altro ciò che mi colpisce di più e che, ad ogni nuova tappa, mi fa scoppiare il cuore di gioia e guardare il mondo come una bambina.

Partendo da Siviglia, oltre alle classiche meraviglie moresche, i nostri occhi si riempiranno di mille altre meraviglie. Tra queste, gli incredibili resti archeologici di Medina Al-Zahara, a pochi passi da Cordoba:

medina al-zahara

resti archeologici del Califfato di Cordoba a Medina Al-Zahara

L’eleganza rinascimentale di Ubeda e Baeza, due cittadine in provincia di Jaen che tanto mi ricordano nei loro splendori e nelle loro vicende la cara Vicenza:

Ubeda

Ubeda, una delle più belle piazze spagnole

Le stradine acciottolate che si aggrovigliano tra le case imbiancate a calce di paesini come Cormona, Ecija e Antequera:

pueblos blancos, Antequera

Antequera, uno dei pueblos blancos andalusi

Le rupi che incombono sulle casette bianche di Setenil de la Bodegas, offrendo a questo pueblo blanco un’atmosfera davvero unica:

Setenil de la Bodegas

Un pueblo unico nel suo genere: Setenil de la Bodegas

Il paesaggio incredibilmente “toscano” che ci incanta a nord di Ronda:

paesaggio Andalusia

in mezzo a distese interminabili di olivi e una pianura infinita, chi se lo aspetta poi un paesaggio così?

Gli incontri ravvicinati con un toro allo stato brado e una famigliola di caprioli tra le magnifiche formazioni rocciose del Parco di El Torcal:

Parco El Torcal

Tra le incredibili formazioni rocciose di El Torcal

Il paesaggio marziano che circonda le miniere a cielo aperto di Minas de Riotinto:

Minas de Riotinto

ciò che veramente non ti aspetti: le miniere del Riotinto!

Insomma, ogni giorno ci regala scoperte inaspettate e sono una più bella dell’altra. Forse perchè poco pubblicizzate e quindi non previste. O, molto più semplicemente, perchè viste dagli occhi di chi, per un attimo, ha temuto di non poter viaggiare più.

Potrebbero interessarti:
Altri articoli sull’Andalusia
Minorca, spiagge deserte ad agosto
Vacanze in campeggio, 10 motivi per farle con i propri figli
Il bello dei viaggi non organizzati

Annunci

11 commenti su “Tour dell’Andalusia, un viaggio oltre ogni aspettativa

  1. Pingback: 10 viaggi da fare con mio figlio prima che diventi grande | Viaggi e Baci

  2. Norma
    9 gennaio 2015

    Ma che bei posti!
    Io ho fatto il tour della Spagna partendo da Milano in macchina e passando per Barcellona dove abbiamo visto la finale dei mondiali dell’82, Madrid, Cordoba, Granada, Siviglia e Saragozza, proprio il più classico dei giri.
    Mi piacerebbe molto tornare e spendere un po’ di tempo in Andalusia per vedere quei posti un po’ fuori dalle rotte che ci ai raccontato.
    Ciao
    Norma

    • viaggiebaci
      9 gennaio 2015

      Io raramente voglio tornare in una zona già vista, ma questa volta mi piacerebbe tanto perchè a causa delle mie condizioni (e anche della ricchezza incredibile di questa regione) mi resta ancora veramente molto da vedere. Vediamo chi ce la fa prima … 😉

  3. Annalisa Guarelli Pedrina
    9 gennaio 2015

    Ti ho seguita passo passo è anch’io ho scoperto luoghi che a suo tempo non avevamo visitato. Hai fatto veramente un bellissimo viaggio! E sono contenta che tu stia meglio!

    • viaggiebaci
      9 gennaio 2015

      Annalisa cara, potrebbe essere l’occasione per tornarci. Magari in primavera, quando il Coto de Donana diventa il paradiso dei birdwatchers: Silvia ne andrebbe matta!

  4. Alessandra Granata
    8 gennaio 2015

    Meraviglioso!!! Che scoperta!!! Contenta davvero di averti sentita così carica!!

    • viaggiebaci
      9 gennaio 2015

      Grazie cara! D’altronde difficile non essere carica dopo un viaggio, no?!?!

  5. alesprint
    8 gennaio 2015

    Evvai Monica! L’ottimismo e la voglia di andare vincono sempre!

    • viaggiebaci
      9 gennaio 2015

      Ammetto che sapere di avere i biglietti in mano è stato un bel incentivo per guarire! Quasi quasi ne faccio un altro paio così magari mi passa pure l’influenza 😉

  6. Ellisteller
    8 gennaio 2015

    È un viaggio che mi piacerebbe fare da tanto tempo!
    Anni fa sono stata a Siviglia per un corso di spagnolo e l’ho girata abbastanza bene. Ho visto anche Carmona, Cadice e le spiagge affacciate sull’oceano. Prima o poi ci tornerò per vedere il resto dell’Andalusia, con mio marito e il mio bimbo 😊

    • viaggiebaci
      9 gennaio 2015

      Carmona è stata la nostra prima tappa, il primo assaggio di Andalusia e mi ha colpito moltissimo. A Siviglia voglio tornarci perchè questa volta c’era troppa gente e non me la sono goduta per niente e anche perchè ha un paio di cosette nei dintorni che mi mancano ancora. Magari ci troviamo là … 😉

Mi piacerebbe ricevere una tua cartolina, ma puoi lasciare il tuo commento anche qui:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 8 gennaio 2015 da in meraviglie della natura, Spagna con tag , .

Vuoi seguirmi anche sui social? Ehm …

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: